Big data

Dati comScore di gennaio: nel ranking di audience Mobile Web & App Citynews al 2° posto con 15,2 milioni di utenti unici

La classifica vede la Repubblica al primo posto con 17,8 milioni di lettori e il Corriere della Sera al terzo con 14,2 milioni. Luca Lani, CEO di Citynews, commenta: "I dati comScore dicono che, in Italia, la Total Digital Population (l’insieme di lettori da desktop e da mobile) del segmento News è di quasi 39 milioni di persone di cui ben 31,3 milioni solo da mobile web e App. Questo vuol dire che oltre l’80% del consumo di informazione avviene da smartphone e tablet"..

I dati relativi al mese di gennaio e pubblicati pochi giorni fa da comScore, ridisegnano nuovamente la classifica italiana del segmento News/Information.

Il ranking di audience solo Mobile Web & App vede, infatti, il Gruppo Editoriale Citynews conquistare per la prima volta il secondo posto con 15,2 milioni di utenti unici, sopravanzando il Corriere della Sera di 1 milione di lettori e attestandosi ormai a poca distanza dal primo posto occupato da La Repubblica.

 

Grafico

“Le ultime misurazioni comScore rendono merito all’ottimo lavoro editoriale svolto in questi anni dal nostro Gruppo Editoriale, dalle 47 redazioni e dagli oltre200 giornalisti che le compongono – afferma Luca Lani, CEO di Citynews spa –. Il secondo posto nel ranking di audience News solo Mobile Web & App è un risultato molto importante se consideriamo che la fruizione di contenuti digitali in generale e dell’informazione in particolare, avviene ormai prevalentemente da device mobili. I dati comScore dicono che, in Italia, la Total Digital Population (l’insieme di lettori da desktop e da mobile) del segmento News è di quasi 39 milioni di persone di cui ben 31,3 milioni solo da mobile web e App. Questo vuol dire che oltre l’80% del consumo di informazione avviene da smartphone e tablet”.

"Questo risultato è merito non solo degli sforzi editoriali del nostro Gruppo, ma anche della continua innovazione tecnologica delle nostre piattaforme – prosegue Lani –, che ha portato Citynews a puntare, prima di altri competitor, sulla lettura da mobile dei propri contenuti”.

"Citynews nasce nel 2010 – conclude Luca Lani – e fino a pochissimi anni fa esisteva un enorme gap, in termini di audience, tra il nostro e gli storici gruppi editoriali italiani. Se pensiamo che questo divario, ritenuto incolmabile da molti addetti ai lavori, è stato quasi azzerato in così poco tempo, è plausibile pronosticare, nel medio termine, una nostra ulteriore e definitiva scalata alla classifica”.

SP