Foreign Office

Secondo il WSJ Sorrell fuori da WPP perchè accusato di aver pagato una prostituta con soldi aziendali. Il manager smentisce

Attraverso un suo portavoce il manager ricorda di aver firmato con il Gruppo un accordo di riservatezza che gli impedisce di parlare delle circostanze che hanno portato alle sue dimissioni. Sorrell nega inoltre sia di aver avuto dei rapporti con una prostituta sia di aver utilizzato in modo scorretto soldi aziendali.

Un articolo apparso i giorni scorso sul  Wall Street Journal sostiene che il motivo per il quale Martin Sorrell è stato costretto ad uscire da WPP, gruppo che ha fondato e guidato per 33 anni portandolo ad essere la maggiore multinazionale pubblicitaria a livello mondiale, sarebbe l'accusa di aver utilizzato soldi aziendali per pagare una prostituta.  

Dalle indiscrezioni sembra che Sorrell sia stato accusato da un autista scontento per aver perso il lavoro.

Fino ad oggi si sapeva che il manager si era dimesso dalla guida di WPP dopo l'apertura, da parte del CdA del Gruppo, di un'indagine interna su un suo possibile uso improprio di fondi aziendali.

Immediata la risposta di Sorrell: un suo portavoce, si legge sulla stampa estera, commentando l'articolo apparso sul Wall Street Journal, ha dichiarato che il manager ha firmato con WPP un accordo di riservatezza che gli impedisce di parlare delle circostanze che hanno portato alle sue dimissioni. Ed ha aggiunto che  Sorrell nega sia di aver avuto dei rapporti con una prostituta sia di aver utilizzato in modo scorretto soldi aziendali.

Intanto Martin Sorrel, che non ha un patto di non concorrenza, è tornato nell'industry della pubblicità con una nuova sfida, la società S4 Capital (leggi news).