Foreign Office

WPP Group abbassa le stime di chiusura d'anno e prevede un 2017 in pareggio

Ottimismo invece guardando al 2018, anno in cui il Gruppo di cui è Ceo Sir. Martin Sorell prevede una ripresa degli investimenti pubblicitari soprattutto grazie ad eventi favorevoli tra cui quelli sportivi (Mondiali di calcio in Russia e Olimpiadi invernali in Corea).

Dopo un nuovo calo dei ricavi pari a circa il -2% registrato nel terzo trimestre del 2017, WPP Group rivede al ribasso, come aveva già fatto al termine del primo semestre (leggi news),  le sue stime di chiusura d'anno. Per il Gruppo di cui è Ceo Sir. Martin Sorell il 2017 verrà archiviato con un risultato in linea con quello dello scorso anno, a differenza della crescita tra 0,3% e 1% stimata ad agosto e che a inizio anno era vicina al +2% (leggi news).

Come riportato da Campaign, tra le cause delle performance peggiorative del Gruppo sicuramente il taglio degli investimenti di alcuni dei grandi clienti in portafoglio come FMCG Procter & Gamble e Unilever in ottemperanza a politiche di spending review, ma anche l'aumento degli inserzionisti che acquistano direttamente da piattaforme tecnologiche come Google e Facebook.

Ottimismo invece guardando al 2018, anno in cui il Gruppo prevede una ripresa degli investimenti pubblicitari soprattutto grazie ad eventi favorevoli tra cui quelli sportivi (Mondiali di calcio in Russia e Olimpiadi invernali in Corea).