Gare

Unilever chiude la gara globale da 3,3 miliardi di dollari e conferma Mindshare a cui amplia l'incarico

L'agenzia di GroupM estende il numero di mercati nei quali si occuperà delle attività di media planning & buying per la multinazionale, arrivando, si stima, a gestire circa l'80% dello spending complessivo della company. Alcuni mercati sono stati assegnati a PHD (Omnicom), ad Havas Media (Francia) e a Initiative.

 Unilever ha chiuso la gara media globale del valore stimabile in 3,3 miliaridi di dollari avviata a inizio anno per la gestione del media planning & buying pubblicitario, ampliando l'incarico gestito da Mindshare, che già seguiva la multinazionale in diversi mercati, Italia compresa e anch'essa riconfermata.

L'agenzia di GroupM, con la vittoria del pitch e l'estensione dell'incarico,  avrebbe in gestione circa l'80% della spesa media complessiva di Unilever.

La sigla continuerà ad occuparsi dei principali mercati di riferimento della company, come, oltre all'Italia, dove il business dovrebbe valere circa 30 milioni di euro, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, l'India, l'Indonesia e la Cina e avvia la collaborazione   nelle Filippine, in Thailandia, Vietnam, nel Sud-Est asiatico, in Asia meridionale, nei Paesi Bassi, in Belgio, Svezia, nei Paesi nordici, in Polonia, Europa orientale e Irlanda. 

PHD, l'agenzia di Omnicom, si è aggiudicata l'incarico in Austria, Germania, Svizzera, Canada, Nord Africa, Medio Oriente e Turchia, subentrando a WPP, mentre Havas Media seguirà la company del largo consumo in Francia.  Alcune responsabilità verranno mantenute da Initiative (Ipg).   

Alla gara di Unilever avrebbero partecipato anche  Publicis, Dentsu e Accenture Interactive.