Digital

Il piano di accelerazione digitale di Hearst spinge traffico (+116%) e visualizzazioni (ad agosto +31% le video views)

Tra le performance migliori, l’incremento registrato dal traffico totale dei siti del gruppo: 260 milioni di sessioni nel periodo gennaio agosto 2021 anche grazie agli ottimi risultati di Elle ed Esquire. A trainare la crescita anche il traffico video e i social media.

Cresce a tre cifre il digital di Hearst Italia, sul 2020, ma anche, in modo consistente, rispetto al periodo pre pandemia. I dati che confrontano il 2021 con il 2019, vedono in molti casi, dopo il segno positivo, numeri che vanno oltre il 100%. Un aumento del traffico consistente, espresso sia dai KPI principali di sessioni, video e viewability sia dalle cifre di diversi brand del gruppo. Numeri che dimostrano come Hearst abbia affrontato in modo reattivo i cambiamenti portati al mercato dalla pandemia e mettendo in primo piano il digitale nella riorganizzazione dell’azienda: una strategia che si sta rivelando positiva sotto molti punti di vista. 

Il dato che colpisce maggiormente è l’incremento registrato dal traffico totale dei siti Hearst260 milioni di sessioni nel periodo gennaio agosto 2021 che segnano + 116 % vs lo stesso periodo del 2019

Il campione di questa crescita è Elle.com/it, con 17 milioni di sessioni registrate in Agosto 2021, una cifra che ha superato l’obiettivo fissato dal brand per tutto il 2021. 

Grazie a questa linea Elle/com.it si sta sempre più rivelando il leader del segmento femminili alto di gamma con 6,9 milioni di utenti unici (Comscore agosto 2021). 

Benissimo Esquire che ad agosto 2021 ha totalizzato 8,6 milioni di sessioni segnando + 220% vs agosto 2020 ed è leader del segmento con 4,8 milioni di utenti unici (Comscore agosto 2021).

Anche Harper’s Bazaar – grazie alle tendenze moda primavera estate 2022  espresse nelle fashion week, totalizza nel mese di settembre oltre 1 milione e 100mila visite, +150% di utenti e sessioni +151% di pagine viste rispetto al mese precedente (dati Google Analytics).

Dati che indicano come il traffico dei siti Hearst sia diventato il più rilevante tra gli editori di magazine di target alto.

A trainare la crescita c’è anche il traffico video: Hearst Italia incassa i frutti di un lavoro verso qualità, video velocity e capacità di utilizzare i video in modo sempre più performante per i propri canali. Agosto 2021 porta l’asticella a quasi 15 milioni di video views: un risultato che vale il +31% rispetto all’obiettivo fissato per  dicembre 2021 e il triplo rispetto a soli 10 mesi fa, quando è stata costituita la divisione video e visual, desk centrale ad hoc specializzato nella produzione e distribuzione video editoriali.   

Che i video di Hearst piacciano agli utenti è dimostrato anche dai dati di viewability.  Le testate Hearst hanno raggiunto ad agosto 2021 una viewability media dell’80% e un completion rate del 75%, un dato importante che conferma la qualità dei contenuti e l’engagement del pubblico.

Bene anche le cifre dei social media, i dati fanno registrare un aumento con segno positivo su tutti i profili social tra i quali spicca Harper's Bazaar con un +78% di settembre 2021 rispetto a gennaio dello stesso anno.

Massimo Russo (nella foto), Chief Content Officer Hearst Italia, commenta i dati: “Risultati così importanti sul digitale si accompagnano in questi giorni ai dati positivi per la stampa emersi dalla rilevazione Audipress II 2021, che vedono Elle in crescita di lettrici del 14%, mentre Marie Claire e Cosmopolitan aumentano del 5%. Si rafforza la rilevanza delle testate Hearst su tutte le piattaforme. Una conferma della bontà della nostra strategia glocal: globali nella tecnologia e nell’infrastruttura, profondamente locali nell’approccio editoriale e nella capacità di intercettare tendenze e bisogni del pubblico”.