UPDATE:
Gazzetta.it ad agosto è primo sito d’informazione in Italia con oltre 4,6 mln di utenti unici medi al giorno. Nei primi 8 mesi dell’anno la raccolta sulla piattaforma digital cresce del +73%. Per il Sistema Gazzetta +68%Radio 24 segue Tuttofood e Host Milano in diretta dalla Fiera di Milano Rho dal 22 al 26 ottobre. Gli eventi sono sostenuti da una campagna radiofonica, digital e social del Gruppo 24 OreVIS e Minerva Pictures producono “Miss Fallaci takes America”, la prima serie originale di Paramount+ per l'Italia“Redefining desire to provoke action”, il nuovo posizionamento di Leagas Delaney con un focus su contemporaneità e rilevanza. Dopo un 2020 con utile netto a +10%, l'agenzia cresce del +5/7%Tuorlo Magazine debutta nel mondo dei documentari su Infinity Plus con "Still Hungry", il lungometraggio co-prodotto con Infinity LabPiccole bugie, grandi verità: Actionaid e Ciaopeople insieme ai Sansoni per raccontare i diritti dei bambiniStosa Cucine in comunicazione con una pianificazione crosscanale e un long video durante Striscia la Notizia. Creatività di DigitalMind Il nuovo spot di Caffè Borbone racconta la magia di Napoli attraverso il caffè compatibile. Firma Serviceplan. Pianifica MediacomGruppo DESA torna in radio e televisione con lo sgrassatore universale Chanteclair e investe 6,5 milioni in comunicazione nel 2021 (+38%)Nasce ITA Airways, la nuova compagnia di bandiera italiana che decolla con un'anima da startup, una livrea azzurra e il tricolore. Al via la campagna di Landor&Fitch, VMLY&R e Groupm all'insegna di 'Born in 2021'
Educational

Diennea protagonista nel progetto dell’Università di Maastricht 'Data Protection as a Corporate Social Responsability'

Il progetto, ideato per promuovere la responsabilità sociale d'impresa in materia di protezione dei dati personali, ha visto il coinvolgimento della company nella realizzazione di un set di icone ideate per permettere agli utenti di riconoscere in modo semplice e immediato i trattamenti a rischio più elevato.

Nel corso degli ultimi anni sostenibilità e data protection sono stati certamente tra i temi più discussi in ambito europeo e mondiale, con il primo ormai da mesi nelle agende politiche globali, tanto sul piano sociale, quanto su quello aziendale, e il secondo che sta prendendo sempre più piede come conseguenza delle intense attività sanzionatorie delle Autorità europee e della famosa sentenza Schrems II, che ha invalidato il Privacy Shield e limitato estremamente la possibilità di trasferimento dei dati al di fuori dell’UE.

Si inserisce in questo scenario il progetto di ricerca dell’Università di Maastricht nato nel gennaio 2020 “Data Protection as a Corporate Social Responsability” (DPCSR), diretto dal Prof. Dr. Paolo Balboni, noto docente e professionista del settore, che vede Diennea,  in qualità di Technology Business Champion, al fianco dei autorevoli Data Protection Stakeholder, tra i quali si annoverano rappresentanti di Autorità europee per la protezione dei dati personali.

Il progetto ha permesso in questo 2021 il raggiungimento dell'obiettivo di promuovere la protezione dei dati personali su un piano etico, grazie alla conversione in 15 regole concrete, misurabili e implementabili, dei cinque principi della responsabilità sociale di impresa, che sono: includere la protezione dei dati e la sicurezza informatica nella progettazione dei processi aziendali; essere trasparenti con i cittadini in relazione alla raccolta e al trattamento dei loro dati; bilanciare i profitti dell'azienda con gli effettivi benefici per i cittadini; pubblicare i risultati rilevanti, basati su dati statistici/anonimi, al fine di migliorare la società; destinare parte dei ricavi a campagne di sensibilizzazione dei cittadini relative all’odierna società dei dati.

Uno degli obiettivi principali è stato quello di promuovere un'elaborazione dei dati sostenibile e trasparente. Per raggiungere tale obiettivo, tuttavia, devono essere superati quei tipici ostacoli legati alla comunicazione e alla comprensione universale dei trattamenti. Il focus è quindi stato posto sulle modalità con cui le persone vengono informate sulle attività di trattamento che riguardano i propri dati.

Dopo una fase di ricerca basata sulla letteratura internazionale, si è giunti alla conclusione che affiancare icone ai form di raccolta dati e alle informative privacy, possa fornire agli utenti un'immediata e consapevole comprensione di eventuali attività di elaborazione dati ad alto rischio.

Per un periodo di due mesi, abbiamo preso parte ad un team ristretto di esperti per sviluppare i primi schizzi delle cinque icone UM DPCSR secondo il Principio n.2, Be transparent with citizens about the collection of their data, Regola n.1, Before processing. The organization shall use icons (and sounds) for an easly visible, intelligible and clearly legible provision of information concerning the intended processing. Electronically presented icons shoulld be machine-readable. (Recital 60 GDPR and Article 13).

L’ expertise di Diennea, maturata in oltre vent’anni di attività, ha giocato un ruolo fondamentale nella realizzazione creativa e tecnica del set di icone.

“Questo set di icone costituisce un importante e concreto passo per tutte quelle aziende che offrono servizi basati sul trattamento dei dati personali e che desiderano costruire con i propri utenti un rapporto di trasparenza e fiducia” dichiara Fabio Masini, Chief Technology Officer di Diennea. “L’augurio è che queste icone, dopo un’attenta fase di test sulla popolazione dell’Unione Europea, possano diventare presto uno standard di mercato”.