Eventi

Con un 'shortlist party' aperto a tutti si apre stasera a Base Milano IF! Italians Festival. Sotto la lente le sfide della creatività tra human intelligence e tecnologia e un'occhiata al futuro. Parola di Lampugnani e Nenna

Alle 19.30 di questa sera, con una festa per presentare le campagne in shortlist agli ADCI Awards, si aprirà il sipario sulla quinta edizione dell'evento dedicato alla creatività e organizzato da ADCI e Assocom in collaborazione con Google. Venerdì 9 e sabato 10 novembre spazio a workshop, incontri e talk per esplorare, come spiegano ad ADVexpress Nicola Lampugnani (vp ADCI) ed Emanuele Nenna (presidente Assocom) tutte le sfaccettature della Human Intelligence, il rapporto tra creatività e tecnologia, i nuovi trend nel mondo della comunicazione e in generale per creare occasioni di confronto e di scambio. In modo da fornire 'carburante' ed energia ai professionisti del settore, agli aspiranti creativi, alle aziende e a tutti coloro per i quali la creatività è un motore fondamentale.


Per la prima volta quest'anno sarà uno shortlist party aperto a tutti ad inaugurare, questa sera a Base Milano, la quinta edizione di IF! Italians Festival, il festival della creatività organizzato da ADCI e Assocom in collaborazione con Google.

Nicola Lampugnani (foto in alto),  Brand & Creative Senior director Discovery Italia, vice presidente ADCI e membro del comitato organizzatore di IF!, racconta ad ADVexpress che, come già avviene da due edizioni, la serata apre il Festival e mette in mostra per tutti i presenti le campagne che la giuria ha da poco votato per assegnare gli ADCI Awards offrendo un primo assaggio della creatività italiana che ha gareggiato.  "Mi piace ricordare, peraltro - spiega Lampugnani -  come il panel dei giurati sia composto sia da creativi che da clienti ed esperti, a testimonianza della volontà del premio di intercettare tutte le sfaccettature di una comunicazione in grande cambiamento tenendo conto di tutti gli aspetti e i punti di vista. Lo shortlist party sarà pertanto un momento interessante per tutti, giovani, aspiranti creativi, professionisti, aziende e risponde alla volontà di rendere IF! un momento di confronto e networking, dove dall'incontro di idee e connessioni tra le persone si generano idee e spunti di successo".


Veniamo al Festival che quest'anno accende i fari su tre aspetti centrali della comunicazione oggi: creatività, tecnologia e intelligenza umana. Come si rapportano queste tre leve e come interagiscono tra loro?
"Creatività e tecnologia sono due vasi comunicanti e funzionano solo se intesi come due elementi tra loro in sinergia che interagendo generano nuovi risultati e producono nuovi punti di vista" spiega il vp di ADCI. "Ricordiamoci che la tecnologia per evolversi ha bisogno della creatività e della capacità dell'intelligenza umana di comprendere il comportamento delle persone nel consumo dei prodotti,  nella scelta dei brand e nelle modalità di fruizione dei media e dei device. Le idee che funzionano sulle piattaforme tecnologiche, infatti, sono quelle che soddisfano le esigenze delle persone, a volte anche anticipandole" prosegue Lampugnani.
IF! rifletterà anche sulla capacità della tecnologia di avvicinare le persone e di rendere ancor più accessibili e comprensibili i messaggi pubblicitari. 

Tutti fattori, questi, che richiedono ai creativi nuove competenze specifiche e la capacità di rendere la tecnologia fruibile e accessibile a tutti, oltrechè condivisibile. 

La human intelligence che IF! esplora in tutte le sue sfaccettature, diventa un asset fondamentale a servizio dei marchi e delle aziende nel risolvere i loro problemi di comunicazione anche grazie alla sua abilità nell'interpretare la grande mole di dati a disposizione oggi delle aziende e degli stessi creativi, trasformandoli in insight.  Da qui la centralità della consulenza strategica di marca oltrechè di comunicazione offerta al mercato da chi fa creatività, un asset che nessuna intelligenza artificiale o macchina potrà sostituire. 
Perchè dunque è fondamentale partecipare a IF!?  "Perchè il Festival rappresenta un carburante energizzante per i creativi, uno stimolatore di creatività e di pensiero, due elementi dai quali il nostro mestiere non può prescindere".

Gli fa eco Emanuele Nenna, presidente Assocom (foto sotto), che riflette su come il Festival offra ad addetti ai lavori, ai creativi e a chi intende diventarlo interessanti momenti di formazione.

Emanuele Nenna, presidente Assocom

Come 'The Wise Ceo', che offre a creativi e comunicatori  l’opportunità unica di un incontro One-to-One con il CEO di un’agenzia (media, pubblicità, PR, eventi…). Non sarà un colloquio di lavoro: i partecipanti avranno a disposizione 15 minuti per chiedere consigli di ogni tipo, sulla strada giusta da percorrere, su quali obiettivi porsi o sul funzionamento organizzativo di un’agenzia. Un incontro di orientamento in cui persone di esperienza (e di successo) si mettono a disposizione di chi vuole iniziare o cambiare lavoro.

Insomma, IF!, spiega Nenna, vuole fornire ai giovani strumenti, consigli e suggerimenti per entrare a far parte di un mondo della comunicazione più sano, contribuendo a creare un mercato migliore e più consapevole. Mettendo sempre al centro la creatività, come fa IF! da quando è stato lanciato da ADCI e Assocom con Google. Perchè, conclude Nenna, "dobbiamo essere noi ad orientare il futuro ed è il caso di metterci lo zampino della creatività e dell'intelligenza umana per guidarlo al meglio". 

Clicca qui per il programma del Festival.