Mercato

B Heroes entra nel vivo: svelate le 32 startup che fanno parte del progetto promosso da Fabio Cannavale e Intesa Sanpaolo, che sarà anche online e in tv. Per la banca nessuna gara media all’orizzonte

Nei prossimi giorni un panel di imprenditori e manager selezioneranno le 12 startup ammesse al programma di accelerazione della durata di tre mesi che partirà il 18 gennaio e che offrirà la possibilità di ricevere investimenti per almeno 800.000 euro. B Heroes è anche un progetto di comunicazione: i canali digitali seguiranno tutte le fasi dell'iniziativa e la televisione ne farà una sintesi, che andrà in onda sul canale Nove (sei puntate fino alla finale del 20 maggio). La casa di produzione è Yam112003, l’agenzia digital che realizzerà una campagna continuativa sui principali social media è quella di Intesa Sanpaolo, ossia Akqa, mentre il sito internet Bheroes.it è stato realizzato da Lastminute Foundation. Come chiarito a margine della conferenza da Fabrizio Paschina, head of advertising and web Intesa Sanpaolo, smentendo i rumors in corso, per la banca, al momento, non c’è nessuna gara media all’orizzonte.

Favorire la crescita e promuovere la cultura d’impresa delle migliori startup italiane. Sono questi, in estrema sintesi, gli obiettivi di B Heroes, il progetto, arrivato ai nastri di partenza, promosso da Fabio Cannavale, presidente della Lm Foundation e Ceo di Lastminute.com Group, e Intesa Sanpaolo. Al progetto hanno aderito, in diverse forme, alcune delle più importanti aziende innovative presenti in Italia e oltre 100 manager e imprenditori.

Oggi, 12 gennaio 2018, presso la filiale di Milano di Intesa Sanpaolo, alla presenza dell’assessore alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano, Roberta Cocco, sono state annunciate le 32 startup che accederanno, nei prossimi giorni, alle diverse fasi del programma di accelerazione, suddivise in quattro categorie: Lifestyle, Business Innovation, Consumer Product, Sharing & Social.

In soli 100 giorni, sono state circa 540 le startup che hanno richiesto di partecipare alle pre-selezioni che sono state organizzate da Boost Heroes, società di partecipazioni specializzata in investimenti e supporto alla crescita di aziende nelle prime fasi di sviluppo.

In 12 eventi e che hanno toccato 9 città diverse sul territorio nazionale sono stati coinvolti più di 100 imprenditori italiani, che hanno selezionato 250 tra le startup candidate.

Tra queste sono state scelte 32 startup, che nei prossimi giorni saranno selezionate da un panel di imprenditori e manager esperti per ciascuna categoria. Questi sul ‘ring’ di B Heroes sceglieranno le 12 startup ammesse al programma di accelerazione della durata di tre mesi che partirà il 18 gennaio e che offrirà la possibilità di ricevere investimenti per almeno 800.000 euro.

Durante questo periodo le startup potranno avvalersi di un meccanismo di affiancamento e confronto ‘peer to peer’. B Heroes pone al centro del proprio progetto il tema della formazione dei nuovi imprenditori, offrendo alle startup la possibilità di interagire e confrontarsi con imprenditori emergenti e tradizionali di primo piano.

Il programma di accelerazione si svolgerà in Cariplo Factory, l’hub di open innovation, Csr e talent management creato da Fondazione Cariplo, che si trova all'interno di Base Milano.

L’intenzione, come esplicitato da Cannavale, è che B Heroes possa diventare un progetto continuativo nel tempo, in grado di ripetersi ogni anno, “come fosse il Festival di Sanremo delle migliori startup italiane”.

B HEROES SUL WEB E IN TV

Come spiegato da Cannavale, B Heroes è anche un progetto di comunicazione: i canali digitali seguiranno tutte le diverse fasi e la televisione ne farà una sintesi che andrà in onda sul canale Nove del gruppo Discovery Italia, media partner del progetto. Nel complesso sono previste sei puntate fino alla finale del 20 maggio, le prime due andranno in onda già nel mese di marzo. La casa di produzione è Yam112003, l’agenzia digital che realizzerà una campagna continuativa sui principali social media è quella di Intesa Sanpaolo, ossia Akqa, mentre il sito internet Bheroes.it è stato realizzato internamente dalla Lastminute Foundation.

La conferenza di quest’oggi è stata anche l’occasione per parlare con Fabrizio Paschina, head of advertising and web Intesa Sanpaolo, il quale, smentendo i rumors in corso, ha chiarito che per la banca, al momento, non c’è nessuna gara media all’orizzonte.

B Heroes nasce dalla volontà di “favorire la crescita del  tessuto imprenditoriale italiano - ha spiegato Cannavale - sviluppando la capacità di fare sistema sia dei nuovi imprenditori sia delle imprese più tradizionali che hanno bisogno di investire in startup per innovarsi. Ma altrettanto importante perché possa crearsi un ambiente favorevole allo sviluppo di imprese in Italia è un cambio culturale più ampio, che coinvolga le famiglie, i giovani e veda l’imprenditore come una figura valoriale positiva”.

Come anticipato precedentemente, un ruolo determinante è svolto dal main partner dell’operazione Intesa Sanpaolo, gruppo bancario impegnato in prima fila per l’innovazione e la crescita del sistema imprenditoriale del Paese, che sostiene attivamente il progetto permettendone la realizzazione.

“Abbiamo a cuore lo sviluppo di persone, imprese e competenze - ha dichiarato Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori Intesa Sanpaolo - anche attraverso l’innovazione, al fine di esplorare nuovi canali e nuove modalità per valorizzare il potenziale delle imprese italiane, con particolare attenzione e curiosità proprio verso le startup. Lo slancio che può derivare da un progetto come B Heroes all’intero sistema imprenditoriale deve poter appoggiarsi a un Gruppo come il nostro, vicino all’imprenditore per la presenza capillare in ambiti di business diversi e contigui oltre che su tutto il territorio nazionale e all’estero. Intendiamo continuare a essere il motore dell'innovazione e della crescita del tessuto imprenditoriale italiano, sostenendo nuove idee e nuove aziende, promuovendo l’Open Innovation e l’interscambio tra ‘nuovi’ e ‘vecchi’ imprenditori, anche attraverso le competenze dell’Innovation Center e del relativo fondo di Corporate Venture Capital Neva Finventures”.

Cariplo Factory collaborerà al progetto mettendo a disposizione delle startup di B Heroes coach e mentor. “Cariplo Factory nasce con la mission di sostenere la crescita delle startup e dei talenti italiani - ha dichiarato Carlo Mango, consigliere delegato Cariplo Factory - per questa ragione B Heroes ha trovato nel nostro hub di innovazione la sua collocazione naturale. Abbiamo creato growITup, una piattaforma di Open Innovation in collaborazione con Microsoft Italia, Lavoriamo quotidianamente con tutti gli attori dell’ecosistema per permettere a imprese ad alto potenziale di crescere e portare valore sul mercato: siamo contenti di offrire il nostro know-how e la nostra esperienza ai giovani imprenditori di B Heroes e contribuire al loro percorso di crescita”.

I PARTNER

B Heroes è inoltre sostenuto da ulteriori partner che metteranno a disposizione dei selezionati pacchetti di servizi per sviluppare business e competenze. Tra questi: Amazon Web Service, Bip, Business Integration Partners, BonelliErede, Contactlab, Google, Facebook, Microsoft, Seri Jakala, Vidiemme, Mamacrowd.

COME FUNZIONA B HEROES

Il programma di accelerazione inizierà il 18 gennaio e vedrà le 12 startup, divise nelle 4 categorie e supportate nell’intero percorso da 4 coach: Davide Dattoli di Talent Garden per la categoria Lifestyle, Ugo Parodi Giusino di Mosaicoon per Business Innovation, Luca Ferrari di Bending Spoons per Consumer Products, Gian Luca Comandini di You & Web per Sharing & Social.  Veri e propri allenatori scelti tra i migliori giovani imprenditori di successo in Italia a loro volta affiancati da ulteriori coach, uno per ogni startup, che accompagneranno le singole imprese nell’intero percorso.

Durante tutte le fasi di accelerazione le startup avranno a disposizione inoltre oltre 100 mentor tra imprenditori e manager di successo, che offriranno alle startup incontri one to one per confrontarsi e avere elementi di formazione, anche su temi specifici.

Alla fine dei tre mesi, 4 startup accederanno alla finale nell’ambito di un evento promosso da Intesa Sanpaolo, al quale prenderanno parte le imprese italiane più dinamiche e innovative, nonché possibili investitori tra cui Neva Finventures, il Corporate Venture Capital del Gruppo Intesa Sanpaolo, impegnato a individuare i campioni di domani e che, nell’ambito di questa selezione, investirà 300.000 euro in un programma di Scale Up internazionale (Londra, Hong Kong, New York, Dubai e Tel Aviv), con l’obiettivo di rendere attrattive le startup selezionate attraverso le attività di business development ed equity fund raising. La startup giudicata migliore nella finale riceverà un investimento di 500.000 euro da parte di Boost Heroes.

LE 32 STARTUP SELEZIONATE

LIFESTYLE

•BidTo Trip

•FitPrime

•Mamma M'Ama

•Amyko

•Babaiola

•Drexcode

•Evja

•Nuvap

Super Coach: Davide Dattoli, Talent Garden

BUSINESS INNOVATION

2Hire

•FlyUp

•Soluzione Tasse

•Zzzleepand Go

•3bee

•Lex Do It

•Indigo •Oval

Super Coach: Ugo Parodi Giusino, Mosaicoon

CONSUMER PRODUCT

•Blubrake

•Deed

•GoodBuyAuto

•Martha's Cottage

•WashOut

•Filo

•Visual Note

•Homepal

Super Coach: Luca Ferrari, Bending Spoons

SHARING & SOCIAL

•BnBSitter

•MiMoto

•Start2Impact

•Teeser

•Intertwine

•Uniwhere

•SlidingLife

•MarshmallowGames

Super Coach: Gian Luca Comandini, You & Web

Mario Garaffa