Mercato

A Ecomondo, Amapola lancia il decalogo della comunicazione ambientale

L’agenzia presenta oggi, 26 ottobre, tramite Sergio Vazzoler, presente all’evento di Rimini, un vademecum di buone pratiche e “consigli di sopravvivenza” nel contesto della tavola rotonda organizzata da FISE Assoambiente intitolata “Impianti gestione rifiuti e sostenibilità: fake news e bias cognitivi". Il panel ha ospitato il contributo di numerosi esperti e toccato temi come la credibilità comunicativa, le fake news, le distorsioni cognitive e la comunicazione ambientale.

Amapola, l’agenzia di comunicazione specializzata in sostenibilità dal 2009, lancia a Ecomondo il decalogo della comunicazione ambientale, una ideale cassetta degli attrezzi utili a governare un tema che oggi è sempre più attuale e centrale.

L’instant book (a questo link) è stato presentato oggi, 26 ottobre, da Sergio Vazzoler, partner dell’agenzia e comunicatore ambientale, nel contesto della tavola rotonda organizzata da FISE Assoambiente (ore 14-16, Padiglione 6) e intitolata “Impianti gestione rifiuti e sostenibilità: fake news e bias cognitivi". Il panel ospiterà il contributo di numerosi esperti e toccherà temi come la credibilità comunicativa, le fake news, le distorsioni cognitive e, naturalmente, la comunicazione ambientale.

Come raccontare la transizione ecologica? Come trovare una narrazione convincente, che faccia presa sull’immaginario comune e coinvolga i nostri interlocutori? In che modo evitare le insidie del greenwashing? E quali strategie adottare sui social? In dieci punti, il decalogo propone strategie e strumenti concreti per comunicare in modo efficace e incisivo le tematiche ambientali.

«Oggi le tematiche ambientali vivono finalmente un’autentica esplosione di interesse – spiega Sergio Vazzolere nel prossimo futuro tutti i comunicatori dovranno avere competenze in questo campo. La comunicazione ambientale, però, soffre di complessità e deve gestire contraddizioni, conflitti, ansie e dubbi che rischiano di deflagrare se non governati. Il decalogo della comunicazione ambientale riunisce indicazioni, stimoli e strumenti che vengono da oltre vent’anni di esperienze sul campo, tra conferme, smentite e profondi quanto repentini cambiamenti. Ma, soprattutto, il decalogo vuole essere un faro puntato sul ruolo strategico della comunicazione nel sostenere la transizione ecologica».