Media

Al via la nuova stagione targata Fox, con 30 nuove serie e 130 prime visioni, all'insegna di 'Super Content is the King'. Nasce il Branded Content Studio di National Geographic. Le brand partnership crescono del +12% e valgono il 18% del fatturato adv

Alessandro Militi, Vice President Marketing&Sales di Fox Networks Group Italy, ha presentato tutte le novità in arrivo nei prossimi mesi: l'obiettivo è garantire agli investitori l'opportunità di intercettare l'ambito target dei Mixennials (15-44 anni), grazie a una programmazione che punta sulla qualità. In cantiere anche altre produzioni originali in ambito femminile.

Inaugurata da 'Romolo + Giuly', la serie che dal web ha debuttato in tv con ottimi risultati, si è aperta la nuova stagione di Fox Networks Group, che si annuncia particolarmente ricca grazie a 130 nuovi titoli, di cui 30 nuovi arrivi e 100 returning series, per una media di 3 grandi prime visioni a settimana. A queste si aggiungeranno altre produzioni originali già in cantiere, che riguardano soprattutto l'ambito femminile

A raccontarlo è stato Alessandro Militi, Vice President Marketing&Sales di Fox Networks Group Italy, che ha sottolineato: "Oggi per farsi notare in un panorama televisivo iper frammentato non è più sufficiente produrre contenuto, ma è indispensabile poter contare su contenuto di ottima qualità. Per questo motivo vogliamo lanciare un nuovo statement, 'Super Content is the King, Attention is the Queen', per rimarcare anche come l'attenzione dei consumatori oggi sia un bene sempre più difficile da ottenere, considerata l'ampissima offerta e il tempo sempre più ridotto a disposizione".

National Geographic continua a essere un brand strategico per il Gruppo, come dimostra anche la decisione di lanciare in Italia il Branded Content Studio, l’hub produttivo che offre ai clienti la possibilità di realizzare progetti di impatto realizzati da i migliori documentaristi di National Geographic, italiani e internazionali. E' frutto del Branded Content Studio ad esempio 'Breaking 2', la serie targata Nike andata in onda in 67 Paesi del mondo tradotta in 34 lingue differenti. "D'ora in poi saremo in grado di offrire lo stesso tipo di esperienza anche alle marche italiane che necessitano di uno spread internazionale", ha affermato Militi.

Il raggio di azione di National Geographic non è legato soltanto alla tv. "Si tratta di un brand a tutto tondo: la rivista è in edicola dal 1888, quattro mesi fa è stato lanciato il magazine 'Traveller', l'1 ottobre ha debuttato National Geographic +, nuovo servizio disponibile solo su Sky on Demand che propone una selezione dei titoli targati National Geographic, in libreria ci sono le guide edite da White Star, inoltre, grazie a National Geographic Expeditions, è possibile anche prenotare viaggi esclusivi accompagnati dalle guide di National Geographic", ha affermato il manager. 

D'altra parte, allargando il campo all'intera realtà Fox, appare evidente come la televisione sia soltanto uno dei pilastri. Ad esempio gli eventi sono un altro asset importante. "Siamo molto presenti anche sul territorio - ha dichiarato Militi - . basti pensare che a Roma andrà in scena il prossimo aprile la terza edizione del Festival delle Scienze e che dal 30 novembre al 3 dicembre è in programma a Base Milano Fox Circus, che consentirà ai fan delle serie Fox di immergersi nei mondi dei loro titoli preferiti, oltre che di assistere a premiere italiane e internazionali, e di incontrare talenti stranieri e italiani".

E poi c'è il digitale, che sta regalando ottimi numeri: mediamente ogni mese i web magazine di Fox Networks Group (mondofox.it, foxlife.it e foxsports.it) riescono a catalizzare l’attenzione di oltre 7 milioni di utenti unici (dati Google Analytics) in crescita del +83% rispetto al 2017. La currency più pregiata, i video, è anch’essa in forte crescita rispetto al 2017. Ogni mese il network sviluppa più di 8 milioni di video visti con un incremento del +32% rispetto al 2017. Il pubblico di Fox è un pubblico coinvolto a tal punto da generare ogni mese 6 milioni di interazioni sui post creati su Facebook, con un tasso di engagement del 12% pari a 3 volte quello della media di mercato stimato da We Are Social al 3,9%.

A fronte di questi risultati i ricavi pubblicitari dei siti nell’anno fiscale si sono chiusi in crescita del +21% rispetto all’anno fiscale ‘17. Anche la fruizione On Demand dei contenuti continua ad essere molto apprezzata dagli abbonati. L’anno fiscale ‘18 si è chiuso con più di 150 milioni di download con una crescita del +35% rispetto all’anno fiscale ‘17. Crescita anche per foxlife.it che, lanciato nel luglio 2017, sfonda i 2 milioni di utenti unici mensili con quasi l’80% di donne che, tra moda, serie tv, cucina e tempo libero, scelgono il sito come loro punto di riferimento.

Restando sui numeri, vale la pena indicare che nell’anno fiscale ‘18 (luglio ‘17–giugno ‘18) Fox Networks Group ha rappresentato il 17% degli ascolti della piattaforma Sky. Importante anche il dato relativo ai GRP: Fox Networks Group infatti rappresenta il 36% dei GRP vendibili da Sky Media, cioè più del doppio della share degli ascolti (17%).

Sempre nell’anno fiscale ’18, i canali Fox, che valgono il 95% della pianificazione pubblicitaria (Fox, FoxLife, FoxCrime, National Geographic e Nat Geo Wild), sono cresciuti del +2% in ascolto medio con modalità Live+Vosdal (quella di maggior interesse per gli inserzionisti) rispetto al FY17. Un dato importante considerando il forte incremento dei download dei contenuti on demand (150 milioni di download con una crescita del +35% rispetto al FY17) che dimostra come con un contenuto di qualità, la fruizione on demand possa rappresentare uno stimolo anche per quella lineare Live+Vosdal.

"Oggi Fox Networks Group rappresenta 2% di share tv su un target ampio ma molto pregiato che abbiamo definito MIXENNIALS, cioè i 15-44enni - ha spiegato Militi - . Un target che parte dai nativi digitali e arriva fino a coloro che hanno vissuto un’infanzia analogica ma sono cresciuti all’inizio della rivoluzione digitale e oggi sono dei digital experienced. I MIXENNIALS sono la fusione tra Millennials e Generazione X e rappresentano la fascia di mercato più appetibile in quanto sono tra i più socialmente attivi che condividono le esperienze, postano sui social, fanno shopping selettivo e hanno la capacità di diventare consumer leader".

I ricavi pubblicitari nell’anno fiscale ’18 a livello di tv lineare sono flat rispetto all’anno fiscale ‘17 ma è da sottolineare la crescita delle iniziative di brand partnership che segnano un incremento del +12% e valgono il 18% del totale ricavi pubblicitari televisivi. "Abbiamo già in cantiere nuovi progetti in partnership con BMW, con focus sulla sostenibilità", ha anticipato Militi, sottolineando che "anche sul fronte branded content, i clienti richiedono un contenuto 'Super'". 

 

LA PROGRAMMAZIONE

L’offerta targata Fox si conferma ricca di grandi novità e attesi ritorni, per un palinsesto contraddistinto da serie tv, produzioni italiane e documentari che entreranno del cuore del pubblico. Il 16 ottobre su Fox arriva Magnum P.I., il reboot della mitica serie con Tom Selleck. Dicembre sarà contraddistinto dal debutto di Mayans M.C. (atteso spin-off di Sons of Anarchy), la serie cable più vista in USA del 2018, già rinnovata per una seconda stagione. Nei prossimi mesi è previsto anche il lancio di The Passage, il vampire drama prodotto da Ridley Scott e tratto dalla trilogia scritta da Justin Cronin, e La Guerra dei Mondi, la nuova versione televisiva dall'intramontabile classico di H.G. Wells, capostipite dei romanzi di fantascienza a tema invasione aliena che ha ispirato radio, cinema, fumetti e televisione.

Su Fox spazio anche al genere comedy con Single Parents la serie firmata dalla creatrice di New Girl, Liz Meriwether, con Leighton Meester (Gossip Girl), e The Cool Kids, le avventure di un gruppo di anziani che gettano scompiglio in una casa di riposo. Confermati inoltre i nuovi episodi della serie cult, The Walking Dead, le seconde stagioni di
Legion e Deep State, l’ottava di Homeland, e il nuovo capitolo della serie antologica dell’orrore firmata da Ryan Murphy, American Horror Story: Apocalypse, con l’atteso ritorno nel cast di Jessica Lange e la new entry Joan Collins.

Nuovi arrivi in programma anche su Foxlife con Butterfly, in onda il prossimo inverno. Creato e firmato dal premio BAFTA (Oscar britannici) Tony Marchant, , Butterfly è tra i drama più attesi della stagione e racconta la complessa relazione che vive una coppia di genitori separati, Vicky (il premio Emmy Anna Friel) e Stephen (Emmett J. Scanlan), nell’affrontare la richiesta di cambio di sesso da parte del figlio minore Max (Callum Booth-Ford), che fin da piccolissimo si sente una bambina intrappolata in un corpo maschile. Il 2019 sarà inoltre l’anno del debutto di Grand Hotel, la nuova serie prodotta da Eva Longoria, che vede protagonista la famiglia proprietaria di un hotel di Miami Beach.

Dopo il lancio su Fox della serie comedy Romolo + Giuly. La guerra mondiale italiana, torna su FoxLife dal 17 ottobre un’altra produzione originale italiana con la nuova stagione di Il contadino cerca moglie che quest’anno vede alla conduzione Diletta Leotta. Oltre ai nuovi episodi di Grey's Anatomy, ottobre sarà il mese del ritorno di tre serie che già lo scorso anno hanno conquistato il pubblico di FoxLife: 911 che in questa seconda stagione vede l’ingresso nel cast di Jennifer Love Hewitt (Ghost Whisperer); The Resident, il medical drama con Emily VanCamp e Matt Czuchry e lo spin off di Grey’s anatomy, Station 19.

Parte ad ottobre su Foxcrime Harrow, il Dr. House australiano. La serie ha ottenuto il rinnovo per una seconda stagione ancora prima del suo debutto sugli schermi televisivi. Il 23 novembre sarà il mese di A very english scandal  l’attesa serie con protagonista Hugh Grant, diretta dal regista nominato all’Oscar, Stephen Frears. Centrata sullo scandalo sessuale che scosse l’opinione pubblica inglese negli anni ’70, quando l’ex modello Norman Scott dichiarò di essere stato l’amante del leader del Partito Liberale Jeremy Thorpe quando ancora l’omosessualità era illegale. Nel 2019 sarà la volta di Proven Innocent, la serie firmata da Danny Strong, creatore di Empire, che racconta la storia di una ragazza che, dopo essere stata accusata di un crimine che non ha commesso, diventa avvocato con l’obiettivo di difendere chi si trova ora ad affrontare
la sua stessa situazione.

Tra i grandi ritorni su FoxCrime, le nuove stagioni di The Blacklist e Criminal Minds. Un autunno ricco di novità anche per National Geographic, con il ritorno a novembre della seconda stagione di Marte, la serie prodotta da Ron Howard e Brian Grazer che unisce la rappresentazione cinematografica e realtà scientifica. Sempre a novembre, con Nord Corea: la dinastia dei KIM, National Geographic racconterà inoltre la storia della dinastia Kim attraverso l’accesso esclusivo a documenti d’archivio e testimonianze uniche.

In primavera su National Geographic arriva Free Solo che racconta l’impresa di Free Climber Alex Honnold, autore della prima salita senza corde e imbracature, di El Capitan, una parete alta 900 metri nel Parco Nazionale dello Yosemite. Il Wall Street Journal lo ha definito “una storia avvincente, uno spettacolo superiore”, Entertainment Weekly lo descrive come “il sorprendente ritratto di un giovane e della sua ossessione […] porta alla scoperta della missione al limite del suicidio di un giovane uomo, con simpatia, grazia e una tonnellata di adrenalina”.

Sempre in primavera torna su National Geographic Cosmos. Un viaggio attraverso mondi inesplorati tra le ultime rivelazioni della scienza. Uno sguardo su quale potrà essere il futuro della Terra e dell’umanità se sapremo rispondere alle sfide a cui siamo chiamati. “Un’ode ai giovani geek da cui dipende il nostro futuro” così Variety descrive Science Fair, la
serie che arriverà su National Geographic nel 2019 che segue la storia di 9 teenager arrivati da tutto il mondo per partecipare all’International Science and Engineering Fair. La serie offre lo sguardo sui sogni, le motivazioni, le vittorie e le sconfitte di giovani uomini e donne decisi a cambiare la loro vita e il mondo intero attraverso la scienza.

SP