Media

IGPDecaux ha presentato la prima pensilina firmata Foster

Si tratta di un'operazione importante per la concessionaria di esterna, che prevede di investire circa 25 milioni di euro. "Siamo d'accordo con l'Upa  - ha dichiarato ad ADVexpress a margine dell'inaugurazione Fabrizio du Chène de Vere , amministratore delegato IGPDecaux - che dà al nostro settore un incremento del 3%".

IGPDecaux (joint-venture RCS MediaGroup/JCDecaux), concessionaria di esterna milanese, ha presentato oggi, lunedì 30 gennaio, in piazza Cavour, la prima delle 1000 pensiline di fermata che sostituiranno gli attuali manufatti. Disegnata da Lord Normam Foster, la nuova pensilina verrà dotata di un particolare dispositivo elettronico per informare la cittadinanza e avrà due facce adibite alla comunicazione per i clienti inserzionisti, retro illuminate. La città di Milano verrà dotata di sei circuiti da 300 facce ciascuno per offrire copertura capillare del territorio.

"Questo è l'intervento più importante nel nostro core business dopo quelli già fatti nel settore dell'arredo urbano a Napoli, Torino, Pescara, Pavia e Bergamo – ha dichiarato ad ADVexpress Fabrizio du Chène de Vere , amministratore delegato IGPDecaux -. Alla sostituzione delle 100 pensiline già esistenti affiancheremo la realizzazione di altre 800 ". Si tratta dunque di un'operazione importante per la concessionaria di esterna che prevede di investire circa 25 milioni di euro; in questa spesa rientrano l'inserimento del giornale elettronico con gli orari del passaggio dei mezzi, realizzato in collaborazione con Atm, e l'inserimento di cento pensiline della videosorveglianza.

"Con la vecchia gestione queste pensiline ci davano ricavi per 4 milioni di euro – ha continuato du Chène de Vere - speriamo di raddoppiare i risultati da questo momento in poi. Questo intervento è per noi portante e strategico nell'attività di quest'anno e in esso concentreremo tutte le forze". Sul fronte dei risultati, la concessionaria ha chiuso il 2005 con una crescita a perimetro costante del 5,5%. "Un dato questo positivo - ha proseguito - sia nei confronti dell'andamento del mercato globale dell'adv sia per il comparto della pubblicità esterna". Per il 2006 l'obiettivo è dunque quello di ripetere almeno le performance dell'anno scorso. "L'anno è cominciato discretamente - ha concluso – per cui speriamo di chiudere almeno in linea con il 2005, anche se è veramente presto per fare previsioni. Noi pensiamo però che l'esterna quest'anno possa fare risultati migliori del restante mercato della pubblicità. Siamo insomma d'accordo con l'Upa che dà al nostro settore un incremento del 3%. L'esterna è un mezzo in crescita e quest'anno dovrebbe aumentare anche grazie al fatto che l'offerta sta migliorando qualitativamente. A ciò si aggiunga che le concessionarie sono molto più organizzate della rete di vendita. Audiposter, infine, sarà senza dubbio un'asse portante della crescita di questo mezzo".