Media

Mondadori: nel 1° semestre ricavi a 320,4 milioni (+10,9%). Risultato netto positivo per 4,4 mln. La raccolta segna +28% (pari a 28,8 milioni) e +50% nel 2° trimestre. Pubblicità digitale a +27,2%. Per fine anno prevista una crescita single-digit

La raccolta pubblicitaria del gruppo nei primi sei mesi si attesta a +16% escludendo il contributo dell’acquisizione di Hej!. La performance del gruppo è stata trainata anche dai ricavi dell’area Libri, pari a 168,9 milioni di euro, in crescita del 15,8% rispetto ai 145,9 milioni del primo semestre del 2020.

Il Consiglio di Amministrazione di Arnoldo Mondadori Editore riunitosi oggi sotto la presidenza di Marina Berlusconi, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2021 presentata dall’Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori, Antonio Porro (nella foto).
“Nel primo semestre il Gruppo Mondadori ha registrato risultati molto significativi in termini di ricavi e di redditività. A questa performance hanno contribuito in modo positivo tutte le nostre aree che hanno mostrato una crescita rispetto allo scorso anno, dai Libri al Retail al Media, in particolare nella componente digitale. In forte progresso l’area Libri, che incrementa la propria marginalità anche rispetto al 2019”, ha sottolineato Antonio Porro, Amministratore Delegato del Gruppo Mondadori.

“La maggiore efficienza economica e il miglioramento della performance finanziaria che abbiamo conseguito anche nel secondo trimestre - ha continuato l’AD del Gruppo Mondadori - unitamente ai segnali molto confortanti dal mercato del libro, ci consentono di confermare le nostre stime per fine esercizio e di guardare con fiducia all'evoluzione del Gruppo negli anni futuri. In questo contesto, l’operazione di acquisizione di De Agostini Scuola rappresenta un’ulteriore dimostrazione della nostra volontà di focalizzarci sul core business dei libri, coerentemente con le linee strategiche di medio termine delineate”, ha concluso Porro.

HIGHLIGHTS DEL PRIMO SEMESTRE 2021

Per quanto riguarda i mercati di riferimento del Gruppo Mondadori, nel primo semestre del 2021 il libro ha registrato una dinamica particolarmente positiva, con una crescita del 36,8% rispetto al medesimo periodo del 2020.

Questo andamento consolida il trend positivo che aveva già preso avvio nel primo trimestre dell’esercizio in corso, supportato da una confermata maggiore propensione alla lettura e all’acquisto.
La crescita del mercato del libro è ancora più straordinaria se confrontata con i primi sei mesi del 2019, totalmente immuni dal fenomeno pandemico, rispetto ai quali l’incremento si attesta al 23%.

Al 30 giugno 2021 i ricavi consolidati del Gruppo Mondadori si sono attestati a 320,4 milioni di euro, in incremento del 10,9% rispetto ai 288,9 milioni di euro dell’esercizio precedente, grazie in particolare alla significativa crescita dell’area Libri e dell’area Retail, trainata dal dinamismo del mercato.

Il risultato consolidato prima delle imposte è negativo per 5,1 milioni di euro rispetto ai -30,9 milioni di euro dei primi sei mesi del 2020.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

L’andamento positivo registrato nel primo semestre dell’esercizio, grazie in particolare al significativo trend di crescita sperimentato dall’area Libri, così come la prosecuzione della rilevante generazione di cassa, consentono di guardare con ottimismo all’evoluzione della gestione del Gruppo e di confermare a livello consolidato - e sulla base dell’attuale perimetro - le stime precedentemente comunicate.


Obiettivi economici:
- i ricavi consolidati per l’esercizio 2021 sono attesi in leggera crescita (low single-digit);
- l’EBITDA adjusted - in termini percentuali - è previsto collocarsi nell’intorno del 12% dei ricavi;
- il risultato netto dell’esercizio 2021 è confermato in forte crescita per effetto del miglioramento della gestione operativa nonché del riallineamento fiscale dell’attivo immateriale, che ha consentito nel primo semestre la contabilizzazione di una prima componente fiscale positiva non ricorrente; si ricorda inoltre che il risultato dell’esercizio 2020 era stato negativamente impattato
dalla svalutazione di alcune poste patrimoniali.

 

ANDAMENTO DELLE AREE DI BUSINESS NEL PRIMO SEMESTRE 2021

LIBRI

I ricavi dell’area Libri nei primi sei mesi del 2021 si sono attestati a 168,9 milioni di euro, in crescita del 15,8% rispetto ai 145,9 milioni di euro del primo semestre del 2020.
A questo risultato ha contribuito in particolare il segmento Trade, con ricavi pari a 109,5 milioni di euro, in
significativo incremento sia rispetto al primo semestre 2020 (+21,7%) sia rispetto al primo semestre del 2019 (+2,5%), non impattato dal fenomeno pandemico.
Nel periodo i ricavi relativi alle vendite degli e‐book e degli audiolibri si sono attestati a circa il 7,3% dei ricavi complessivi Trade, con un catalogo che conta oltre 28.300 titoli digitali.
Nel primo semestre del 2021 i ricavi del segmento Educational sono pari a 55,8 milioni di euro, in incremento del 5,7% rispetto allo stesso periodo del 2020: l’andamento positivo delle vendite di Rizzoli International Publications (+39,3%) e il maggior fatturato dei prodotti di scolastica (in crescita del 3,9% rispetto al 30 giugno 2020) consentono di recuperare gli effetti derivanti dalla contrazione dei ricavi di Electa per la chiusura durante la pandemia di mostre e siti archeologici.

La redditività è in crescita anche rispetto al primo semestre del 2019 (16,2 milioni di euro), rendendo la performance dell’area Libri ancora piu rilevante.


RETAIL
Complessivamente nei primi sei mesi dell’anno l’area Retail ha potuto beneficiare del trend di forte crescita del mercato del libro benché la performance complessiva sia stata impattata negativamente dalle misure governative, che hanno causato forti limitazioni alle attività di vendita almeno fino alla metà di maggio.
Successivamente, per effetto dell’allentamento di tali misure restrittive, il mercato fisico ha evidenziato una ripresa e conseguentemente Mondadori Retail ha visto crescere i propri ricavi: in particolare, il mese di giugno ha registrato un incremento anche rispetto al giugno 2019 (+3% circa), con una performance positiva del prodotto Libro di oltre l’11%, nonostante un network di punti di vendita in riduzione rispetto a giugno 2019.
Al 30 giugno 2021 l’area Retail ha registrato ricavi per 69,8 milioni di euro, in crescita di 10,8 milioni di euro (+18,3%) rispetto a 59 milioni di euro dell’analogo periodo dell’esercizio precedente, prevalentemente per effetto del positivo andamento delle vendite del prodotto libro (+22% circa rispetto al pari periodo del 2020).

L’incremento dei ricavi nel solo secondo trimestre 2021 si attesta al +30% circa rispetto al secondo
trimestre 2020.
Guardando su base disaggregata ai diversi segmenti nei quali si articola l’attività di Mondadori Retail, si evidenzia:
- i punti di vendita a gestione diretta hanno sperimentato una crescita più contenuta (+12%) rispetto all’esercizio precedente, in quanto penalizzati dalla prevalente ubicazione nei grandi centri urbani, particolarmente esposti sia alla concorrenza del commercio online sia alla riduzione dei flussi turistici;
- il canale franchising, caratterizzato prevalentemente da negozi di prossimità in comuni di piccole dimensioni, ha invece mostrato una consistente crescita del 42% circa, sempre sostenuta dalle eccellenti performance del prodotto libro;
- il canale online ha registrato ricavi per 7,3 milioni di euro rispetto ai 10,4 milioni di euro del primo semestre 2020, in contrazione per l’allentamento delle restrizioni all’operatività del mercato fisico.

MEDIA
Nei primi cinque mesi del 2021 i mercati di riferimento dell’area Media hanno evidenziato rispetto allo
stesso periodo dello scorso esercizio:
- un rilevante incremento degli investimenti pubblicitari sul segmento digital, pari al +27,2%, a fronte di un -2,9%6 sul segmento periodici;

- una diminuzione dell’8,1%nel mercato delle diffusioni dei periodici;

- una contrazione pari al 22,1% nel mercato dei collaterali abbinati ai magazine.

In questo contesto la quota di mercato diffusionale del Gruppo Mondadori si è attestata al 23,7%, in leggera crescita rispetto al mese di maggio dell’anno precedente13 per effetto di una performance ievemente superiore a quella del mercato di riferimento.

Nei primi sei mesi del 2021 l’area Media del Gruppo Mondadori, che si conferma l’editore multimediale
leader in Italia, ha registrato ricavi per 97,4 milioni di euro, in crescita dell’1,7% rispetto ai 95,8 milioni di euro del pari semestre dell’esercizio precedente. In particolare:
- i ricavi pubblicitari sono pari a 28,8 milioni di euro, in crescita del 28% circa a livello complessivo
(+16% escludendo il contributo dell’acquisizione di Hej!); se si considera solo il secondo trimestre, l’incremento si attesta a oltre il 50% rispetto a pari periodo 2020 (+41% a perimetro omogeneo):
- le attività digitali risultano in crescita del 25,7% su base omogenea mentre, includendo il contributo della neo acquisita Hej!, l’incremento si attesta al 48% circa rispetto al primo semestre dell’esercizio precedente. È importante rilevare come l’incidenza dei ricavi digital sul totale dei ricavi pubblicitari sia pari al 63% del totale (dal 54% del primo semestre del 2020).
- la raccolta sui brand print ha registrato un incremento del 5% circa.
- i ricavi diffusionali sono risultati in calo del 6,4%, con una performance migliore delle testate
televisive e del brand CasaFacile.
- i ricavi da prodotti collaterali sono in riduzione del 27% circa, ma con una contrazione più contenuta nel secondo trimestre (-16,6%); tale andamento è imputabile principalmente al successo nello scorso anno di iniziative musicali e alla ridotta disponibilità di titoli di uscite cinematografiche in dvd;

- gli altri ricavi, che includono quelli relativi all’attività di distribuzione, hanno registrato un incremento pari all’11,1%.