Media

Sky Europe, nei nove mesi utili in calo. In Italia ricavi a +7% e utile triplicato. 4,8 milioni gli abbonati

Nei primi nove mesi dell'esercizio fiscale, la company registra in Europa un calo dell’utile operativo dell’11%, a 1,013 miliardi di sterline, soprattutto per via del contratto della Premier League, degli investimenti per Sky Q e Sky Mobile. Positivo l'andamento dei ricavi, cresciuti del 5% a 9,64 miliardi. L'Italia segna il miglior tasso di crescita degli ultimi otto anni.

Nei  primi nove mesi dell’esercizio fiscale 2016-17 Sky Europe ha registrato un utile operativo adjusted in calo dell’11%, a 1,013 miliardi di sterline, soprattutto a causa dei 494 milioni spesi per il nuovo contratto della Premier League di calcio inglese, per gli investimenti per Sky Q e Sky Mobile e per l'andamento poco positivo della pubblicità nel Regno Unito.

L’utile operativo è sceso da 802 milioni a 703 milioni di sterline dopo aver dedotto spese operative per 310 milioni relative all’integrazione di Sky Italia and Sky Deutschland. L’Ebitda adjusted è pari a 1,5 miliardi di sterline.

Positivo l'andamento dei ricavi, cresciuti del 5% a 9,64 miliardi.

In Gran Bretagna e Irlanda i ricavi hanno registato un incremento del  4% arrivando a quota 6,4 miliardi con un utile operativo di 918 milioni. In Germania e Austria i ricavi hanno segnato +28%.

Gli abbonati sono aumentati del 4% a 8,13 miliardi per effetto di un’espansione della base di 769 mila utenti a 22,4 milioni. Nel terzo trimestre i clienti sono cresciuti di 106.000 unità. Il numero di defezioni è stabile in Gran Bretagna, principale mercato del gruppo.

Jeremy Darroch, Ceo Sky Europa

 "Nonostante l'incertezza nei consumi, nell’ultimo trimestre del nostro anno fiscale proseguiamo con la nostra strategia e siamo sulla buona strada per l’intero anno”, ha affermato l’amministratore delegato Jeremy Darroch (nella foto a sinistra). 

Brillanti i risultati della company in Italia (nella foto in alto l'AD Andrea Zappia), che ha registrato il miglior tasso di crescita degli ultimi otto anni.  I ricavi sono aumentati a cambi costanti del 7% a 1,849 miliardi di sterline. L’Ebitda ha segnato + 44% raggiungendo i 202 milioni e l’utile operativo è cresciuto del 237% a 91 milioni (da 27 milioni).

Alla base dell'andamento positivo dei ricavi, il numero maggiore dei clienti, la crescita della raccolta pubblicitaria e gli utili derivanti dalla vendita a terzi dei diritti delle Olimpiadi di Rio.

A fine marzo i clienti sono 4,802 milioni, in crescita di 68mila unità rispetto al marzo 2016, ma in linea con  dicembre (4,809 milioni).

 

EC