Poltrone

Umberto Basso nominato Chief Digital Officer di WPP Italia

Il manager manterrà la sua carica di Managing Director di AKQA Italia e lavorerà con il Country Manager Massimo Costa all’espansione dell’offerta digitale del gruppo nel nostro Paese. Il nuovo CDO avrà anche il compito di favorire l’integrazione e il coordinamento tra le società del Gruppo e di scoprire e valorizzare i talenti, interni ed esterni.

Il Country Manager di WPP Italia Massimo Costa ha nominato Umberto Basso Chief Digital Officer del Gruppo. Basso manterrà la sua carica di Managing Director di AKQA e lavorerà con Costa per lo sviluppo di nuovi modelli di business e la diffusione della cultura dell’innovazione all’interno di WPP Italia.

«Il Chief Digital Officer di Gruppo è importante - commenta Massimo Costa - perché guida lo sviluppo della nostra offerta, garantisce il continuo aggiornamento delle nostre tecnologie a disposizione dei clienti, contribuisce a individuare nuove opportunità di crescita e di M&A».

Nato a Treviso nel 1969, Basso ha sviluppato tutta la sua carriera nel mondo della comunicazione digitale e della tecnologia. Nel 1998 è stato co-founder di E-TREE a Treviso, tra le prime digital agency in Italia, nel 2005 co-founder di H-FARM e ha partecipato alla fondazione di H-ART, entrata in WPP nel 2009. Da aprile 2017 è alla guida di AKQA in Italia. 

«Sono felice per la stima e la fiducia di Massimo e dei colleghi delle altre società di WPP Italia – dichiara il nuovo CDO – Il processo di innovazione continua in cui stiamo vivendo e lavorando è una sfida a trovare nuove e sempre più efficaci metodologie di contatto dei consumatori e le aziende non sempre ne sono coscienti: viviamo un momento pieno di opportunità». 

Basso affiancherà Costa nell’attività di advisoring alle società di WPP Italia. Inoltre, il nuovo CDO di WPP Italia avrà anche il compito di favorire l’integrazione e il coordinamento tra le società del Gruppo e di scoprire e valorizzare i talenti, interni ed esterni. 

Ricordiamo che WPP ha recentemente ufficializzato la creazione di una nuova agenzia VMLY&R, che nasce dalla fusione tra l'agenzia creativa Y&R e la sigla digital VML (leggi news).