Daniele Rosso, presidente di Rossoevolution
Inchieste

Inchiesta. Rossoevolution: rispetto reciproco e fiducia nelle capacità professionali, solo così il rapporto con il cliente si trasforma in vera partnership. Daniele Rosso: “Obiettivo 2019 raggiungere un fatturato di 30 milioni di euro”

Continua il viaggio di e20express alla scoperta delle novità, delle vision e dei risultati ottenuti dalle principali agenzie che operano nel settore degli eventi e della live communication. Nata il primo marzo 2018 come cessione di ramo da Alessandro Rosso Group, Rossoevolution ha in breve tempo superato le aspettative degli stessi fondatori, grazie alla fiducia dimostrata dal mercato. In 10 mesi di attività, l’agenzia ha superato i 20 milioni di euro di fatturato e, per l’anno in corso, punta dritto su quota 30 milioni di euro.

Con questa inchiesta facciamo il punto sull’andamento del mercato degli eventi e della live communication nel più ampio contesto della comunicazione.

In particolare intendiamo informare i lettori di e20express in merito alle novità, alle iniziative e ai risultati ottenuti dalle principali agenzie che operano nel settore.

Oggi pubblichiamo l’intervista a Daniele Rosso (in foto), presidente di Rossoevolution, agenzia giovane e dinamica che, come recentemente scritto su queste pagine (LEGGI NEWS), si avvale dal febbraio 2019 della competenza di un nuovo responsabile new business, Vittorio Rossi, con l'obiettivo di sviluppare soprattutto l’area Events&Communication. 

Come stanno evolvendo le vostre specializzazioni e la vostra vision, in termini di obiettivi strategici di medio-lungo periodo?    

“Gli obiettivi strategici di Rossoevolution sono molto chiari: raggiungere in breve termine la leadership di mercato”.

Come sta cambiando il rapporto con le aziende clienti? Si parla sempre più spesso di rapporto di partnership, ma quali sono gli elementi chiave di questa ‘nuova’ relazione?

“Gli elementi chiave di un rapporto di partnership con il cliente sono sicuramente: profondo rispetto reciproco e fiducia nelle capacità professionali. Solo così il normale rapporto fornitore cliente si trasforma in un rapporto consulenziale e quindi di partnership”.

Come avete chiuso il 2018 in termini di fatturato? Quali previsioni avete sviluppato l’anno in corso?

“Rossoevolution è nata il primo marzo 2018 come cessione di ramo da Alessandro Rosso Group. Un passaggio generazionale che mi vede oggi al timone di Rossoevolution insieme a Rosalba Barro e Loredana Vavassori, professioniste con comprovata esperienza nel mondo Mice. Il 2018 ha decisamente superato le nostre aspettative, grazie alla fiducia riconfermata da parte dei nostri clienti storici e all’acquisizione di nuovi e importanti clienti, approcciati con attività di marketing e iniziative di business development ben articolate.

Parlando di numeri, possiamo dire che abbiamo incrementato il nostro organico e che, in 10 mesi di attività (ricordiamo che Rossoevolution è nata il primo marzo 2018, ndr), abbiamo raggiunto un risultato di fatturato superiore ai 20 milioni di euro. Il nostro obiettivo per il 2019 è di raggiungere i 30 milioni di euro di fatturato” (sul tema LEGGI anche questa NEWS, ndr).

L’utilizzo di nuove tecnologie è sempre più importante negli eventi. Quali innovazioni state introducendo? Quali benefici può ricavarne il settore della live communication?

“Nel nostro caso, più che di innovazione parlerei di evoluzione. Un’evoluzione continua per essere sempre al passo con i tempi e in linea con le nuove esigenze del mercato. Rendere uniche le esperienze del target di riferimento, ovviamente anche con l’utilizzo di nuove tecnologie, è l’obiettivo al quale tendiamo”.

Quali sono le professioni più richieste dal mercato degli eventi e della live communication? In che direzione stiamo andando?

“Il mercato Mice sta evolvendo. Assistiamo alla nascita e allo svilupparsi di professioni nuove legate al mondo digital come il web marketing manager, l’app developer manager, il social media manager, l’Ar designer, oltre a figure altamente specializzate nella corporate social responsibility, argomento diventato di forte attualità anche nel mondo Mice. Da non dimenticare, inoltre, la crescente importanza di figure con competenze trasversali, dotate di una visione laterale e una forte attitudine al problem solving”.

Tra i temi caldi c’è quello della ‘tutela della proprietà intellettuale’ delle agenzie, come per esempio la tutela dei format e degli elementi caratterizzanti gli eventi. Qual è la vostra opinione a riguardo?

“È un tema importante, ma non facile. Oggi c’è una maggior presa di coscienza e ci si sta muovendo più velocemente per dare una maggior tutela a settori come quello del Mice e della comunicazione, che rappresentano una vera e propria fucina di idee e vanno salvaguardati”.

Quali sono gli eventi recenti che vi hanno dato maggiori soddisfazioni? Perché?

“Tutti gli eventi che organizziamo sono fonte per noi di grande soddisfazione. Non dimenticate  che siamo… moved by passion!”.

Mario Garaffa