Industry

D’Amico si riconferma per il terzo anno consecutivo main sponsor della Mostra “Un Secolo D’Azzurro”, la storia della Nazionale Italiana di Calcio

Dal 26 novembre al 9 dicembre la mostra sarà ospitata a Cava de’ Tirreni (SA) presso la storica sede del Social Tennis Club. L’inaugurazione della mostra è fissata per venerdì 26 novembre alle 19:30. All’evento, curato da Mauro Grimaldi (Consigliere Delegato della Federcalcio Servizi), saranno presenti Francesco Accarino (Presidente Social Tennis Club), Aldo Rossi Merighi (Presidente Associazione Sant’Anna), Franco Selvaggi (Campione del Mondo ’82) e Antonio Giordano (Giornalista del Corriere dello Sport).

D’Amico, per il terzo anno consecutivo, è main sponsor della Mostra Antologica “Un Secolo D’Azzurro”, la Storia della Nazionale Italiana di Calcio.

Dal 26 novembre al 9 dicembre la mostra sarà ospitata a Cava de’ Tirreni (SA) presso la storica sede del Social Tennis Club.

D’Amico promuove il gioco di squadra e supporta, ancora una volta, l’iniziativa che ricostruisce i primi 100 anni di storia del calcio italiano attraverso l’esposizione di oltre 300 cimeli originali. 

Da sempre, la missione di D’Amico è quella di valorizzare le migliori materie prime, con l’obiettivo di diffondere in tutto il mondo le eccellenze del Made in Italy. Proprio come nel calcio, questo è possibile solo grazie al lavoro di squadra, dove alla base ci sono la passione e l’impegno quotidiano di tutti nel raggiungere i migliori risultati.

Tra le novità previste quest’anno, l’evento ospiterà la coppa Euro 2020 e uno spazio speciale dedicato a Diego Armando Maradona curato da Antonio Vincolo, per ricordare il Campione argentino ad un anno dalla sua scomparsa.

L’inaugurazione della mostra è fissata per venerdì 26 novembre alle 19:30. All’evento, curato da Mauro Grimaldi (Consigliere Delegato della Federcalcio Servizi), saranno presenti Francesco Accarino (Presidente Social Tennis Club), Aldo Rossi Merighi (Presidente Associazione Sant’Anna), Franco Selvaggi (Campione del Mondo ’82) e Antonio Giordano (Giornalista del Corriere dello Sport).