Industry

Eataly Smeraldo, la location è ‘off’

Articolo tratto dalla rivista E20 (aprile-giugno, num. 87).

Eataly Smeraldo è il fiore all’occhiello dell’innovativo ed emozionante progetto in cui Big Spaces si è lanciata, forte della propria affermazione sul territorio cittadino e in particolar modo nell’area di Porta Nuova a Milano. Parliamo del progetto Location Off, che consente di utilizzare spazi conosciuti per le loro quotidiane attività, spegnerli per un giorno, e affidarli ad agenzie, aziende oppure privati per i loro progetti one shot.

“Big Spaces - spiega Andrea Baccuini, partner Big Spaces - unisce bellezza, fruibilità e fama di spazi già conosciuti (con altre funzioni, ndr) all’utilità e versatilità di cui godono (o potrebbero godere, ndr) anche in contesti differenti”. Ecco che quell’Eataly che i milanesi (e non) conoscono come punto di riferimento per l’acquisto di prodotti e materie prime di qualità o come raccoglitore di punti di ristorazione di alto livello diventato uno status symbol per cultori del buon cibo e dei prodotti made in Italy, oggi diventa qualcosa in più. ‘Eataly in esclusiva per cene di gala da 1.000 persone?’, questa è la domanda che, sbalorditi e meravigliati, fanno tutti coloro con cui ci si ritrova vis a vis a parlare di questa stimolante novità.

“Sembra uno scherzo - precisa Baccuini -, troppo bello per essere vero. Non vediamo l’ora che questa meraviglia si trasformi in certezza per le aziende che approfitteranno di questo spazio al fine di realizzare un evento di sicuro impatto”. Eataly è sinonimo, dunque, di grandezza misurata non solo in metri quadri, ma anche in preponderanza, potenza e prestigio riconosciuti universalmente.

La notorietà di Eataly va al passo con aziende internazionali di successo e, pertanto, ne accresce il valore creando incredibili sinergie. Per queste ragioni Big Spaces ha visto grandi potenzialità nell’ex teatro Smeraldo. Contenitore e contenuto attraggono oggettivamente tutti quanti, e chiunque entri dentro questo spazio meraviglioso, fucina di idee culinarie, sapori nostrani e profumi inebrianti, ne esce sognante e incantato. Tornarci è un regalo per se stessi. “Vedere un progetto di questa portata diventare concreto - aggiunge Baccuini -, realizzandosi con il fortissimo desiderio di tutti (non solo del team di Big Spaces ma anche di Eataly e di Francesco Farinetti, ndr) è stata la vera soddisfazione. Ricevere questo incarico evidenzia ancor di più il grande lavoro svolto all’interno dell’area di Porta Nuova e nella città di Milano, finalizzato allo sviluppo del business del venue management.

ALL-IN, L’OPZIONE PERFETTA

L’Eataly Smeraldo nasce dentro un ex teatro dunque gode di elementi lineari, ma al contempo ricchi di storia, capaci di valorizzare il nuovo spazio in maniera affascinante e avvolgente. Big Spaces ha preso questo fascino e lo ha messo nelle mani dei professionisti del mondo degli eventi che hanno tutte le carte in regola per rispettarne lo stile e amplificarne le caratteristiche al fine di ideare situazioni uniche e memorabili. Eataly Smeraldo si può trasformare, da adesso, nel più grande ristorante di Milano, capace di ospitare un elevato numero di persone (come in nessun altro club) e dove l’intrattenimento principale è offerto dal food&beverage… ma non solamente! La formula che Big Spaces propone è quella All-in. Un pacchetto che comprende l’affitto di tutti gli spazi utili (tre livelli e aree personalizzabili) congiuntamente all’impiego di 89 persone al servizio dell’evento, personale Eataly affidabile e di casa.

“Scegliere Eataly - aggiunge Baccuini - significa scegliere non solo la qualità, ma rappresenta l’opzione perfetta per risolvere un problema di numeri, sempre attuale, con uno spazio che ha tutto e può offrire già tutto”. Chi entra in Eataly Smeraldo ha la possibilità di personalizzare lo spazio disponibile che, eccezionalmente, viene quindi chiuso al pubblico. Un ampio atrio al piano terra più due piani ricchi di attrattive culinarie e spazi lounge, e un ultimo piano dove è presente una sala congressi da 120 persone sedute a platea (che, in egual misura e utilità, potrebbe fungere da appoggio staff) valorizzati dal simbolo più forte del Teatro Smeraldo, il palco. Iconograficamente riconoscibile da tutti, quest’ultimo gode di una visibilità a 180 gradi da tutti i piani, rendendo possibili speech, presentazioni o momenti istituzionali dal forte impatto emotivo, lasciando altresì spazio all’intrattenimento.

Sul campo numerosi professionisti, formati da Eataly, che seguiranno le aree cucina e sala dei vari corner (gastronomia, salumeria, pescheria, panetteria, carni e vini), il personale dedicato all’evento, capace di coordinare tutte le fasi di permanenza in location (allestimento, evento, disallestimento), di gestire la sicurezza e la pulizia delle aree e, infine, una persona dedicata al facility management in grado di rispondere alle necessità legate alla natura della struttura, alle sue dotazioni tecniche e alle prescrizioni. Ma entriamo nel merito dei tempi…

Big Spaces - racconta Baccuini - mette in mano al cliente lo spazio per tutta la notte precedente all’evento, permettendo lo scarico agevole di tutti i materiali di allestimento e delle tecniche, qualora fosse necessario un upgrade. L’attività commerciale di Eataly verrebbe riaperta al pubblico soltanto nelle ore che vanno dalle 8.00 alle 16.00 (orario in cui restano attivi il mercato e i ristoranti, ndr), per poi a chiudere definitivamente per il resto della giornata, e della serata, lasciando spazio al resto degli allestimenti e all’evento vero e proprio che potrà protrarsi fino a notte. Le aree di Eataly dovranno essere riconsegnate (pulite e ripristinate come allo stato iniziale, ndr) entro le 8.00 del mattino successivo all’evento, per permettere la riapertura del market e dei corner”.

OLTRE LE BARRIERE  DEL ‘DOVE’, ‘COME’ E ‘PERCHÉ’

Il progetto ‘Location Off’ comprende non solo Eataly Smeraldo, ma anche Garibaldi 77, spazio di circa 300 mq circondato dai distretti della moda e del design, ma rivolto a un target differente. Spazio Garibaldi 77 è una conosciuta scuola di yoga e di meditazione, caratterizzata da aree open, pulite e versatili, che si prestano benissimo a eventi meno formali, ma segnati da una forte identità. Perfetto per aperitivi, press day e piccole conferenze, unisce eleganza e stile al contesto mozzafiato che contraddistingue Corso Garibaldi.

“In attesa di ampliare il nostro ventaglio di proposte - spiega Baccuini -, ci concentriamo sugli spazi già in portafoglio, mossi dalla sensazione che Milano sia in continuo fermento e gli eventi ne siano il cuore e il motore. L’offerta non è mai sufficiente e risulta spesso un passo indietro rispetto alla domanda. Big Spaces crea l’opportunità per abbattere le barriere legate al ‘dove’, al ‘come’ e al ‘perché’, creando soluzioni, anche le più inaspettate! Provare per credere”.

Marina Bellantoni