Industry

Riaccesi i motori di Convention Bureau Italia per la Wedding Industry

Il progetto ItalyforWeddings si struttura su più livelli: da una parte promuove una ricerca personalizzata delle Regioni e delle Destinazioni, allo scopo di conoscere tutto il potenziale in termini di impatto economico, punti di forza e linee di tendenza del mercato. Dall’altra, avvia un percorso di comunicazione e promozione capillare delle Destinazioni Wedding, attraverso strumenti utili e tangibili che permettono agli operatori della filiera di avere immediato risalto nel settore.

Convention Bureau Italia che ha aperto al mondo del Wedding lo scorso marzo, presentando la prima ricerca nazionale sul fenomeno, ora si struttura sempre più come organismo in grado di supportare un network che già si muove in questa direzione, con il progetto ItalyforWeddings.

Il progetto si propone di presentare tutta l’offerta del Destination Wedding d’Italia, raccogliendo così la pluralità di voci che compongono questo settore in costante fermento. PromoTurismoFVG, l’ente di promozione del Friuli Venezia Giulia, è la prima Destinazione ad aver commissionato a CBItalia la propria indagine sul territorio.

CBItalia ha avviato per la prima volta in Italia, in collaborazione con il Centro Studi Turistici, un’indagine nazionale sul fenomeno del Destination Wedding, mettendo in luce i numeri del settore, le sue tendenze e l’indotto economico che ne deriva. Lo scorso anno infatti, si sono tenuti in Italia quasi 9.000 matrimoni di coppie straniere, coinvolgendo 60 mila operatori della filiera per un fatturato stimato attorno ai 500 milioni di euro.

Il progetto ItalyforWeddings nato dall’attenta analisi del prodotto Wedding e delle richieste del mercato emerse dall’indagine del 2018, si struttura su più livelli: da una parte promuove una ricerca personalizzata delle Regioni e delle Destinazioni, allo scopo di conoscere tutto il potenziale in termini di impatto economico, i punti di forza e le linee di tendenza del mercato. Dall’altra, avvia un percorso di comunicazione e promozione capillare delle Destinazioni Wedding attraverso strumenti utili e tangibili che permettono agli operatori della filiera di avere immediato risalto nel settore.

Inoltre CBItalia, offre la possibilità di trascorrere una giornata di formazione interamente dedicata alla Destinazione e alle sue esigenze, usufruendo dell’esperienza e della professionalità di opinion leader e wedding planner, provenienti dai mercati di maggior interesse per la Destinazione.

Richiedendo l’indagine personalizzata per la propria Destinazione, si accede a tutti i benefit che ne derivano: una mappatura degli operatori, delle location e dei regolamenti; un piano di comunicazione personalizzato offline e online con un sito dedicato alla Destinazione sul portale online italyforweddings, oltre a tutti i vantaggi che deriveranno dalla partecipazione di CBItalia alle fiere della Wedding Industry in Italia e nel mondo, a cui il CB parteciperà in rappresentanza del network già da quest’anno. Presenza che incrementerà sempre più a partire dal 2020, per promuovere l’offerta wedding Italiana sui mercati emergenti, che come emerso dalla ricerca, sono quelli che producono il maggior numero di presenze in Italia, in quanto già fortemente interessati alla Destinazione.

“Così come cinque anni fa abbiamo sentito l’esigenza di coordinare l’offerta MICE italiana, ora per noi è giunto il momento di intraprendere lo stesso cammino per il segmento wedding. Vogliamo coordinare l’offerta, raccontando, anche per questo mercato dall’enorme potenziale, l’Italia con un’unica voce” commenta Tobia Salvadori, Strategic Relations CBItalia.

MG