Premi

Alberto Kellner (Laser Entertainment) riceve l’ILDA Award 2019 alla carriera

Il premio è stato consegnato lo scorso 10 novembre ad Orlando da parte della International Laser Display Association. Nel 1996 ha ricevuto l’award 'ILDA First Place Multimedia' e negli anni a seguire Kellner insieme alla sua squadra hanno ricevuto più di 30 riconoscimenti internazionali, tra award ILDA, European Lasershow Festival, Pepsi Award e BEA.

Alberto Kellner (nella foto) ha ricevuto ad Orlando, Florida, lo scorso 10 novembre l'ILDA Award alla carriera, un importante riconoscimento consegnato dalla International Laser Display Association che attesta e certifica l’eccellenza che Kellner insieme a Laser Entertainment hanno raggiunto negli anni.

L'International Laser Display Association (ILDA), fondata nell'agosto 1986, è la principale organizzazione mondiale dedicata a promuovere l'uso dei display laser nei settori dell'arte, dell'intrattenimento, dell'educazione e dello spettacolo. Ogni anno ILDA, in concomitanza di importanti incontri o eventi fieristici internazionali consegna una serie di premi che riconoscono il valore e l’operato di aziende e professionisti attivi nel campo specifico del laser per l’intrattenimento.

Alberto Kellner durante la sua lunga carriera ha sempre vissuto da protagonista questa iniziativa, tanto che il suo primo premio risale al lontano 1996, quando ricevette l’award 'ILDA First Place Multimedia' per la prima grande installazione con waterscreen nel parco di divertimenti italiano di Gardaland (per l’attrazione 'Egitto'). Negli anni a seguire Kellner e Laser Entertainment hanno ricevuto più di 30 riconoscimenti internazionali, tra award ILDA e premi consegnati da altri gruppi come European Lasershow Festival, Pepsi Award e BEA.

Quest’anno è arrivato però quello che è probabilmente il riconoscimento più importante nel settore, un premio che attesta ed in un certo senso certifica l’eccellenza che Kellner insieme a Laser Entertainment hanno raggiunto negli anni.

“Quello di quest’anno è un premio che mi riempie di orgoglio” esordisce radioso Alberto Kellner. “Questo premio alla carriera rappresenta il coronamento di una vita intera spesa per questo settore, è un premio che attesta e certifica tutti gli sforzi che io e le persone che mi hanno affiancato negli anni in Laser Entertainment abbiamo svolto rendendo sempre un servizio di alto livello, offrendo sempre massima professionalità e grande impegno ai nostri clienti”. continua Alberto. Come Laser Entertainment siamo entrati in ILDA, prima azienda italiana, nel 1993, ben 26 anni fa. In tutti questi anni io ed il mio team abbiamo sempre cercato di progredire, abbracciando nuove tecnologie e ricercando nuove soluzioni talvolta pionieristiche. E’ un immenso piacere vedere che tutto questo lavoro sia stato notato ed apprezzato, tanto da meritare un premio così prestigioso!”

Alberto Kellner è attivo nel mondo dello spettacolo fin dal 1985 quando mosse i primi passi in un’agenzia di PR ed organizzazione eventi, salvo poi entrare nel mondo del laser nel 1988, un settore che non lascerà mai più e che lo vedrà protagonista negli anni a venire come ideatore e fornitore di progetti multimediali in una grande quantità di prestigiosi eventi in Italia e all’estero.

Insieme alle persone che lo hanno affiancato negli anni Kellner è sempre stato un pioniere e tra i primi ad usare i software e le piattaforme per il controllo dei laser, partendo da software come Laser System Magnum, LOBO, Lacon 3 per arrivare poi a Pangolin che ha permesso in tempi recenti a Laser Entertainment di raggiungere un livello di accuratezza e flessibilità nei progetti e nelle realizzazioni con pochi eguali sul mercato.

La grande voglia di sperimentazione e la continua ricerca a livello hardware hanno permesso a Kellner di progettare e realizzare alcune tra le macchine più innovative del settore come per esempio il primo proiettore a diodi stato solido da 2 Watt RGB DPSS presentato a LDI di Las Vegas nel 2004 e vincitore nello stesso anno del premio 'ILDA Award for DPSS Laser' oppure il primo proiettore con integrato sia un sistema DMX sia Pangolin flashback, così da poter funzionare come 'lay and recall' interamente via wirelsss DMX.

Nel 2010 Kellner e il suo team cominciano a pensare al laser come una tecnologia da integrare in quelli che diventato, a tutti gli effetti, dei veri e propri show multimediali dove immagini, luci e suono riproducono effetti di grande impatto scenico ed evocano storie e atmosfere con un coinvolgimento totale e che rendono i suoi lavori così richiesti ed apprezzati.