Location

A Villa Erba ospita il World Manufacturing Forum. Più di 900 i partecipanti

La prima edizione dell’evento internazionale del settore manifatturiero, svoltasi il 27 e 28 settembre, ha richiamato a Cernobbio più di 30 speakers internazionali, provenienti da oltre 40 Paesi.

Il Centro Internazionale Esposizioni e Congressi Villa Erba (CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA DIRECTORY) ha ospitato il 27 e 28 settembre la prima edizione del World Manufacturing Forum, importante evento internazionale del settore manifatturiero che ha richiamato, a Cernobbio, la presenza di oltre 900 partecipanti

Più di 30 speakers internazionali tra leader dell’industria manifatturiera e digitale, istituzioni, policy makers e esperti del settore, provenienti da oltre 40 Paesi hanno occupato per due giorni l’intero compendio di Villa Erba.

“Aver ospitato un evento di tale importanza internazionale ci riempie di orgoglio e conferma ancora di più Villa Erba quale meta perfetta per la meeting economy e la finanza congressuale,  nostro core business insieme agli eventi corporate - dichiara Piero Bonasegale, Direttore Generale -. La prima edizione è stata un successo sotto ogni punto di vista e siamo pronti ad ospitare anche le prossime edizioni.  Il nostro compendio ha offerto ai partecipanti tutte le migliori facilities: un funzionale e tecnologicamente avanzato padiglione centrale con una capienza fino a 1.500 sedute, un grande e meraviglioso parco da vivere nei momenti di pausa e un’affascinante Villa antica, gioiello di architettura realizzato a fine Ottocento dove il grande regista Luchino Visconti trovò ispirazione per le scenografie di alcuni suoi celebri capolavori cinematografici. Un’ulteriore soddisfazione è data dal fatto che siamo riusciti ad abbinare a questo grande evento economico internazionale, il recupero del cibo inutilizzato affinchè possa essere redistribuito ai meno abbienti attraverso apposite associazioni di volontari, Villa Erba infatti aderisce al programma food for good di Federcongressi, che prevede appunto il recupero delle eccedenze alimentari per ridurre sempre più gli sprechi alimentari”. 

MG