Evento b2b

Bsamply Tradeshow Project: a gennaio 2021 torna la vetrina italiana 4.0 per migliaia di buyer e supplier del tessile

Dopo il successo della prima edizione che ha visto la partecipazione di 5mila buyer, è prevista per l’inizio del prossimo anno l’edizione Spring/Summer 2022. Fra le novità principali l’apertura internazionale, soprattutto verso Francia, Regno Unito e Giappone, e nuove funzionalità come la possibilità di fissare appuntamenti e videochiamare direttamente dalla piattaforma e presentare la collezione tramite moodboard.

Migliorare giorno per giorno, con l’obiettivo di rendere sempre più semplice la transizione verso la digitalizzazione: si potrebbe riassumere così la filosofia della startup Bsamply (bsamply.com). Una storia iniziata nel 2017, che ha raggiunto un traguardo importante con la prima edizione del Bsamply Tradeshow Project andato in scena da settembre a luglio, durante il quale quasi 5000 buyer e 60 supplier altamente profilati, hanno interagito in un ambiente virtuale, dando vita a una fiera online in grado di garantire un’esperienza a 360°. In un continuo percorso di crescita, la piattaforma che permette agli addetti ai lavori del mondo del tessile, dei filati e degli accessori di presentare i propri prodotti anche senza uscire di casa, è stata rinnovata e le sue funzionalità implementate per rispondere al meglio alle esigenze di buyer e supplier. Un importante passo in avanti che ha spinto il CEO della startup, Andrea Fiume, ad annunciare la seconda edizione della fiera online, il Bsamply Tradeshow Project Spring/Summer 2022. Un appuntamento fissato per metà gennaio 2021 e della durata di 3 mesi che, pur partendo dai capisaldi dell’edizione pilota, ovvero semplicità di utilizzo e fedele simulazione dei processi di vendita offline, promette tante novità, prima fra tutte l’apertura a nuovi mercati internazionali, fra i quali spiccano Francia, Regno Unito e Giappone. Da sottolineare anche la creazione di una sezione dedicata ai supplier che si distinguono per la loro attenzione all’ambiente.

“La prima edizione ci ha permesso di capire in che modo muoverci per migliorare – spiega Andrea Fiume, CEO di Bsamply (nella foto) – grazie al dialogo con i buyer e i supplier che hanno deciso di prendere parte a quest’ambiziosa sfida, abbiamo messo a punto nuove funzionalità. Sappiamo che prendere confidenza con un sistema di vendita totalmente diverso da quello a cui si è abituati non è immediato, per questo lavoriamo costantemente per rendere la nostra piattaforma sempre più semplice e ricca di funzionalità in grado di velocizzare e semplificare i processi. La digitalizzazione è senza dubbio il futuro, ma attenzione a non considerarla come la soluzione finale: per raccoglierne i frutti al meglio occorre utilizzarla attivamente, sollecitando i propri fornitori o clienti a prendere parte a questa transizione. Le iscrizioni per la seconda edizione sono già aperte, l’obiettivo è quello di crescere ancora, per arricchire sempre di più l’offerta e far sì che questo appuntamento diventi una costante per il settore del tessile”.

Gli ultimi aggiornamenti messi a punto da Bsamply semplificano l’incontro e l’interscambio di informazioni grazie alla possibilità di fissare appuntamenti e videochiamare direttamente dalla piattaforma per consentire ai commerciali di presentare le collezioni. Non solo, fra i nuovi tool rientra anche la possibilità di mostrare le proprie collezioni organizzando i prodotti nel modo più congeniale alle proprie logiche di vendita. “Siamo partiti dal mondo del fashion, ma non nascondiamo l’intenzione di allargarci anche ad altri settori – conclude Fiume – la digitalizzazione dei processi aziendali riguarda ormai tutti i campi. Disporre di una piattaforma sulla quale è possibile gestire l’intero processo di vendita è una risorsa fondamentale, non più il futuro, ma il presente”.

 

I.M.