Evento non profit

La Grande Distribuzione sostiene AIRC con le ‘Arance rosse per la Ricerca’

Da giovedì 15 febbraio per tutto il fine settimana verrà promossa l'iniziativa per sostenere l'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. In oltre 2.400 punti vendita sparsi su tutto il territorio nazionale, sarà possibile acquistare una o più confezioni di arance rosse italiane e le insegne partecipanti alla campagna (Bennet, Gruppo Selex, Gruppo VéGé, Carrefour, Crai, Consorzio Coralis e FDAI) garantiranno una donazione di 50 centesimi per ogni confezione venduta.

Da giovedì 15 febbraio per tutto il fine settimana e fino a esaurimento scorte, numerose insegne della Grande Distribuzione e della Distribuzione Organizzata sostengono l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro promuovendo la nuova edizione dell’iniziativa ‘Arance rosse per la Ricerca’.

Bennet, le insegne del Gruppo Selex e del Gruppo VéGé, Carrefour, Crai e Consorzio Coralis che aderiscono in collaborazione con FDAI (Firmato dagli Agricoltori Italiani), uniscono le forze e fanno squadra con i 5.000 ricercatori AIRC. In oltre 2.400 punti vendita sparsi su tutto il territorio nazionale, sarà infatti possibile acquistare una o più reticelle di arance rosse italiane. Le insegne partecipanti alla campagna garantiranno ad AIRC una donazione di 50 centesimi per ogni confezione venduta.

“Siamo molto felici di avere ancora una volta al nostro fianco le insegne della Grande Distribuzione e della Distribuzione Organizzata per questa edizione delle ‘Arance rosse per la Ricerca’, dopo gli ottimi risultati dello scorso anno, con oltre 230 mila reticelle distribuite in tutta Italia. Voglio quindi ringraziare le insegne aderenti perché ci permettono di essere presenti in modo ancora più capillare su tutto il territorio con un prodotto buono e sano come le arance rosse italiane che consentirà a tantissime persone di fare un pieno di vitamine e di rinnovare il sostegno al lavoro dei nostri ricercatori per rendere il cancro sempre più curabile” ha dichiarato Niccolò Contucci, Direttore Generale AIRC.

Le arance rosse italiane sono diventate il simbolo della sana alimentazione e della prevenzione del cancro proprio grazie ad AIRC che, dal 1990, le ha scelte come protagoniste della campagna ‘Le Arance della Salute’ per le loro proprietà. Le arance rosse contengono infatti gli antociani, pigmenti naturali dai poteri antiossidanti, e circa il quaranta per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi.

Questa campagna contribuisce a diffondere presso un pubblico sempre più ampio i progressi della ricerca, in particolare in tema di prevenzione. I ricercatori confermano infatti che la battaglia contro il cancro acquisisce ogni giorno nuovi strumenti per la diagnosi e la cura, ma è sempre più riconosciuta l’importanza dei corretti stili di vita. Il cibo che consumiamo può diventare un alleato per la prevenzione, se insieme eliminiamo altri fattori di rischio come il fumo e la sedentarietà. Oggi sappiamo anche che un tumore ogni tre potrebbe essere curato per tempo se tutti aderissimo ai protocolli di screening e di diagnosi precoce.