Evento pubblico

All'Acquario di Genova la mostra 'Paleoaquarium, il mare al tempo dei dinosauri'

Arriva la prima mostra in Europa sugli animali marini al tempo dei dinosauri. Dal 15 luglio al 31 marzo 2018.

Da sabato 15 luglio, presso la Galleria Atlantide dell’Acquario di Genova sarà visibile al pubblico la prima mostra in Europa sugli animali marini al tempo dei dinosauri. 'Paleoaquarium, il mare al tempo dei dinosauri', curata dai paleontologi Stefania Nosotti e Simone Maganuco, è realizzata da Costa Edutainment spa in collaborazione con gli Experience Designer di ETT spa e lo studio paleontologico Prehistoric Minds. In occasione del primo weekend di apertura, per tutti i bambini una speciale postazione Face painting dove potranno farsi truccare, trasformandosi in una delle meravigliose creature del mare preistorico.

500 mq di spazio espositivo, 5 ricostruzioni in scala 1:1, 315 mq di illustrazioni a parete in scala 1:1, 3 esperienze multimediali, 1 area VR con 10 postazioni di Realtà Virtuale composte da sedute movimentate e Samsung Gear VR per un viaggio a 360° nel tempo e nello spazio. 180 secondi di video immersivo, consentono al visitatore di immergersi negli Oceani preistorici alla scoperta dei grandi predatori marini come Liopleurodon, Tylosaurus e Cryptoclidus.

Il percorso inizia all’esterno, nell’area del Porto Antico, con alcuni esemplari di animali marini preistorici che, grazie a installazioni anamorfiche, emergono dal pavimento per catturare l’attenzione del pubblico ed introdurlo al tema della mostra. L’avvicinamento alla mostra continua con altre immagini preistoriche posizionate sulle colonne sotto l’Acquario di Genova che accompagnano il visitatore all’entrata della mostra.

Punti forti dell’esposizione, per l’impatto spettacolare che hanno sul pubblico, sono le ricostruzioni degli animali acquatici del passato.

Come in una radiografia, nella postazione denominata XRay, il visitatore potrà far scorrere un monitor ancorato a rotaie lungo il disegno in vivo del rettile acquatico, stampato su tessuto retroilluminato, e scoprire la parte di scheletro dell’animale corrispondente all’area inquadrata dal monitor. La postazione permette di raccontare l’aspetto in vita dell’animale e ciò che si vede al suo interno allo stato fossile, il suo scheletro e molto altro, in un’unica esperienza intuitiva e sorprendente.

L’animale scelto dai paleontologi co-curatori della mostra per questa sezione è l’Oftalmosauro (Ophthalmosaurus icenicus) un ittiosauro, il cui adattamento acquatico ricalca nella forma corporea e nel tipo di nuoto il modello dei pesci e dei cetacei attuali (convergenza evolutiva; non a caso 'ittiosauri' significa 'rettili-pesce').

Accanto a questa postazione è possibile accedere al laboratorio del paleontologo: il Laboratorio offre un’esperienza immersiva con effetti di luce spettacolari. Al centro, su un grande monitor, il video ci racconta storie e curiosità sui rettili marini preistorici, con la guida di un iconico paleontologo del passato, Georges Cuvier. Contemporaneamente un altro monitor restituisce immagini delle specie descritte, e, tramite un sistema di controllo elettronico, faretti spot si accendono per portare in luce il reperto corrispondente, esposto sui bordi della sala e fino a quel momento in ombra. Alla fine dell’esperienza, dopo un breve attimo di buio, le pareti della stanza si illuminando e su di esse appaiono schizzi di animali marini preistorici con un effetto fluorescente quasi inquietante, evocando mondi scomparsi che l’uomo non ha mai abitato.

Il laboratorio approfondisce temi pertinenti all’esposizione, soprattutto tramite il video, che vede interagire personaggi carismatici della storia della paleontologia, in una situazione fantastica che li fa dialogare tutti insieme anche se sono vissuti in epoche diverse. Questa scelta ci permette di far conoscere al pubblico alcune tra le più eminenti personalità della storia della paleontologia, raccontando storie divertenti e proponendo in modo accattivante ed efficace, contenuti rigorosamente scientifici.

Il visitatore prosegue l’esperienza giurassica accedendo ad un’area VR con 10 poltrone dinamiche per un viaggio a 360° a ritroso nel tempo. Comodamente seduto e con indosso i visori di realtà virtuale (Samsung Gear VR), il pubblico inizia il viaggio su una immaginaria macchina del tempo, partendo dall’Italia dei giorni nostri, facendo una prima tappa in Brasile circa 112.000.000 di anni fa e poi una seconda in Inghilterra, ancora più indietro nel tempo - 163.000.000 di anni fa - dove, nelle profondità marine, ritroverà Liopleurodon ed altre specie dell’epoca.

Peculiarità della sala sono le 10 poltrone dinamiche appositamente progettate che, grazie ad un controller manuale permettono ai visitatori di muoversi liberamente nello spazio virtuale, per vivere in modo ancora più realistico e immersivo l’esperienza.

Completano il percorso una sezione con la cartina dell’Italia in cui sono segnalati i più famosi ritrovamenti di specie marine estinte nel nostro Paese e 2 postazioni multimediali: un game intuitivo ed esplorativo, installato su 2 monitor, nel quale i visitatori potranno scavare nel terreno per trovare ossa fossili posizionandole poi correttamente nello scheletro dell’animale marino al quale appartengono e un Paleoquiz composto da dieci domande a bruciapelo per saggiare le proprie conoscenze sui mari del passato, in una sfida con altri giocatori o anche da soli.