Evento pubblico

Zona Tortona è gourmet per la Milano Design Week

Il cortile dell’Opificio 31 all’insegna dell’eccellenza con lo chef pluristellato Enrico Bartolini e la collezione Serax 'Pasta e Pasta' a firma di Paola Navone.

Quest’anno zona Tortona diventa gourmet grazie allo chef pluristellato Enrico Bartolini che nell’Opificio 31 declinerà la propria cucina per la prima volta in versione “street food”.

Nel quartiere della creatività e della sperimentazione, Bartolini street gourmet proporrà ogni giorno alcuni grandi classici della cucina italiana rivisitati in chiave contemporanea.

Dai panini gourmet che celebrano i prodotti eccellenti del nostro territorio ai golosissimi bomboloni alla crema, dalla parmigiana di melanzane ai tortellini alla crema di latte, dal risotto all’immancabile vitello tonnato... ad accompagnare le creazioni dello Chef Bartolini, le prestigiose bollicine italiane firmate Ferrari. L’area esterna sarà allestita con un repertorio di arredi di Baxter, per rendere ancora più esclusiva la food experience.

ll progetto è stato ideato e coordinato da Milano Space Makers. Design internazionale e food “stellato” dialogano così su un registro espressivo d’eccellenza, coinvolgendo il cortile dell’Opificio 31, epicentro creativo dell’area, dove sarà presente anche Paola Navone con la nuova proposta ideata per l’azienda belga Serax“Pasta&Pasta” una collezione che prevede tutto il necessario per preparare un piatto di pasta, pentole, piatti e posate – e con il progetto Swatch Thammada in edizione limitata.

All’interno dell’Opificio 31 sarà quindi possibile scoprire i nuovi paradigmi del design contemporaneo grazie al palinsesto di eventi curato da Milano Space Makers, una vera e propria mappa di contenuti, tra internazionalità e ricerca, che coinvolge Stellar Works, Citroën in collaborazione con Gufram, Archiproducts Milano, Italian Wallcoverings Tecnografica, Vestre, Lumy House Limited, Contemporary Indonesian Design Pavillion, +d, Shinola, Oxtam, Coontemporary Mood e un’originale collettiva che presenta designer indipendenti, start up, piccoli brand emergenti di design. House Within a House è l’istallazione ideata da Stellar Works, primo brand globale di design nato in Asia, per presentare le nuove collezioni di arredo tra cui i nuovi pezzi ideati da Neri&Hu, direttori creativi del marchio, Space Copenhagen, Yabu Pushelberg e Crème, oltre alla prima collezione di ceramiche, Arita Ceramics, disegnata da Neri&Hu.

L’installazione riproduce l’interno di una casa con vari ambienti nei quali sono collocati gli arredi, in un’atmosfera dove tutto contribuisce ad enfatizzare il dialogo tra Oriente e Occidente, tratto caratteristico del brand dove stilemi propri della cultura giapponese si incontrano con l’artigianalità cinese mixando il tutto con un’estetica internazionale, di gusto occidentale.

Un punto di riferimento a livello globale per il mondo del design e dell’architettura e ormai presenza fissa a Milano, Archiproducts presenta — the design experience, un progetto che si interroga sui grandi cambiamenti che interessano il settore come la mutazione dei luoghi di lavoro, dell’informazione e delle relazioni e sul ruolo che avranno lo showroom e il progettista nell’era dell’e-commerce.

Un nuovo setting all’interno di Archiproducts Milano faciliterà le funzioni di co-working, formazione, eventi e showroom in modo ancora più fluido, con 35 brand e 400 oggetti mostrati in anteprima. Uno spazio ibrido dedicato al Design dove Architetti, Designer e Brand si potranno incontrare per progettare, costruire e innovare. Durante la design week verrà inaugurato Archiproducts Shop che, da piattaforma online, si espande nella città e porta il design più vicino ai clienti in una piccola vetrina microscopica ma iper-interattiva. Citroën in collaborazione con Gufram darà vita ad un incontro irriverente, quello tra C4 Cactus, l’Unconventional Crossover firmato Citroen e Gufram Metacactus, l’iconico appendiabiti dal design radicale. Nasce così una show car di C4 Cactus, sintesi dell’innovazione nell’uso di materiali evoluti e di un design ironico e fuori dagli schemi. Torna anche quest’anno il pop up store di +d & soil, un’eclettica esibizione con più di cento prodotti che ha coinvolto due grandi marchi per mostrare il meglio della creatività e qualità nipponica.

Gli oggetti, venduti in store selezionati (ad esempio al Moma e al Design Museum), offrono un’opportunità unica e preziosa per capire come tutto ciò che ci circonda può essere tradotto in design. Italian Wallcoverings Tecnografica presenta una capsule collection di wallpaper, ispirata al mondo della musica e realizzata ad hoc per la Design Week. Il brand nato nel 2014, ma erede della tradizione dello storico marchio emiliano Tecnografica, ha ideato un’esposizione suddivisa in tre ambienti che costituiranno l’omaggio visivo a un particolare movimento musicale, dove grafica, design, tecnologia ed effetti materici si fondono per dare vita a nuove superfici dall’alto coefficiente decorativo e sensoriale.

Per la prima volta al Fuorisalone, Vestre, storica azienda norvegese leader nella produzione di complementi d’arredo per le città, parchi e spazi pubblici all’aperto, presenta Nordic life in urban spaces, un’installazione che apre le porte ad una cultura ancora circoscritta al nord Europa – del design condiviso e della socialità, della condivisione urbana e degli spazi collettivi. Vestre offre così una visione innovativa dell’arredo urbano per una rinascita in chiave ecologica e creativa delle città contemporanee.

Il colosso della produzione di alluminio Lumy House, con base ad Hong Kong presenterà la prima collezione dedicata all’illuminazione, con un repertorio di lampade innovative sia nel design che nelle soluzioni tecnologiche.

Il brand americano di prodotti di lusso Shinola, specializzato nella produzione di orologi, biciclette, prodotti audio, gioielli, prodotti di pelle, agende e accessori, sarà presente con un repertorio di design di alta gamma. Oxtam di Arianna Mora presenterà il progetto “Greenery is the new black” dove il legno sarà il protagonista assoluto presentando prodotto dove non si unisce solo a metalli o resine ma entra in simbiosi con oggetti che negli anni sono stati sostituiti da modelli più tecnologici.

L’Opificio 31 ospita anche una collettiva di design, trasversale e aperta all’innovazione dove si è dato spazio a progetti di ricerca e sturt up che possono rivoluzionare il mercato del design come Deesup, Ecoplan, Extroverso e Dekora DesignDeesup è il primo marketplace del design firmato di seconda mano che propone marchi a prezzi accessibili di alta gamma rigorosamente Made in Italy, provenienti da privati e show-rooms. In mostra anche Ecoplen la prima azienda al mondo, con base a Matera, in grado di produrre taniche e flaconi impiegando oltre il 70% di plastica da rifiuto post consumo. Gli oggetti, dopo ulteriori operazioni di recupero diventano meravigliosi complementi di arredo, tra cui una collezione di lampade.