Roadshow

Domenica 12 maggio la Red Bull Cliff Diving World Series debutta a Dublino, seconda tappa della competizione

Dopo l'apertura nelle Filippine a metà aprile, la competizione di tuffi vola in Europa nel porto di Dún Laoghaire dove i 24 atleti si sfideranno per continuare l'avanzata verso la finale. Come dichiarato a e20express, l'evento è organizzato internamente dall'area Sport di Red Bull.

Dopo che i campioni in carica Gary Hunt (GBR) e Rhiannan Iffland (AUS) hanno dominato la tappa d’apertura nelle Filippine a metà aprile (LEGGI news), la Red Bull Cliff Diving World Series vola in Europa per la tappa più a nord della stagione: Dublino. Dal caldo tropicale delle lagune di El Nido al clima rigido della capitale irlandese, l’élite del cliff diving dovrà dimostrare una dose extra di spirito di adattamento alle migliaia di fan che occuperanno il porto di Dún Laoghaire per godersi l’incredibile spettacolo di tuffi.  Tutti gli sfidanti dovranno alzare la posta in gioco per arrestare l'avanzata dei campioni in carica.

Per non perdere le emozioni della seconda tappa della competizione è possibile seguire l’evento in diretta il 12 maggio alle 20:00 su www.redbullcliffdiving.com, Red Bull TV, Facebook & Youtube.

Un’occasione preziosa per sostenere da lontano il campione Alessandro De Rose, unico diver azzurro della Red Bull Cliff Diving World Series che quest’anno partecipa al circuito come atleta wildcard. Se l‘attesissima tappa italiana di Polignano a Mare è ormai vicina, Alessandro è determinatissimo ad affrontare con concentrazione e grinta la gara di Dublino per regalare ancora una volta a tutti gli spettatori adrenalina, acrobazie aeree e soprattutto momenti di bellezza straordinaria da altezze vertiginose.   

Reduce da un’eccellente vittoria a El Nido, nelle Filippine, il Brilliant Brit Gary Hunt con il primo posto in Irlanda potrebbe eguagliare il suo record di 6 vittorie consecutive (già ottenuto nel 2015), ma Constantin Popovici, nuovo permanent diver rumeno di questa edizione, nonché prima grande rivelazione della stagione, potrebbe scombinare i piani del campione inglese dopo aver dimostrato il suo enorme potenziale dalla piattaforma dei 27m al debutto della competizione in Asia. Il suo armstand dive ha permesso al diver olimpico, che si sta preparando duramente per la qualificazione a Tokyo 2020, di ottenere il punteggio più alto e il suo primo podio World Series, piazzandosi dietro al 7 volte campione, e confermandosi un avversario decisamente da non sottovalutare.  

Anche altri favoriti al titolo come il messicano Jonathan Paredes e lo statunitense Steven LoBue dovranno dimostrare di avere una marcia più e cercare l’esecuzione del tuffo perfetto se vogliono evitare che la vittoria della World Series sia segnata in partenza, e che il trofeo del Re Kahekili finisca nuovamente nelle mani di Hunt.

Nel circuito femminile Rhiannan Iffland continua a raggiungere l’apice della perfezione con le sue acrobazie in caduta libera dai 21 metri. La 27enne Australiana si è assicurata la 12esima vittoria su 18 gare durante la tappa d’apertura in Asia, ma sembra aver trovato pane per i suoi denti con la giovane diver bielorussa Yana Nestsiarava e la canadese Lysanne Richard.

Se le due avversarie sono riuscite a tenere testa alla campionessa in carica salendo sul podio a El Nido, lo stesso non si può dire per la messicana Adriana Jimenez, volto storico della Red Bull Cliff Diving Women’s World Series che ha terminato la gara nelle Filippine con un deludente 5° posto. 

Dopo le tre gare disputate nella piscina naturale di Inis Mòr, sulle Isole Aran, per la prima volta le piattaforme della Red Bull Cliff Diving World Series faranno tappa nella capitale Irlandese, e saranno lo sfondo di un appassionante spettacolo all’ultimo tuffo.

Dún Laoghaire, situata a sud del centro di Dublino, è un’iconica cittadina costiera che conta oltre 200 anni di storia e un notevole afflusso turistico. Dal celebre promontorio "40 Foot", meta perfetta per chi vuole fare una nuotata veloce prima della gara ufficiale, al Museo Marittimo Nazionale, Dún Laoghaire ha numerose attrattive fra cui il People’s Park e la DLR Lexlcon Library, il cui panorama mozzafiato può competere solo con quello delle piattaforme del Red Bull Cliff Diving, posizionate a 21 e 27 metri di altezza.

Proprio dalle piattaforme fissate sul Carlisle Pier, infatti, i diver potranno godere di una visuale niente male sulla Baia di Dublino, tra il faro di Poolbeg, Howth Head, Dalkey Island e l'intera Dún Laoghaire.

La passeggiata lungo l’East Pier è ormai un must per i turisti nell’area del porto di Dún Laoghaire, ed è proprio da lì che migliaia di spettatori potranno gustarsi lo spettacolo e tifare per i 24 diver che si daranno battaglia il 12 maggio.  

Per costruire il porto ci sono voluti ben 42 anni, dal 1817 al 1859, ma ai diver basteranno solo 3 secondi di volo per raggiungere l’acqua sottostante con incredibili evoluzioni aeree, aggiungendo alla storia di questa meravigliosa location il loro personale tocco di magia. 

CB