Mercato

Mindwork punta su Connexia come partner per la Comunicazione

L’agenzia indipendente affiancherà la prima società italiana per la consulenza psicologica online in ambito aziendale in un percorso di consulenza di PR & Media Relation, fornendo inoltre supporto nella definizione di partnership strategiche e progetti speciali, e nel coordinamento di eventi B2B.

 Mindwork, la prima società italiana per la consulenza psicologica online in ambito aziendale, sceglie Connexia come partner per la propria Comunicazione. L’agenzia indipendente affiancherà Mindwork in un percorso di consulenza di PR & Media Relation, fornendo inoltre supporto nella definizione di partnership strategiche e progetti speciali, e nel coordinamento di eventi B2B.

Mindwork è la prima società italiana nella consulenza psicologica a offrire un network di professionisti specializzati iscritti all’Albo degli Psicologi e continuamente formati. Un supporto professionale, qualificato e riservato, dedicato al benessere personale dei lavoratori. Tutto da remoto e a portata di click. La piattaforma Mindwork consente, infatti, di scegliere in pochi secondi il professionista dal quale si vuole essere seguiti e organizzare sessioni di consulenza in videochiamata da qualsiasi device, garantendo privacy e riservatezza totali.

Affiancando Mindwork in questo percorso, Connexia sceglie di sostenere una realtà innovativa in un ambito, quello della salute e del benessere psicologico sul luogo di lavoro, che sta finalmente trovando spazio nelle dinamiche interne alle aziende e nel dibattito sulla Responsabilità Sociale d’Impresa. Un tema importante che, sebbene già portato alla ribalta nei principali forum mondiali (come è il caso di Davos, con panel dedicati nel corso delle ultime due edizioni), è tornato di forte attualità dopo l’esperienza del lockdown e le inevitabili ripercussioni sul mondo del lavoro e dei singoli.

Un recente studio condotto da Mindshare (organizzazione no profit impegnata nella diffusione di una cultura aziendale più attenta alla salute mentale dei propri collaboratori) e Qualtrics (data company specializzata nella creazione di software di experience management aziendale), sostiene infatti che il 41.6% dei lavoratori intervistati su scala globale abbia riportato un peggioramento della propria salute mentale durante le fasi più acute del lockdown. Sintomi come ansia, depressione e stress sul luogo di lavoro sono in costante aumento, e sono tra le principali cause di assenteismo tra i dipendenti, andando tra l’altro a inficiare la produttività aziendale. Il fenomeno è particolarmente significativo tra i Millennial e i nuovi arrivati della Generazione Z, che sembrano essere ancora più sensibili al tema rispetto alle generazioni precedenti.

“Connexia riconosce il valore e l’importanza del servizio proposto da Mindwork e accompagnerà con particolare interesse, oltre che attenzione e professionalità, la società nei momenti più significativi della sua attività di lancio in Italia. – commenta Stefano Ardito, Chief Growth Officer di Connexia – Il lockdown ha lasciato in noi tutti un segno, indipendentemente da come l’abbiamo vissuto. Ha cambiato la percezione dell’altro, le nostre abitudini e il nostro modo di relazionarci. Tutti aspetti sensibili, per le aziende come anche per i singoli, che possono andare a impattare sulle dinamiche interne e vanno, quindi, costantemente monitorati, nel caso si rendano necessari interventi professionali”.

“Quando si parla di benessere delle persone al lavoro la componente psicologica non può più essere trascurata. – afferma Mario Alessandra, Co-Founder e CEO di Mindwork – È necessario in primo luogo sostenere un cambio di paradigma culturale, che consenta di parlare apertamente di salute psicologica tra pari, con i propri team leader e con professionisti esterni. Mindwork ha l’obiettivo di fare proprio questo, de-stigmatizzare la salute mentale al lavoro affiancando i direttori HR nella promozione del benessere psicologico e dando la possibilità a tutti di accedere facilmente alla consulenza psicologica nella massima riservatezza. Per comunicare i nostri valori potevamo affidarci solo ad un'azienda che li comprende e li pratica, come Connexia”. (Nella foto il management di Connexia).