Mercato

“Redefining desire to provoke action”, il nuovo posizionamento di Leagas Delaney con un focus su contemporaneità e rilevanza. Dopo un 2020 con utile netto a +10%, l'agenzia cresce del +5/7%

Alessandro Paul Scarinci, CEO & Partner e Filippo Mutani, CSO (nella foto), hanno presentato venerdì 15 ottobre il nuovo corso dell'agenzia volto a creare una connessione più significativa tra i mutati desideri delle persone e i brand contemporanei. Basato su un modello di lavoro proprietario, che parte da studi e osservatori specifici sui mutati trend culturali, punta a creare “transformational insight” capaci di ridefinire il talento e il ruolo delle marche nella vita delle persone.(In foto da sinistra a destra: Alessandro Paul Scarinci, Filippo Mutani, Fabio Pedroni, Cinzia Pallaoro).

Stiamo vivendo in un’epoca di profonda ridefinizione: gli importanti cambiamenti culturali, politici e tecnologici degli ultimi anni fanno emergere nuovi valori e nuovi modelli di consumo, dando vita a un inedito rapporto marche/persone”. - É questo il concetto di esordio espresso da Alessandro Paul Scarinci, CEO & Partner at Leagas Delaney Italia, che assieme a Filippo Mutani, CSO di Leagas Delaney Italia (nella foto con Salvatore Sagone, presidente ADC Group), hanno inaugurato  l'incontro di presentazione del nuovo riposizionamento dell'aggenzia, oggi 15 ottobre, incentrato su su contemporaneità e rilevanza.

Partendo da quest’osservazione i due definiscono quella di oggi comel’era post-digitale, un’era in cui il digitale non è solo più un canale ma un nuovo consumer mindset, che ridefinisce costantemente le aspettative dei consumatori a livello globale”.

In uno scenario di questo tipo, chi non risponde in modo visibile, immediato e tangibile a un consumatore sempre più esigente e orientato all’impatto dei brand sulla collettività, è perduto.Non a caso la maggior parte degli studi quantitativi recenti riporta come circa tre quarti dei brand globali rischiano di uscire dal radar di rilevanza del consumatore nel futuro prossimo.”

Su questa riflessione si basa il nuovo posizionamento di Leagas Delaney Italia “Redefining desire to provoke action”, che determina anche il modus operandi dell’Agenzia, volto a creare una connessione più significativa tra i mutati desideri delle persone e i brand contemporanei.

Un modello di lavoro proprietario, che parte da studi e osservatori specifici sui mutati trend culturali, per creare “transformational insight” capaci di ridefinire il talento e il ruolo delle marche nella vita delle persone, per costruire strategie e piattaforme creative più rilevanti ed impattanti lungo tutto il funnel di comunicazione.

In questa era di costante ridefinizione, anche la creatività deve evolvere per intercettare i “nuovi” consumatori. È un momento straordinario per sperimentare linguaggi nuovi. Solo creatività rilevanti e d’impatto possono portare risultati tangibili in termini di consideration e conversion.” – chiosano i Direttori Creativi di Leagas Delaney Italia, Cinzia Pallaoro e Fabio Pedroni.

L'agenzia milanese rappresenta una realtà solida e in salute del mercato, con una serie di capacità e delle sensibilità interne, unite a professionalità e ricerca continua di giovani talenti, che le hanno permesso di supportare con sucesso brand importanti e di mantenere una crescita positiva anche durante la pandemia, facendo registrare un utile netto del +10% circa nel 2020 rispetto al 2019, e +5/ +7% nel 2021.

In foto da sinistra a destra: Alessandro Paul Scarinci, Filippo Mutani, Fabio Pedroni, Cinzia Pallaoro.

Articolo in evoluzione.