Industry

Convention Bureau Roma e Lazio accoglie 10 nuovi associati e annuncia un piano di sviluppo triennale che guarda a nuovi segmenti di mercato legati al turismo d’affari

Diversi i progetti e tra questi, “CORE Roma Experience”, manifestazione dedicata esclusivamente alle eccellenze dell’alta ospitalità del territorio la cui prima edizione è in programma nella Capitale dal 27 al 30 novembre 2024 per richiamare una selezione dei migliori top buyer e media internazionali di settore.

Il nuovo anno si apre all’insegna del consolidamento e della crescita del Convention Bureau Roma e Lazio che, durante l’ultima Assemblea dei Soci, ha annunciato un ambizioso piano di sviluppo  triennale e l’ingresso di ben dieci nuovi associati: Borgo della Mistica, citizenM Rome Isola TiberinaLove IT DMC, Midas Palace Hotel, Palazzo Brancaccio, Prisma Eventi, Rose Garden Palace Roma by  OMNIA Hotels, Six Senses Rome, Sofitel Rome Villa Borghese e The Production Group

“Accogliamo con orgoglio l’ingresso di dieci nuovi associati nella compagine del Convention Bureau Roma e  Lazio, una testimonianza tangibile della rilevanza e dell’appeal che il nostro organismo ha guadagnato nel  settore della meeting industry. Siamo fermamente convinti che l’ampia trasversalità della nostra  membership, unita all’elevata competenza dei nostri operatori, ci permetterà di migliorare considerevolmente  la qualità delle iniziative promozionali e di sviluppare una strategia più completa e mirata capace di  valorizzare con successo l’unicità della destinazione in Italia e all’estero”, ha dichiarato Onorio Rebecchini (a sinistra nella foto con Flaminia Roberti, Stefano Fiori, Daniele Brocchi, Marco Misischia), Presidente del Convention Bureau Roma e Lazio

Perseguire la qualità come elemento distintivo della promozione della destinazione assume per il Convention  Bureau Roma e Lazio un obiettivo fondamentale per generare un impatto positivo e duraturo per gli  operatori, rafforzando la reputazione dell’intero territorio regionale e attirando viaggiatori sempre più alla  ricerca di esperienze autentiche e personalizzate. Proprio per questo, la strategia e il piano delle iniziative di  promozione per il 2024 presentate durante l’Assemblea non si limita solamente al contesto congressuale attraverso la partecipazione alle più importanti fiere e workshop di settore della meeting industry - tra cui  IMEX Francoforte, IMEX America Las Vegas e IBTM World Barcellona - bensì intende espandere la sua  influenza in nuovi segmenti di mercato legati al turismo d’affari. 

Ne è un esempio il progetto “CORE Roma Experience” - realizzato in collaborazione con NEBE e lanciato  in anteprima all’ILTM di Cannes lo scorso dicembre - la manifestazione dedicata esclusivamente alle  eccellenze dell’alta ospitalità del territorio la cui prima edizione è in programma nella Capitale dal 27 al 30  novembre 2024. Grazie a “CORE Roma Experience”, Roma e Lazio diventeranno il cuore pulsante del  luxury travel, richiamando una selezione dei migliori top buyer e media internazionali di settore. 

Accanto all’iter programmatico portato avanti con ENIT, Regione Lazio, Roma Capitale, Camera di  Commercio di Roma e l’Agenzia ICE, si rafforzano le partnership in essere con i grandi player del turismo  regionale - solo per citarne alcuni, Aeroporti di Roma, Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone”, ITA  Airways e Roma Convention Center “La Nuvola” - e si strutturano nuove sinergie per la realizzazione di  roadshow, sales blitz, fam trip, pre e post tour per facilitare il networking e l’incontro tra domanda e offerta. 

Grande attenzione alla promozione della destinazione, in termini di accoglienza, ospitalità e gestione dei  flussi, anche nel contesto del Giubileo del 2025 con la firma di un significativo Protocollo di Intesa con il  Vicariato di Roma - Opera Romana Pellegrinaggi per la realizzazione di attività congiunte finalizzate alla  promozione turistica, religiosa e culturale di Roma e Lazio nell’ambito della meeting industry e del wedding. 

Il 2024 si profila, quindi, come un anno ricco di obiettivi sfidanti e novità per il Convention Bureau Roma e  Lazio, tra cui l’avvio della collaborazione con Lamberto Mancini, Direttore Generale della Fondazione Roma  Expo 2030, che affiancherà il Consiglio di Amministrazione nelle politiche di indirizzo strategico, apportando  la sua vasta esperienza e competenza. 

A sostegno della strategia annunciata dal Convention Bureau Roma e Lazio, sono intervenuti diversi  rappresentanti delle Istituzioni e delle Associazioni apportando contributi significativi per il futuro della  meeting industry regionale, tra cui Alessandro Onorato, Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda  di Roma Capitale, David De Santis, Assessore alla Programmazione ed Eventi di Fiuggi, Mariano Angelucci,  Presidente della Commissione Permanente Turismo, Moda e Relazioni Internazionali di Roma Capitale,  Paolo Giuntarelli, Dirigente della Regione Lazio, Gabriella Gentile, Presidente di Federcongressi&eventi,  Raffaele Pasquini, Presidente della Sezione Industria del Turismo e del Tempo libero di Unindustria Roma e  Lazio, e Maria Elena Rossi, Global Marketing Director di ENIT. 

“Il piano di sviluppo del Convention Bureau Roma e Lazio, fortemente voluto dalle nostre Associazioni  fondatrici, segna un passo importante per la nostra destinazione e mira a rafforzare il posizionamento del  brand Roma e Lazio come punto di riferimento per eventi e congressi di respiro internazionale. In accordo  strategico con ENIT, Regione Lazio e Roma Capitale, in pieno spirito di collaborazione con la Fondazione  per l'Attrazione Roma & Partners, ci proponiamo di raggiungere nuovi traguardi e di promuovere gli elevati  standard qualitativi della destinazione in modo più ampio e coinvolgente, abbracciando la diversificazione  dell’offerta dei nostri operatori per attirare un pubblico sempre più eterogeneo. Guardiamo con fiducia al  futuro, convinti che la nostra visione ambiziosa, unitamente a una sinergia pubblico-privata tra Istituzioni e  stakeholder sempre più virtuosa e proficua, possa contribuire al continuo successo della meeting industry a  beneficio del comparto turistico regionale e del suo indotto”, ha concluso Onorio Rebecchini.