Industry

Inaugurato AEMuseum, il museo d'impresa di Fondazione AEM dedicato al suo patrimonio storico

Oltre 300 immagini e più di 100 spezzoni di documentazione filmica, a cui si aggiungono decine di opere pittoriche, alcune mai esposte prima, e una prestigiosa selezione di oggetti storici. È questo lo straordinario patrimonio del museo che ieri ha aperto i battenti al pubblico.

Oltre 300 immagini e più di 100 spezzoni di documentazione filmica, a cui si aggiungono decine di opere pittoriche, alcune mai esposte prima, e una prestigiosa selezione di oggetti storici. È questo lo straordinario patrimonio dell’AEMuseum, il museo della Fondazione AEM, che ieri ha aperto i battenti al pubblico. Una raccolta unica che per la prima volta è messa a disposizione della città di Milano e non solo, per raccontare una delle più importanti storie di innovazione e modernità in Italia.

Oggi inauguriamo un piccolo, grande museo, che racconta la grande storia di AEM, oggi A2A, un’impresa che ha contribuito in misura rilevante allo sviluppo industriale di Milano e della Lombardia, e quindi del paese in generale, fornendo l’energia necessaria per i processi produttivi, e che ha contribuito molto anche a migliorare la qualità della vita dei cittadini utenti dei servizi. Nella sua lunga storia ha sempre mostrato una particolare sensibilità per la questione ambientale, un tema molto attuale. Basti pensare all’importanza dell’idroelettrico, che attraverso l’acqua produce energia pulita e rinnovabile” ha detto Alberto Martinelli, Presidente di Fondazione AEM.

Cura dei dettagli e attenzione alla valorizzazione dei materiali storici che si offrono al pubblico in un dialogo unico e prezioso. “In occasione della XXI Settimana della Cultura d’Impresa - evento annuale organizzato da Assolombarda e Confindustria, promosso da Museimpresa, l'Associazione dei musei e degli archivi d'impresa italiani - non potevamo non presentare il nostro nuovo museo d’impresa AEMuseum. Un museo d’impresa non può limitarsi al racconto di memorabilia, ma dev’essere lo spunto e il faro per le attività delle imprese del domani” ha aggiunto Fabrizio Trisoglio, Responsabile scientifico Fondazione AEM.

All’inaugurazione è seguito il terzo appuntamento di “Incontri con la storia”, il ciclo di eventi promosso da Fondazione AEM e Fondazione Corriere della Sera. L’intero format è stato seguito in streaming da oltre 1 milione e 3mila persone. L’ultimo evento è stato dedicato al rapporto tra impresa e ambiente e ha visto la partecipazione insieme ad Alberto Martinelli, Presidente Fondazione AEM, di Alessia Cappello, Assessore Sviluppo economico e Politiche del Lavoro del Comune di Milano, Antonio Calabrò, Presidente Museimpresa, Rosa Filippini, Direttrice Astrolabio Amici della Terra, Duilio Giammaria, giornalista e scrittore e Valeria Termini, Università Roma Tre, moderati da Paolo Mieli

Il presidente Martinelli ha sottolineato il valore del percorso di eventi realizzati in questi mesi dalla Fondazione: “Scopo degli incontri è stato quello di valorizzare la storia e il patrimonio di AEM, oggi A2A, con il suo ricchissimo catalogo di fotografie, film, documenti, oggetti, un pezzo importante della storia industriale di questo paese, collegandoli però ai problemi attuali e alle prospettive per il futuro. Lo scopo principale era mostrare come una fondazione d’impresa possa, da un lato, contribuire a rinvigorire il senso d’identità dell’impresa raccontando la sua storia e, dall’altro, come possa ispirare le strategie necessarie per affrontare i problemi del presente: tra questi, la questione ambientale e, al suo interno, la questione energetica, senz’altro una delle più gravi e urgenti”.

L’AEMuseum si trova in Piazza Po 3. L'ingresso al museo, come per tutte le iniziative educative e culturali di Fondazione AEM, sarà gratuito e garantito negli orari di apertura della struttura, 9-17.30 dal lunedì al giovedì e 9-13 il venerdì dalle 9 alle 13, su prenotazione e nel caso di aperture straordinarie anche nei weekend.