Industry

Le cancellazioni degli eventi a causa del Covid-19 sono costate alle agenzie di brand experience del Regno Unito 56 mln di sterline

Questi sono i risultati di un sondaggio condotto da Campaign il mese scorso, che ha anche rilevato più di 500 cancellazioni di eventi tra luglio e dicembre, e che il 72% delle agenzie sta licenziando e prevede di ridurre l'organico di circa il 30%.

Le migliori agenzie di eventi del Regno Unito hanno perso 56 milioni di sterline a causa dell'epidemia da coronavirus e mettono in preventivo di ridurre la loro forza lavoro di circa un terzo.

Questi sono i risultati di un sondaggio condotto da Campaign il mese scorso, che ha anche rilevato  più di 500 cancellazioni di eventi tra luglio e dicembre. Le 12 agenzie che hanno preso parte al sondaggio sono state: Amplify, George P Johnson, Haygarth, Hot Pickle, Hyperactive, Iris, RPM, Sense, Tro, Unit9, Wasserman e XYZ. Le cifre sono un chiaro segno dell'impatto che il virus ha avuto sul settore, che di conseguenza si sta riducendo. La ricerca ha rilevato che il 72% delle agenzie sta licenziando e prevede di ridurre l'organico di circa il 30%.

All'inizio dell'epidemia un sondaggio simile condotto da Campaign nel Regno Unito, a marzo, aveva rilevato che la quantità di business perso a causa del Covid-19 ammontava a 15,4 milioni di sterline.

I principali eventi sono stati cancellati durante l'estate. Ne sono un esempio Glastonbury, le Olimpiadi, i campionati di tennis di Wimbledon, la Maratona di Londra e molti altri.

Le agenzie dal respiro globale stanno iniziando a fornire eventi in altri paesi come ad esempio la Cina. Mike Kunheim, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato di Jack Morton London, ha infatti dichiarato: "In alcuni mercati, come la Cina, siamo tornati a proporre eventi dal vivo - con rigorose distanze sociali e biosicurezza".