Industry

Al Pirelli Hangar Bicocca il convegno Lombardia 2030. Santanchè (Ministro del Turismo): "Milano Cortina 2026 è un'occasione unica come vetrina mondiale"

L'intervento durante l'iniziativa di confronto tra istituzioni e rappresentanti del mondo produttivo, economico e sociale del territorio per delineare insieme sfide e orizzonti di sviluppo della Lombardia del futuro.

La regione del futuro è stata al centro dell’evento ‘Lombardia 2030’ al Pirelli Hangar Bicocca di Milano. La giornata si è aperta ricordando le vittime di Ischia e l’ex presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni.

La costruzione di un tavolo permanente per progettare e realizzare nuovi progetti intorno a un'idea di Lombardia come terra della conoscenza, dell’innovazione, del saper fare e delle opportunità. Su queste basi il presidente Attilio Fontana ha tracciato la linea di sviluppo su cui lavorare per i prossimi anni.

All’appuntamento, organizzato da Regione Lombardia, hanno partecipato rappresentanti del Governo nazionale, delle Istituzioni nazionali e regionali, del mondo produttivo, economico e sociale lombardo, per un coinvolgimento a tutto campo sulle prospettive della regione motore d’Italia. In particolare, il governatore ha rimarcato il concetto di Smartland per la Lombardia dei prossimi dieci anni “che sarà più connessa, sostenibile, e soprattutto innovativa. Per concretizzarlo occorre maggiore autonomia, per poter assumere seriamente impegni e responsabilità nei confronti, rendere più efficienti i servizi, pagare di più i nostri medici o i nostri insegnanti, per mettere il pubblico in condizioni di competere, in modo sano, con il privato”.

Tra gli intervenuti il Ministro del Turismo Daniela Santanchè:"La Lombardia è una regione a vocazione turistica, ma come ha detto il presidente Fontana, dobbiamo essere più ambiziosi, avere più coraggio"

"Qui ci sono tantissime cose interessanti - ha proseguito - per attrarre flussi turistici: pensiamo alle montagne. Proprio la scorsa settimana, insieme all'assessore Magoni, abbiamo inaugurato la stagione invernale delle montagne lombarde. In quell'occasione ho capito che Regione Lombardia si sta muovendo nella direzione giusta perchè ha lavorato in sinergia con i Comuni per ampliare l'offerta turistica".

La Lombardia è montagna, ma anche moda, design, enogastronomia e soprattutto affari. "Il turismo del business con Fiera Milano - ha precisato Santanchè - genera più di 8 miliardi a livello nazionale. Di questi, ben 4,3 miliardi si sviluppano e rimangono in regione Lombardia ponendola ai vertici a livello italiano".

"Il turismo deve essere la prima industria italiana ma dobbiamo essere coraggiosi e sfidanti, - ha ammesso il Ministro - avere quella visione di medio e lungo periodo che è fondamentale per passare finalmente dalle parole ai fatti".

Riguardo poi all'equilibrio tra Regioni e Stato centrale sulla promozione turistica, il Ministro ha sottolineato la necessità "di coordinamento perchè tutte le regioni di Italia non devono dimenticare che il marchio 'Made in Italy', 'Italia' è il terzo marchio al mondo. Santanchè ha poi menzionato i fondi del PNRR sul digitale e ha spiegato che "Il Ministero del Turismo sta lavorando su un'app dotata di geolocalizzazione ma le Regioni devono fornire i contenuti. Troppo spesso in Italia si parla di risorse ma poi ci vuole l'esecution, altrimenti accade che non siamo in grado di spendere tutti i soldi disponibili". Infine sul turismo sportivo Santanchè ha concluso ribadendo che con le Olimpiadi Milano Cortina 2026 "abbiamo un'occasione straordinaria, sia in termini di investimenti che di partecipazione del mondo, ma come ha detto il presidente Fontana bisogna avere ambizione".