Industry

Movimento Autonomi e Partite Iva: "Inaccettabile ipotizzare nuove chiusure per l'inadeguatezza della politica nella gestione degli assembramenti"

Con riferimento alla festa dei 30mila tifosi interisti in Piazza Duomo a Milano, il presidente del movimento Eugenio Filograna lancia una provocazione: “Se tra quindici giorni a Milano dovessero richiudere le attività a causa della mancata gestione dell’assembramento di 30 mila persone manderemo spese e bollette da pagare all’indirizzo di Palazzo Marino ”

Mentre in Piazza Duomo a Milano 30mila persone creavano un maxi assembramento, le forze dell’ordine erano impegnate – su commissione delle istituzioni locali e nazionali- a multare commercianti e ristoratori per una persona in più all’interno del locale o per qualche centimetro di mancato distanziamento. 30mila fuori controllo a fronte di imprenditori vessati, multati e penalizzati in ogni modo. È inaccettabile dovere sopportare passivamente questa evidente incapacità che non rende giustizia alle migliaia di morti e all’economia milanese. Ma quante ancora devono sopportarne autonomi e partite Iva?”

Se lo domanda il Presidente del Movimento culturale e politico  Eugenio Filograna (in foto), nel giorno in cui il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha diffuso un video in cui ammette che “la situazione era prevedibile” in riferimento all’episodio che si è verificato domenica scorsa in occasione della vittoria dello scudetto dell’Inter. Secondo le stime della questura, erano 30mila i tifosi accalcati in Piazza Duomo, secondo quelle dei virologi, tra quindici giorni si potrebbero iniziare a contare sulla curva pandemica gli aumenti dei casi di contagio da Covid19.

 “Dobbiamo considerare – conclude Filograna- altrettanto prevedibile che bisognerà nuovamente chiudere le attività? Chi pagherà le conseguenze di una politica inadeguata? Chi ne farà le spese? Se tra quindici giorni Milano diventerà zona rossa e quindi si dovranno abbassare le saracinesche manderemo spese e bollette da pagare all’indirizzo di Palazzo Marino. Viva il Sindaco Peppe Sala!”.