UPDATE:
Cannes Lions 2024. Bartoletti (Indiana Production): "I due argenti a Coordown premiano una campagna che scardina i format tradizionali e suggerisce un valore universale"Cannes Lions 2024. Eoin Sherry (LePub Italy) sul Leone d'Oro a 'Pub Museums' per Heineken: "Una campagna che trasforma i pub storici in experience di brand"Cannes Lions 2024. Droga (Accenture Song): “Nessun timore o nostalgia: la creatività che nasce dalle ricerche è molto peggio di quella generata dall’IA”. Murati (Open AI): “Non temere la tecnologia ma sperimentarla. Lavoriamo per renderla più facile"Cannes Lions 2024. Di Bruno/Dionisi BBDO Italy: "L'Argento a Make Italy Green per E.ON riconosce un lavoro di team con il cliente e il legame forte del purpose aziendale con la mission di portare energia pulita"De Vecchi (VML Health): "Il bronzo a “Not A Lonely Journey” di VML Italy per Biogen un primo traguardo per una campagna progettata per dimostrare, tramite l’esperienza diretta dei pazienti SMA, che una condizione differente è possibile".Cannes Lions 2024. Outdoor: 3 leoni per LePub/Heineken (oro e argento a Pub Museums, bronzo a Laundromatch), argento anche a Make Italy Green di BBDO per E.ON. GP a Spagna e Nuova Zelanda. Audio & Radio: argento a Pub Museums e GP a UK. Print & P: Gp USACannes Lions 2024. Venturelli (Publicis Groupe): “Nell’era del post-purpose, vincono i brand capaci di trasformarlo in una leva di business. Nessuna invasione dell’IA, usata però per realizzare ciò che sarebbe altrimenti impossibile”A Catania la tappa italiana dell'International Recycling Tour, progetto internazionale di Every Can Counts per la raccolta "on the go" delle lattine per bevandeIGPDecaux si aggiudica un contratto di 13 anni per la metropolitana, gli autobus e i tram di RomaCannes Lion 2024 | Argento all'Italia in Health & Wellness con Small/Indiana Production per 'Assume That I Can' di Coordown. Bronzo a VML nel Pharma per 'Not a Lonely Journey' di Biogen. Premiati umorismo e purpose come leva di business e sviluppo sociale
Industry

Paolo Gep Cucco e Davide Livermore acquisiscono D-Wok: si apre un nuovo capitolo nell'innovazione tecnologica e creativa per l’Entertainment Design

Con questa nuova fase, la società punta a estendere i confini dell'innovazione tecnologica e creativa nell'entertainment design, offrendo al pubblico esperienze sempre più sorprendenti e immersive, in una dimensione internazionale.

Con un aumento di capitale effettuato dai soci Paolo Gep Cucco (a sinistra nella foto) e Davide Livermore (a destra nella foto), D-Wok annuncia la nuova guida della società in capo ai due azionisti. L’azienda di entertainment design, rinomata per la sua leadership nella tech creativity legata all'Opera Lirica ed alla produzione di contenuti virtuali e di video design, si distingue ora come una realtà indipendente nel panorama internazionale della creatività e dell'innovazione tecnologica legata agli show ed agli eventi.

Il direttore creativo Paolo Gep Cucco commenta: "Nell'ultimo anno, la società ha subito una trasformazione significativa, avviando lo sviluppo di una business unit dedicata alla produzione di environment virtuali per il cinema. Il nostro obiettivo è quello di portare l'arte digitale e la scena “sintetica” nel mondo dell'entertainment design per generare nuove forme di esperienza per il pubblico. Per realizzare questo ambizioso progetto, era necessario investire in innovazione e sviluppo. Da qui l'idea dell’aumento di capitale che porta Davide e me a detenere l’intero pacchetto azionario della Società".

Lo sviluppo di D-Wok poggia su tre pilastri fondamentali. Il primo è rappresentato da una creatività unica nel suo genere, grazie al brand Livermore & Cucco, che spazia dall'Opera Lirica al cinema, distinguendosi come un unicum nel panorama internazionale. Il secondo pilastro è la spiccata propensione alla Tech Innovation, con l'infrastruttura di 3D real time su Unreal, che posiziona D-Wok all'avanguardia nella creazione di scenari e contenuti virtuali. Il terzo pilastro è un approccio multidisciplinare che abbraccia i virtual environment per il cinema, le scene digitali per l'opera e la creatività e regia per grandi show ed eventi, di cui è un esempio il lavoro fatto in questi anni con Cesare Cremonini. Con un’attenzione particolare ai giovani talenti grazie alla formazione portata avanti con il Master in Eventainment in collaborazione con Università Cattolica di Milano.

Davide Livermore, noto regista d'opera e direttore artistico di D-Wok, condivide: "Dopo più di dieci anni di collaborazione con D-Wok, ho scelto di entrare direttamente nella proprietà dell'azienda per sviluppare le potenzialità che ci hanno reso un caso a sè stante nella scena dell'Opera Lirica mondiale con le 4 inaugurazioni consecutive della Scala che hanno segnato i record di ascolti nella storia della Rai, nonché le tre inaugurazioni del festival di dramma antico di Siracusa segnando una media di 5.000 spettatori a sera. L'esperienza condivisa nella realizzazione del nostro film The Opera!, il primo in Italia completamente girato in un virtual set,  rappresenta l'apice di un grande progetto di sviluppo, mirato a esplorare ciò che rende unica la nostra creatività nel mondo attraverso uno sguardo aperto e rivoluzionario".

Con questa nuova fase, D-Wok si prepara ad estendere i confini dell'innovazione tecnologica e creativa nell'entertainment design, offrendo al pubblico esperienze sempre più sorprendenti e immersive, in una dimensione internazionale.