Rivista e20

e20 n.104. INCHESTA RIPARTENZA DIGITALE. Mixer Group, digital revolution network

Trentaquattrenne, fortemente tecnologica e innovativa…questa è l’anima di Mixer Eventi, fondata nel 1987 per offrire ai clienti un elevato grado di specializzazione nel settore degli eventi e della comunicazione. Questo ambizioso progetto ha le sue fondamenta nel campo del service tecnico dove audio, video, luci, tecnici del suono e della regia hanno fatto da protagonisti per tanti anni ai progetti firmati. “La resilienza e l’evoluzione - spiega Martina Vailati, key account manager Mixer Group – sono alla base di ogni realtà in grado di non fermarsi mai, continuare a crescere con l’obiettivo di intrecciare qualità e contenuto a brief e obiettivi ed è da questo principio che l’esperienza, la passione e il desiderio di trasmettere emozioni ci hanno permesso di evolverci in quello che a oggi siamo, un gruppo: nel quale, la realizzazione di contributi video, progetti di comunicazione integrata e una logistica molto puntuale hanno chiuso il cerchio dei servizi offerti”.

DIGITALE, PIÙ CHE UNA NOVITÀ UN ‘RIPASSO’
Il digitale ha ridisegnato sì la modalità di fare eventi, ma per Mixer Group è stato solo un ‘ripasso’. Già nei lontani anni ’90, infatti, il tanto ormai menzionato ‘green screen’ o più comunemente le dirette streaming, erano attività di consueta organizzazione quando, nel campo medicale, la richiesta era legata alle dirette dalle sale operatorie. Ora tutto si è perfezionato, il servizio è diventato sempre più di altissimo livello e le performance sono talmente elevate quasi da confondere il virtuale con il reale. MG pone un accento sull’expertise relativa alla realizzazione di scenografie virtuali “con un livello di fotorealismo da confondere anche i più esperti del settore”, come ha sottolineato Vailati. “I nostri clienti - precisa -, siano essi clienti finali, agenzie di comunicazione, case di produzione e broadcaster si affidano a noi per realizzare environment in 3D ad altissima definizione”. Sul campo, un team di professionisti dedicato alla realizzazione di eventi e contenuti digitali: dai copywriter e art director ai tecnici audio, video, luci, dai registi fino ai show caller. “Nonostante le luci sulla platea siano spente - spiega la key account manager – la voglia di comunicare partendo da un concept rimane forte ed è solo con un team integrato e con un know-how consolidato che si riescono a raggiungere obiettivi mirati, facendo vivere esperienze memorabili. Il digitale ha mutato gli strumenti per raggiungere gli obiettivi, una nuova strategia ha aperto la mente dei nostri interlocutori, l’esperienza ci ha permesso di collocarci tra i player di questo nuovo scenario”.

WM STUDIOS, HUB TECNOLOGICO
L’offerta di Mixer Group comprende anche un innovativo hub tecnologico a pochi passi da Milano (nel cuore pulsante del nuovo quartiere Mind), dedicato a clienti e aziende che desiderano incrementare la propria brand awareness, definire al meglio l’identità della loro impresa e aumentare l’engagement con il pubblico. WM Studios è sia teatro di posa sia location per eventi digitali, con spazi riservati alla produzione di contenuti multimediali con l’ausilio di set virtuali (24 m di screen per la realità virtuale), stage room, area meeting e regie dedicate. “Il nuovo hub milanese - racconta Vailati – offre il vantaggio di poter creare scenografie ad hoc e set customizzati per shooting di prodotto grazie alla partnership tra Mixer Group e Way Spa, una delle più celebri e apprezzate società di allestimento italiane”. Non solo: WM Studios mette anche a disposizione un ampio parcheggio per gli ospiti e aree di carico e scarico con massima semplicità di accesso, per una logistica smart ed estremamente funzionale, a prescindere dalla tipologia e dalla dimensione del prodotto da veicolare. “WM Studios - conclude Vailati - è un format che si è consolidato in pochi mesi e per questo motivo pensiamo di poter inaugurare altri hub in altre zone nevralgiche nella città di Milano”.

di Francesca Fiorentino
 

Rivista e20 n. 104 Feb-Mar-Apr 2021
Leggi l'articolo completo in formato digitale: