Partner

NC Digital Awards 2018. Kiwi è Agenzia Digitale Emergente. Sampietro: "Un premio a una sigla agile, dall'approccio multicanale, che cresce e si rinnova". Chiusura d'anno a +30%

Giancarlo Sampietro, General Manager dell'agenzia, esprime soddisfazione sottolineando che il premio corona un percorso di crescita iniziato cinque anni fa che prosegue con investimenti che vanno nella direzione della diversificazione, ad esempio con lo spin off di FLU e l'ingresso di professionisti che rafforzano il reparto strategico, tecnologico e l'area account. Per il 2019 previsto un fatturato di 2,5 mln e una crescita del 35%.

Agli NC Digital Awards 2018 Kiwi si è aggiudicata il premio dell'Editore di Agenzia Digitale Emergente, riconoscimento che viene assegnato alla struttura che che negli ultimi anni ha espresso una eccellente  performance in termini di dinamismo, new business, crescita di fatturato e di dipendenti.

Come si legge nella motivazione del premio, si tratta di un " prestigioso riconoscimento a un percorso iniziato poco più di quattro anni fa, che ha già visto la giovane realtà raggiungere numerosi traguardi, crescendo con una media del 30% annuo per quanto riguarda i ricavi e i 25 giovani professionisti che vi lavorano, approcciando sfide sempre più complesse e clienti sempre più grandi. Dal 2017 si è distinta per essersi aggiudicata importanti gare per i brand Honor (Huawei), Star, Saikebon e Sogni d’Oro (GB Foods), Nivea e Labello (Beiesdorf) e aver prodotto case history di successo, consolidando le partnership in corso".
Giancarlo Sampietro, General Manager dell'agenzia, esprime soddisfazione sottolineando che il premio corona un percorso di crescita iniziato cinque anni fa e che prosegue con un progetto che prevede un ulteriore sviluppo, l'acquisizione di nuovi clienti e la realizzazione di case history innovative rappresentative della   value proposition dell'agenzia.
L'agenzia fa leva su tre importanti punti di forza: una visione identitaria forte, un approccio  multicanale e digital first, una struttura snella e agile, che permette ai clienti di avere una filiera corta e contare sull'agenzia come un partner creativo. Il potenziamento della sigla ha consentito l'ingresso, soprattutto nell'ultimo anno, di  nuovi professionisti con  nuove competenze e di guardare a nuovi piani di crescita.
Le new entries di quest'anno hanno rafforzato il reparto strategico che, spiega il manager, sta diventando un asset determinante per trovare insight e strategie di comunicazione efficaci. In futuro verranno potenziati anche il reparto legato all'innovazione tecnologica per essere all'avanguardia nel digitale e l'area account.
L'agenzia inoltre sta presidiando l'area dell'influencer marketing ed ha lanciato da poco lo spin off della divisione FLU, per la realizzazione e produzione di contenuti e campagne con gli influencer (leggi news).
Infine, un'area di business particolarmente vivace di Kiwi riguarda la produzione creativa di contenuti, anch'essa al centro di piani di crescita. Focus, ovviamente, anche sul digitale, che, per Kiwi, va ben oltre l'aspetto tecnologico per diventare un ambiente di comunicazione multicanale.
Kiwi, conclude Sampietro, chiuderà l'anno con una crescita di oltre il 30%, con un fatturato intorno ai 2 milioni di euro e per l'anno prossimo prevede un +35% e un giro d'affari di oltre 2,5 mln di euro.