Foreign Office

Martin Sorrell vince la sfida contro WPP e con S4 Capital acquisisce MediaMonks per 300 milioni di euro

Si tratta di un vero e proprio merge in base al quale i 750 addetti della creative digital production company da 110 mln di euro di revenue entreranno a far parte di S4 Capital. Sorrell rischia tuttavia di perdere il bonus in azioni WPP da 20 milioni di sterline.

Alla fine Martin Sorrell con la sua S4 Capital ce l'ha fatta ad acquisire MediaMonks, battendo l'altro player interessato alla creative digital production company. WPP, che ha guidato per 33 anni come fondatore e Ceo.

La notizia, già riportata ieri da ADVexpress, è apparsa sulla stampa estera nel primo pomeriggio di oggi, dove si legge peraltro che il manager ha effettuato l'operazione, descritta da entrambe le parti come un merge, sebbene la multinazionale gli avesse comunicato che con questo closing avrebbe violato accordi di riservatezza stipulati prima della sua uscita dalla società, con il rischio di perdere la sua buonauscita in azioni da 20 milioni di sterline.

I 750 addetti di MediaMonks, società produttrice di  giochi, film, siti web e tecnologia per la realtà virtuale con 11 uffici in 10 Paesi in Europa, Asia, America Latina, Usa e revenue pari a 110 milioni di euro, entreranno a far parte di S4 Capital.

Commentando l'acquisizione, Sorrell ha dichiarato: "Siamo orgogliosi di poter unire le forze con MediaMonks. Questo rappresenta uno step significativo nella costruzione di una nuova piattaforma digitale per i clienti. MediaMonks è tutta orientata verso i new media, i dati, il contenuto e la tecnologia. Il nostro prossimo step sarà costruire una piattaforma ulteriore per aggiungere data analytics significativi e digital media buying".

Victor Knaap, Chief Executive di Media Monks, ha dichiarato: “Il merge rappresenta  un'evoluzione per l'industry creativa verso comunicazioni di nuova generazione".