Eventi

Hack The Icon: Ogilvy invita gli studenti del Politecnico a realizzare un progetto di upcycling intorno al vasetto di Nutella

La formula è semplice: due giorni, 11 e 12 marzo, una sede, l’Upcycle di Milano, un manipolo di studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano guidati da Giulio Ceppi, 48 ore per ideare e realizzare un progetto di upcycling intorno al vasetto di Nutella, facendone un oggetto utile per la nostra quotidianità. L’intero evento può essere seguito sulle pagine social di Wired e di Nutella (Facebook e Instagram).

Ci sono icone che fanno parte della nostra vita quotidiana, immutate, da sempre: il vasetto di Nutella è una di queste. L’originario pelikan, dalla forma caratteristica e inimitabile, è il protagonista indiscusso della nostra prima colazione da oltre cinquant’anni.

E se ci fosse un modo per renderlo qualcosa di più, e allungare la sua vita oltre la fine del suo prezioso contenuto? Questa è la domanda che si sono posti Nutella e Ogilvy, dando vita a Hack the Icon, il primo hackathon analogico per trasformare l’iconico vasetto di Nutella in qualcosa di nuovo e completamente diverso.

La formula è semplice: due giorni, 11 e 12 marzo, una sede, l’Upcycle di Milano, un manipolo di studenti della Scuola del Design del Politecnico di Milano guidati da Giulio Ceppi, 48 ore per ideare e realizzare un progetto di upcycling intorno al vasetto di Nutella, facendone un oggetto utile per la nostra quotidianità. A giudicare i progetti presentati, una giuria che vede presenti anche importanti esponenti del design, come Alessi, e la voce più autorevole della modernità, Wired.

L’intero evento può essere seguito sulle pagine social di Wired e di Nutella (Facebook e Instagram), dove verranno celebrate tutte le idee presentate e soprattutto il progetto vincitore, mentre il sito nutella.it si arricchirà di un’intera sezione dedicata all’upcycling, con tanti tutorial per trasformare il proprio vasetto vuoto in casa, insieme.

"La vera sfida di un brand è quella di sapersi rinnovare e adattare a nuovi comportamenti – spiega Paolo Iabichino, Chief Creative Officer di Ogilvy – e con Nutella e Hack The Icon abbiamo dimostrato che non solo si può andare incontro a nuove abitudini e nuovi temi, ma anche che si possono promuovere comportamenti virtuosi, senza mai snaturare la natura iconica e riconoscibile della marca".

Credits
Chief Creative Officer: Paolo Iabichino, Giuseppe Mastromatteo
Client Creative Director: Lavinia Francia
Senior Art Director: Andrea Sghedoni
Copywriter: Ludovica Di Biasi
Art Director: Annachiara Candiani

 

Veniamo ora ai vincitori

 

1° classificato: Laura Tardella - Alberto Zerbi

Caffè? è un dosatore per caffè che si adatta a una moka da 2 fino a 9 persone. Il meccanismo presente all’interno permette di far ruotare la maniglia a “n”, simbolo della Nutella. La sua forma permette di capire se il dosatore è aperto o chiuso; infatti, ruotando, la “n” diventa una “u” e vicersa. Il contesto di utilizzo sono i momenti della colazione o del fine pasto, attimi di convivialità dove anche il gesto più semplice diventa rituale.

 

2° classificato: Carolina Giorgiani - Rei Morozumi

Bilancella è una bilancia da cucina basata su una gestualità semplicissima, il funzionamento si basa sul sollevare il tappo per pesare il barattolo. Il progetto segue il principio del dinamometro, utilizzando una molla come sistema analogico di peso, permettendo di pesare qualsiasi ingrediente si voglia per un massimo di 500 grammi.

 

3° classificato: Francesco Frulio - Zhang Qixing

THE’ K. La bevanda all’interno dal barattolo dà nuova forma e colore al vasetto rendendolo protagonista tramite l’utilizzo di un semplice tappo che, una volta avvitato, lo trasforma in una comoda teiera o porta caffè.

 

Tutti i progetti presentati dagli studenti saranno disponibili sul sito Nutella.it dove, a partire da metà marzo, ci sarà una nuova sessione dedicata all’Up-cycling come spunto per incoraggiare gli utenti più creativi a riutilizzare a casa propria i barattoli, che con un pizzico di fantasia e manualità possono trasformarsi in qualcosa di davvero originale e innovativo.

SP