Location

Riapre l'Arena Casarini di Verona, al via il primo ciclo di eventi

Dopo il Grand Opening di dicembre, che ha restituito alla città una delle sue location più suggestive, il Due Torri Hotel inaugura il primo ciclo di eventi pronti ad animare l’Arena Casarini. A partire da mercoledì 10 febbraio 2016 per arrivare fino a metà giugno, in programma una serie di eventi musicali.
Inaugurerà mercoledì 10 febbraio il primo ciclo di eventi ideati dal Due Torri Hotel di Verona per animare e aprire al pubblico la meravigliosa Arena Casarini che un accurato lavoro di recupero volontario da parte del   Gruppo Duetorrihotels ha riportato agli antichi splendori lo scorso dicembre.
 
Nell’ampio salone affrescato dal maestro Pino Casarini – unico a tema circense nella carriera del grande affreschista italiano – si succederanno quattro appuntamenti musicali che accompagneranno gli ospiti fino al mese di giugno.
 
Il 10 febbraio si parte con un omaggio al 'Circo Equestre' affrescato da Casarini: Tutti al circo. Venghino, signori, venghino è infatti il titolo dello spettacolo di danza acrobatica africana del giovane gruppo Asante Kenya. L’esibizione sarà preceduta da uno standing buffet in lounge in abbinamento a vini di Allegrini.
 
Mercoledì 30 marzo, sarà la volta di John & Paul Neverending Story…Un tributo ai Beatles con Frank Faggi e Francesco Fiorito con la partecipazione di Claudio Sebastio ed Enrico Bentivoglio “Benty”. L’esibizione sarà preceduta da uno standing-buffet lounge accompagnato dai vini di Gerardo Cesari.
 
L’11 maggio spazio alla musica e alla danza tradizionale spagnola con il gruppo “Las Flamencas”. Lo spettacolo di flamenco sarà preceduto da un buffet a tema dai “sapori” spagnoli servito sulla terrazza panoramica dell’Hotel – unico Rooftop della città di Verona – con abbinamento di vini Zenato.
 
Il 15 giugno gran finale con  Una Grande Griffe, Una Grande Cucina, Un Grande Vino , défilé di alta moda con sorpreso. La serata sarà preceduta da un momento enogastronomico ideato ad hoc dall’executive chef Sergio Maggio in collaborazione con l’azienda agricola Romano dal Forno.