Video

'La stanza degli abbracci', la campagna di Tornatore per la vaccinazione anti-covid. Ma un'agenzia creativa non c'è

Fa riflettere il fatto che, come già successo per 'L'Italia rinasce con un fiore', affidata all'archistar Boeri, anche per questa campagna, in questo caso voluta dal Commissario Straordinario per l’emergenza Covid19 Domenico Arcuri, si sia puntato su un professionista di grande fama senza coinvolgere anche un partner consulenziale a tutto tondo come le agenzie dell'industry della comunicazione.

Il Commissario Straordinario per l’emergenza Covid19 Domenico Arcuri ha coinvolto il regista siciliano Giuseppe Tornatore per la campagna finalizzata alla promozione nazionale della vaccinazione anti-covid. E' nato 'La stanza degli abbracci' il primo di 4 spot, ideati e diretti pro bono da Tornatore con le musiche del maestro Nicola Piovani.

In questo soggetto si vedono un'anziana madre e sua figlia che si abbracciano, divise da un telo di plastica trasparente. La donna confessa alla mamma di avere molti dubbi. "I dubbi aiutano, devi volerti bene", dice l'anziana, mentre il vento solleva il telo di plastica.

Lo spot è prodotto da Marco Belardi per Lotus Production, una società di Leone Film Group (Produttore esecutivo Enrico Venti). Fa riflettere, ancora una volta, la decisione di non coinvolgere per questo importante progetto un'agenzia dell'industry della comunicazione, come già avvenuto per 'L'Italia rinasce con un fiore', la campagna del governo Conte (leggi news) affidata all'architetto Stefano Boeri, diffusa da metà gennaio con spot in televisione, in radio, su siti web e sui social e con totem informativi davanti agli ospedali, nei parchi, negli uffici pubblici e nelle scuole per sensibilizzare gli italiani alla campagna vaccinale anti-covid.