Evento pubblico

Piano B porta a Milano una maxi scatola da scarpe per imparare l'empatia. Levi's è partner dell'iniziativa

"Mettiti Nelle Mie Scarpe", versione italiana dell’opera esperienziale di Empathy Museum di Londra, comparirà in Piazza XXV Aprile in occasione della Milano Fashion Week, in programma dal 21 al 28 settembre. La sigla fondata da Mario Viscardi (in foto) ha deciso di investire direttamente in una produzione aperta al pubblico con scopo sociale nonostante il biennio di difficoltà che la categoria dell'organizzazione grandi eventi si lascia alle spalle, fedele al principio che la vera ripresa deve essere equa, partecipata e di supporto all'individuo.
Inaugura "Mettiti Nelle Mie Scarpe", versione italiana dell’opera esperienziale di Empathy Museum di Londra.
 
Dal 21 al 28 Settembre Fondazione Empatia Milano insieme a Levi’s, con il contributo di Fondazione di Comunità Milano, portano nel capoluogo lombardo la maxi installazione dell’artista Clare Patey, che sarà presente e disponibile per interviste.
 
In occasione della Milano Fashion Week, in programma dal 21 al 28 settembre (leggi news), una gigantesca scatola da scarpe comparirà in Piazza XXV Aprile per un'esperienza in cui scegliere e indossare un paio di calzature per camminare “nelle scarpe degli altri” ascoltandone le storie: da un'idea del filosofo sociale Roman Krznaric, tra i più popolari pensatori britannici del nostro tempo e fondatore di Empathy Museum di Londra, l'esercizio empatico assume un valore ancora più ampio ed attuale nel mondo post pandemia per ri-umanizzare la società contemporanea.
z
L’intera opera d’arte si basa, infatti, sul concetto di empatia elaborato da Krznaric: non una dote innata che abbiamo o non abbiamo dalla nascita, ma una capacità che può essere sviluppata e “allenata” nel tempo, aprendoci all’ascolto degli altri e all’accettazione della diversità come fonte di ricchezza e di arricchimento personale.
 
L'installazione, grande 2,44 x 6,21 mt, sarà il punto aggregativo dove ritirare scegliere uno paio di scarpe tra quelli in esposizione come in una sorta di grande negozio. A ciascun paio sarà abbinata una storia raccontata dalla viva voce del protagonista: 31 podcast originali (21 in italiano e 10 in inglese) testimoniano realtà di ordinaria fatica e quotidiana normalità della città di Milano e non solo, proponendo intenzionalmente anche prospettive e punti di vista disturbanti e sconosciuti.
 
L'iniziativa è curata da Piano B, (in foto il fondatore, partner e direttore artistico Mario Viscardiche ha deciso di investire direttamente in una produzione aperta al pubblico con scopo sociale nonostante il biennio di difficoltà che la categoria dell'organizzazione grandi eventi si lascia alle spalle, fedele al principio che la vera ripresa deve essere equa, partecipata e di supporto all'individuo.
 
L'esperienza sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 13.00 alle 20.00