Sponsorizzazioni

D'Amico partner del Padiglione della Repubblica di San Marino alla 60ma Biennale di Venezia con il progetto Nomader

Il Padiglione ospita un corpus di opere realizzate da Eddie Martinez pensate appositamente per La Fucina del Futuro, sede del Padiglione, in continuità con la Biennale Architettura 2023.

D’Amico,  tra le principali aziende italiane specializzate nella produzione di conserve alimentari, accompagnerà il Padiglione della Repubblica di  San Marino alla 60esima Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di  Venezia, dal 20 Aprile al 24 Novembre, con il progetto Nomader, a cura di Alison  M. Gingeras. 

Il Gruppo è legato al mondo dell’arte ed è sostenitrice di diversi  progetti culturali supportando così la creatività e la bellezza. 

D’Amico è partner, per la seconda volta, del Padiglionepartner della Repubblica di San Marino che ospita un corpus di opere realizzate da Eddie Martinez (foto)  pensate  appositamente per La Fucina del Futuro (Calle San Lorenzo 5063B, Castello), sede  del Padiglione in continuità con la Biennale Architettura 2023. 

Il Padiglione di San Marino è progettato e realizzato da FR Istituto d'Arte  Contemporanea S.p.a., azienda sammarinese che fa capo a Roberto Felicetti,  Vincenzo Rotondo e Alessandro Bianchini, con il supporto della Segreteria di  Stato per l’Istruzione e la Cultura e la supervisione del commissario Paolo Rondelli  e del vice commissario Riccardo Varini

“Siamo entusiasti di partecipare a uno degli eventi artistici più importanti. – dichiara Sabato D’Amico, Amministratore Delegato dell’omonima Azienda – Amiamo la cultura  e la creatività in ogni sua sfumatura, e a sostegno di ciò, abbiamo lanciato il progetto  Vasi D’Autore, una collezione Limited Edition che ogni anno coinvolge artisti differenti.  L’obiettivo è non solo sostenere e diffondere l’arte e la cultura, ma anche sensibilizzare  e coinvolgere le persone in azioni sostenibili attraverso il riutilizzo dei vasi. I vasi,  infatti, rappresentano un’idea originale e innovativa, trasformandosi, una volta  consumato il prodotto, in oggetti contemporanei di design per arredare casa o per  conservare pasta, spezie, biscotti, caffè, zucchero e matite”