Gare

A Matitegiovanotte la gara dell’Università di Bergamo

La nuova immagine sarà visibile in affissioni cittadine, nelle guide per lo studente, in messaggi radiofonici e video promozionali. La creatività è a cura di (da sinistra nella foto): Antonella Bandoli (copy), Barbara Longiardi (direttore creativo e art ), e Patricia De Croce (copy).

La gara indetta dal polo universitario bergamasto si è appena conclusa con l'assegnazione dell'incarico triennale a Matitegiovanotte (da sinistra nella foto: la copy Antonella Bandoli, il direttore creativo e art Barbara Longiardi, e la copy Patricia De Croce). Il budget per i tre anni è di circa 240.000 euro.

L'immagine risultata vincente, nei soggetti istituzionali e in quelli dedicati alle singole Facoltà, fa del "Sapere" il tema centrale. Il sapere è ciò che ci si aspetta da una formazione universitaria, è un concetto universalmente positivo che costituisce fonte di ricchezza indeperibile per l'individuo ed è trasversale sia nel tempo che nello spazio. La headline "Voglio sapere. Tutto qui." è una forte dichiarazione di volontà, in cui il soggetto mostra un atteggiamento deciso ed esprime una scelta pienamente consapevole. Il copy si chiude col pay off "Lieti di fare la tua conoscenza", un'idea molto "umanizzata" di formazione universitaria che privilegia anche aspetti di accoglienza.

Nel visual domina la figura del cerchio: privo di spigoli, senza sbalzi o differenze, dove tutto appare collegato. Perfetta metafora della conoscenza, che è una rete di collegamenti armonicamente integrati. I soggetti illustrati possiedono tutti la freschezza della giovane età e sono interpretati con lieve ironia; tutti vogliono rappresentare l'integrazione tra il Sapere universale e l'identità individuale, che insieme andranno a costituire il proprio personale bagaglio di conoscenze.

La nuova immagine dell'Università di Bergamo vivrà nei diversi elementi previsti dalla pianificazione: dalle affissioni cittadine alle guide per lo studente, dai messaggi radiofonici ai video promozionali.

La creatività è a cura di Barbara Longiardi (direttore creativo e art ), Antonella Bandoli e Patricia De Croce (copy).