Poltrone

Valentina Debernardi nuova Beauty Editor di Esquire e Harper’s Bazaar e creative director per i progetti speciali

Debernardi arriva al nuovo incarico dopo una carriera durante la quale ha realizzato progetti creativi editoriali di comunicazione multipiattaforma per aziende beauty, moda e lifestyle.

Un nuovo ingresso nel settore Beauty di Hearst, è Valentina Debernardi che dalla fine di questo mese di gennaio lavorerà su Esquire ed Harper’s Bazaar. Esquire  da quasi 90 anni parla ad un uomo sofisticato, elegante capace di scegliere la qualità, e Harper’s Bazaar, fondato nel 1867, ha contribuito a cambiare la storia del costume diventando il brand più autorevole a livello globale. 
 
Debernardi arriva al nuovo incarico dopo una carriera che la vede non solo padroneggiare una elegante scrittura giornalistica, ma anche la capacità di realizzare progetti creativi editoriali di comunicazione multipiattaforma per aziende beauty, moda e lifestyle.

Dopo gli studi alla facoltà di Sociologia, (indirizzo Comunicazione e Mass Media) all’Università Milano Bicocca, i suoi impegni nel mondo dell’editoria l’hanno sempre vista coniugare con grande creatività il giornalismo con la sua passione per il beauty, sfruttando tutti i nuovi media.  Può vantare la collaborazione con i più diffusi magazine italiani nel campo della moda e del beauty e tra questi anche una precedente esperienza in Hearst che l’ha vista Beauty, Fashion and Web Editor presso Marie Claire.  È stata la prima a proporre, già diversi anni fa, progetti di comunicazione integrati beauty supportati da video, print e social media.

Un’esperienza, precisa il gruppo in un comunicato, che la rende una figura professionale non solo adatta al nuovo incarico, ma anche al ruolo di creative director sui progetti speciali del mondo della cosmetica che affiancherà la sua carica.
 
Come si legge nella nota stampa del gruppo,  significativi i risultati ottenuti nel 2021 da Hearst Solutions nel settore con il fatturato digital che registra  +61% vs 2020, un dato rilevante anche considerando che il peso dei fatturati da FCP Digital per il settore beauty segna un sostanziale pareggio nel periodo gennaio-

novembre 2021.