Poltrone

Value Relations rafforza il suo team con l’ingresso di Paolo Siviero nel Consiglio di Amministrazione

A Siviero sono state assegnate le deleghe relative allo studio e sviluppo di nuove attività di consulenza, specificamente legate all’innovazione e al suo accompagnamento verso l’accesso al mercato. Grazie a una visione globale di sistema, Siviero contribuirà a supportare l’offerta di servizi di medio-lungo termine per il posizionamento strategico e l’introduzione di nuove tecnologie nel mercato, attraverso tutte le leve regolatorie, normativi e di politica sanitaria – che ne consentano una piena adozione.

Dal 10 gennaio 2022, Paolo Siviero è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione di Value Relations, che così rafforza e consolida le proprie competenze e si prepara a lanciare nuovi servizi dedicati all’innovazione in ambito healthcare. 

Value Relations è da oltre 15 anni al fianco di tutti gli attori della salute e della sanità, con un posizionamento da boutique di consulenza strategica nel settore, essendo sempre rimasta completamente italiana e indipendente.

Dopo una lunga esperienza all’Agenzia Italiana del Farmaco, a capo di quella che è oggi l’Area Strategia ed Economia del Farmaco, Paolo Siviero ha diretto il principale fondo d’investimento italiano dedicato all’healthcare.  Questo gli ha permesso di completare le proprie competenze nella valutazione, sviluppo e accesso all’innovazione, acquisendo una visione globale in grado di interpretare le attuali prospettive e il cambiamento in atto, tanto a livello nazionale quanto internazionale, sia dal punto di vista delle esigenze del settore pubblico quanto di quello imprenditoriale.

“Sono lieto di poter mettere a disposizione le competenze che ho acquisito in questi anni”, dichiara Siviero. “Collaborare con una realtà come Value Relations, che considero un’eccellenza per capacità e per serietà, mi permetterà di continuare ad offrire supporto a tutti gli attori coinvolti nel sistema salute, per facilitare quei processi di cambiamento che ancora di più faranno del nostro sistema uno dei migliori a livello internazionale. La sfida di supportare le aziende nella trasformazione verso un nuovo stile imprenditoriale, caratterizzato da un ruolo sociale attivo e propositivo – conclude – è uno degli aspetti in cui credo maggiormente, perché sono convinto che sia parte integrante del compito di offrire soluzioni volte al bene degli altri, che è a sua volta la vera missione delle imprese del settore”.

“L’intero ecosistema dell’healthcare – dichiara Marco Giorgetti, Managing Director di Value Relations – è attraversato da trasformazioni senza precedenti, e per questo, proprio adesso, abbiamo scelto di rilanciare la sfida che rappresenta da sempre il DNA di Value Relations: offrire consulenza davvero integrata, che non trascuri alcun sapere in grado di generare concretamente valore per i nostri partner. L’incontro con Paolo Siviero è stato davvero felice e al contempo del tutto naturale, perché il suo corso professionale e la sua sensibilità già assomigliano molto al nostro identikit societario: entrambi verticali nell’healthcare ma eclettici nelle competenze; e poi sostenitori convinti dell’innovazione e dello slancio imprenditoriale, ma al contempo persuasi che il più inestimabile dei valori, nel nostro ambito, consisterà sempre nel Servio Sanitario Nazionale in sé: nelle sue prerogative e nelle sue garanzie per i cittadini”.  

A Paolo Siviero sono state assegnate le deleghe relative allo studio e sviluppo di nuove attività di consulenza, specificamente legate all’innovazione e al suo accompagnamento verso l’accesso al mercato. Grazie a una visione globale di sistema, Siviero contribuirà a supportare l’offerta di servizi di medio-lungo termine per il posizionamento strategico e l’introduzione di nuove tecnologie nel mercato, attraverso tutte le leve – regolatorie, normativi e di politica sanitaria – che ne consentano una piena adozione.

Forte dell’esperienza quale investitore, Paolo Siviero supporterà inoltre l’offerta di servizi dedicati al trasferimento tecnologico, alle start-up e alle imprese che intendono far crescere la propria capacità di innovazione. Non mancheranno infine attività di supporto alle imprese che mirano ad avviare un processo di trasformazione verso uno stile di imprenditoria sempre più etico e sostenibile, adottando parametri ESG in grado di promuovere una coesistenza sempre più sinergica e sostenibile fra l’attività d’impresa, l’ambiente e il territorio.