Industry

Bea Educational, Tedeschi (Canon Italia): “Oltre lo storytelling c’è lo storydoing: raccontiamo noi stessi ma ascoltiamo anche le storie dei nostri consumatori”

Una comunicazione a tutto tondo per ingaggiare e fidelizzare i consumatori, una politica di gestione delle gare e dei brief etica e professionale. Canon Italia si racconta al Bea Educational attraverso le parole di Paolo Tedeschi, Corporate & Marketing Communications Senior Manager.

“Non tutti sanno che il 64,3% del fatturato di Canon proviene dall’ambito b2b e dai servizi di business. Ciò significa che meno del 36% deriva dal b2c. Lavoriamo, quindi, molto spesso con le agenzie e il nostro modus operandi è quello di mantenere un approccio etico e professionale che deriva da una filosofia ben precisa: non ingaggiamo mai più di 4 agenzie, di cui due che già hanno lavorato con noi e due nuove che hanno suscitato il nostro interesse; concediamo sempre un tempo comodo e adeguato per le presentazioni e diamo indicazioni di massima sul budget. Inoltre, rispondiamo entro 48 ore e diamo costanti feedback sulle proposte delle agenzie. Questo è ciò che secondo noi un’azienda deve fare per creare un circolo lavorativo virtuoso”.

A spiegare la filosofia aziendale è Paolo Tedeschi, Corporate & Marketing Communications Senior Manager Canon Italia, che racconta alla platea del Bea Educational quali sono le esigenze di comunicazione del brand.

“Noi vogliamo fare eventi per ingaggiare, comunicare, stare insieme al nostro pubblico e ai nostri amici. Per questo, abbiamo scelto di attuare un re-branding aziendale passando dalla filosofia ‘come & see’ a quella dello storytelling. Che poi, più che storytelling, è qualcosa di oltre, è ‘storydoing’: raccontiamo noi stessi ma ascoltiamo anche le storie dei nostri clienti per poter dare loro gli strumenti per comunicarle e amplificarle”.

Come Canon ha voluto raccontarsi? Creando un nuovo hashtag, #liveforthestory, sviluppato in diversi step.

Prima di tutto, l’azienda ha scelto di mettere in campo un’operazione di internal branding. “Spesso ci si dimentica che i primi a comunicare sono gli interni all’azienda, i colleghi, i dipendenti. In un giorno abbiamo ‘ribrandizzato’ gli ambienti, gli ascensori, le aree break con il nuovo leit motiv”.

Le fasi successive hanno previsto l’attivazione social e sul territorio. “In particolare, abbiamo diffuso tra i consumatori #livefothestory attraverso una consumer activation sul territorio con iniziative come il Wide Photo Fest - con workshop, test, junior academy, tavole rotonde - o come la Photo Marathon Milano per tutti gli appassionati di fotografia o, ancora, l’Influencer Treasure Hunt, una caccia al tesoro ricca di sorprese”.

 

Come viene diffuso lo spirito di #LiveForTheStory?

Attraverso molteplici canali:

-Brand awareness

 -Contest

- Workshops

- Touch & Try

-Promotion

-Partnership

 

“Ci muoviamo nella direzione di una vicinanza sempre maggiore ai nostri consumatori - conclude Tedeschi - . Oltre agli eventi, abbiamo anche realizzato il Canon Pass Project, una sorta di card per un club che consente molteplici vantaggi… Insomma, chi vuole lavorare con noi deve ‘sposare’ il nostro mood e supportarci nel rapporto con il cliente a 360°”.

Serena Roberti

--------------------------------

Il Bea Educational è un evento ADC Group
Main partner: Residenza di Ripetta
Technical partner: 360 agency, Digivents, Hotel Beverly Hills Rome, Planet Congress, Sinergica