Poltrone

Alessandro Oldin entra nel team di Future Age in qualità di Digital Mentor

Oldin è stato selezionato su un campione di 50 manager a livello interazionale.

Future Agesocietà di Change Management e innovazione ad alto impatto, annuncia l’ingresso nella sua squadra di Alessandro Oldin in qualità di Digital Mentor.

“Alessandro rispecchia esattamente la mia idea di manager ‘centrato’. Un tipo di manager, cioè, che grazie a competenza e passione è riuscito a costruirsi una carriera di grande successo”, commenta Paolo BorghettiBusiness & Digital Mentor fondatore e Ad di Future Age, che ha affiancato con successo oltre 300 PMI italiane nel processo di evoluzione da impresa accentrata-artigianale a impresa digitale. E ha poi aggiunto: “Alessandro è un manager che ascolta, osserva, che non ha bisogno di mostrare e ostentare il suo bagaglio di conoscenze perché ha solo un obiettivo: il successo del Team”.

Degna di nota l’esperienza lavorativa di Oldrini in Pedrollo, azienda leader nella produzione di pompe complesse nella quale passa da responsabile di reparto a capo di un team di 100 persone fino poi a ricoprire il ruolo di Project Manager per l’avvio di una start up produttiva all’estero. In particolare, per l’azienda il Manager interviene sulla programmazione e sui flussi di lavoro delle Business Units per ottimizzarne il funzionamento.

La sua carriera prosegue poi in Uteco, azienda specializzata nella produzione di macchine da stampa, per la quale gestisce un team di 200 persone. Durante il suo mandato lavora su commesse personalizzate, si occupa della riorganizzazione di tutto il sistema logistico, dellarevisione e ristrutturazione degli standard di lavoro e dell’implementazione di schedulatore a capacità finita.

Oltre all’implementazione dei nuovi moduli di SAP in Uteco, il Manager ha partecipato alla messa in opera in azienda di AS400, Zucchetti e Microsoft AX. Inoltre, ha partecipato all’inserimento di software CAD CAM sino al go-live finale. Ha, inoltre, esperienza nell’implementazione di progetti 4.0.

“Non è un caso se Alessandro ha gestito centinaia di persone all’interno di aziende industriali iper strutturate. Non è un caso se lo abbiamo selezionato su un campione di 50 manager a livello interazionale. Non è un caso se ha scelto il progetto Future Age”, ha chiosato, infine, Borghetti.