Congresso - convegno

Sostenibilità e innovazione, la rivoluzione che sta trasformando i Business Leaders dell’impresa contemporanea protagonista all’Allianz MiCo con il Business Leaders Summit targato Fiera Milano

Oltre 100 speaker, 6 palchi paralleli e più di 2 mila top manager attesi per una due giorni di incontri e confronti non stop per tracciare la roadmap del business italiano e non solo. Tra i relatori anche nomi illustri della musica italiana, come il cantautore Roberto Vecchioni, o della ricerca scientifica, come Barbara Mazzolai e Sandro Fuzzi, ma anche esperti di geopolitica, economia ed innovazione, come Paolo Magri, Alessandro Fontana e Massimo Sideri. L’appuntamento è in programma per l’11 e 12 giugno.

500 miliardi di euro all’anno. È questo, secondo gli analisti internazionali, il vero valore economico di investimento necessario alla realizzazione della Twin Transition, ovvero, quella trasformazione verde e digitale di cui il mondo ormai ha sempre più bisogno per guardare al futuro. Un contesto, questo, nel quale manager e nuovi talenti devono migliorare le proprie competenze per imparare ad abbracciare il cambiamento in atto. E sarà proprio da qui, da questo numero e da questo concetto che l’11 e il 12 giugno 2024, presso l’Allianz MiCo di Milano, Business International, la knowledge unit di Fiera Milano, darà vita alla nuova edizione primaverile del Business Leaders Summit. Un’iniziativa pensata per aiutare manager e imprese a confrontarsi su strategie, sfide, opportunità e trend proposti dai mercati, al fine di trovare soluzioni innovative che sappiano interpretare nel modo migliore l’epocale rivoluzione che stiamo vivendo a cavallo tra la ricerca della sostenibilità e la voglia di esplorare le inedite frontiere dell’intelligenza artificiale.

Con oltre 100 speaker coinvolti a livello nazionale e internazionale e la prospettiva di ospitare più di 2mila executive di alcune delle più importanti aziende operanti sul territorio italiano, il più grande evento in Italia dedicato ai migliori C-Level dell’impresa contemporanea quest’anno per la prima volta ha deciso di allargare il proprio raggio d’azione anche ad altre due funzioni aziendali che risultano essere sempre più centrali in quel processo di trasformazione orientato a un business in grado di essere sostenibile a 360 gradi e al contempo di produrre innovazione: il Chief Marketing Officer e il Chief Sustainability Officer. Nascono, così, il CMO Summit e il Chief Sustainability Officer Summit. Due momenti d’incontro che guardano al futuro, alla capacità di attrarre l’attenzione di differenti tipologie di generazione e alla necessità di porre grande attenzione verso nuovi valori etici, green e di eguaglianza sociale. Terreni di dialogo e confronto che consentiranno ad esperti, accademici, decision maker e referenti di istituzioni e associazioni di categoria di discutere dei cambiamenti in atto tanto nelle aziende, quanto nella nostra società e sul nostro pianeta, cercando però di offrire anche informazioni puntuali e proposte di soluzioni efficaci ed efficienti.

 “Lo sviluppo di due nuovi format all’interno del Business Leaders Summit è il risultato di un ascolto del mercato e della trasformazione in atto – ha commentato Davide Orgiu (nella foto), Direttore di Business International e Digital Revenue di Fiera Milano –. Un’attenzione verso la rivoluzione verde e digitale che è diventata ormai un must have che non può più essere ignorato e la presenza all’evento di figure così rilevanti, e allo stesso tempo così diverse tra loro, sottolinea anche il valore della centralità della persona e della multidisciplinarietà delle idee come elementi cardine nello sviluppo di una nuova cultura e di un nuovo modo di fare impresa. Concetti su cui Fiera Milano punta da sempre, proponendosi come luogo d’incontro e confronto attivo 365 giorni l’anno, ma soprattutto come hub d’innovazione, sostenibilità e creazione di nuove competenze”.

Due nuovi format che si uniranno, quindi, ai già consolidati summit prodotti dalla business unit del polo fieristico milanese, che da oltre 35 anni coinvolge professionisti e imprese tra convegni, corsi di formazione ed eventi ad hoc, in un dialogo costante, in grado di accrescere competenze e generare inedite opportunità di grande valore.

All’interno del Business Leaders Summit, così, ritroveremo il CFO Summit (dedicato al mondo del Finance), l’HR Directors Summit (focalizzato sul mondo delle risorse umane e del lavoro), il CPO Summit (pensato per dare voce al mondo degli Acquisti e della Supply Chain) e il Global Risk Forum (ideato per coinvolgere la community dei Risk Manager). L’obiettivo, come sempre, sarà quello di creare la più grande agorà di networking in Italia dedicata al mondo della C-Suite. Uno spazio che vedrà sei differenti palchi paralleli e due vere e proprie arene, dove i relatori si metteranno in gioco tra gamification, roundtable, best practice, presentazioni di case history e premiazioni. Non mancheranno, infatti, momenti speciali come la premiazione dei Business International Finance Awards o i Circular Procurement Awards e EY Risk Transformation Awards 2024 che animeranno la serata del primo giorno. Nella sua rinnovata veste di grande manifestazione concentrata a tracciare la roadmap del futuro dell’impresa, però, il Business Leaders Summit sarà anche molto altro. Un’area espositiva ancora più estesa e dinamica rispetto agli altri anni, dove poter conoscere nuove realtà d’eccellenza e creare nuove opportunità di business. Una proposta di contenuti molto più ricca e articolata che vedrà anche momenti speciali di incontro e confronto della community, come nel caso della “The “X” Business Leaders Conference”, realizzata in collaborazione con X nel pomeriggio del 12 giugno, per analizzare come cambiano le strategie di posizionamento e marketing dei brand nell’era delle everything app. Un universo in cui la scienza si fonde con l’impresa e l’arte gioca con le parole per proporre direzioni da seguire e strategie da applicare, sempre però sulla base di dati e informazioni certe, come quelle che verranno proposte attraverso l’annuale ricerca sul mondo del lavoro, realizzata da Inaz in collaborazione con Business International, che sarà presentata la mattina del 12 giugno con il titolo “The AI impact: come l’intelligenza artificiale sta trasformando il mondo delle Risorse Umane”.

Ciò che di sicuro, però, non cambierà nemmeno in questa edizione sarà la consueta presenza di esperti, rappresentanti delle istituzionale, accademici, personalità di spicco del mondo della cultura, dell’impresa e della scienza, come il cantautore, Roberto Vecchioni, la Direttrice del Bioinspired Soft Robotics Lab dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Barbara Mazzolai, l’inviato ed editorialista del Corriere della Sera  e professore aggiunto presso l’Università Luiss Guido Carli, Massimo Sideri, il Managing Director, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale, Paolo Magri, il Direttore Centro Studi di Confindustria, Alessandro Fontana, l’Associato Senior dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR e Membro dell’IPCC - Intergovernmental Panel of Climate Change delle Nazioni Unite, Sandro Fuzzi, il Professore Ordinario del Dipartimento del Business e Management dell’Università LUISS Guido Carli e Commissario Straordinario di Acciaierie d’Italia, Giovanni Fiori, l’economista, professore universitario, più volte Ministro e fondatore dell’ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile), Enrico Giovannini e molti altri.