Evento pubblico

Con Superdesign Show Superstudio invita a 'guardare oltre' e svela le prime anticipazioni dell'edizione in programma per il Fuorisalone 2022

L'evento prenderà vita negli storici spazi di Superstudio Più, in via Tortona, come un “villaggio” spontaneo, sviluppato per aree di interesse e installazioni site specific nei grandi saloni industriali. Il nuovo format dell'evento, lanciato con l’edizione di settembre 2021, conferma la direzione creativa di Gisella Borioli e l’art direction di Giulio Cappellini, che l'hanno reso sempre più prestigioso e interessante.

Looking Ahead: questo il tema generale pensato per dare una linea comune alla prossima edizione di Superdesign Show di Superstudio, durante la Design Week 2022. La manifestazione invita designer e aziende ad allinearsi per “vedere oltre”, esplorare territori sconosciuti, anticipare necessità e tendenze, tradurre la parola “sostenibilità” in proposte concrete, ridisegnare la nostra vita improvvisamente fattasi più complicata. 

Il nuovo format di Superdesign, lanciato con l’edizione di settembre 2021, conferma la direzione creativa di Gisella Borioli e l’art direction di Giulio Cappellini, che hanno reso - dal 2000 a questa parte - l’evento Superdesign Show sempre più prestigioso e interessante.

La prossima edizione sarà impostata, negli storici spazi di Superstudio Più, come un “villaggio” spontaneo, sviluppato per aree di interesse e installazioni site specific nei grandi saloni industriali. Aziende e designer affronteranno tematiche di grande attualità guardando, appunto, lontano.

Di seguito alcune anticipazioni.

ASIAN IMPACT - Una grande mostra corale in cui Giappone, Tailandia, Hong Kong, Singapore interpretano il mondo globale con proposte che rispettano la loro tradizione ma si integrano con la tecnologia e l’estetica della contemporaneità. Dall’automotive agli arredi, dalle installazioni evocative a avanguardistiche simulazioni 3D, l’Oriente è molto presente nella sua poliedricità. Tra le anticipazioni segnaliamo Toyo Aluminium con “Resonance: Vortex to Diversity” scultura in alluminio disegnata dai pigmenti, concept di Toshiya Hayashi e Hokuto Ando. Crossing culturale per “Look into Nature” arredi che utilizzano l’igusa (varietà di giunco coltivato nelle risaie) disegnati per la giapponese Adal dal designer tedesco Michael Geldmaker. Il curatore Eggarat Wongcharit espone il miglior design tailandese nel progetto espositivo Slow Hand Design Exhibition 2022” organizzato dal Department of International Trade Promotion (DITP), “riflettendo sulla probabilità dell'imprevedibilità legata alla pandemia con il tema “Incertezza = Certezza”.

SUPERGARDEN - Nel grande art-garden all’ingresso di Superstudio, tra le sculture di Flavio Lucchini, troveremo Tiny Company con una casetta minima tutta in vetro di 25 mq, mentre una installazione diffusa racconta le novità dell’arredo open-air con le diverse possibilità di vivere outside, le nuove funzioni interno/esterno di oggetti e architettura in una visione amica della natura. Progetto a cura di Giulio Cappellini. 

HOME SWITCH HOME - Haier con “Home Switch Home” e le tre installazioni immersive dei suoi brand Haier, Candy, Hoover, ci farà sperimentare la casa del futuro. Più di 1000 mq dedicati alla Smart Home, all’Internet of Things e all’intelligenza artificiale declinati ad hoc per ognuno dei tre brand.

CASE COZY COSI’ - Un confronto stimolante e senza confini che crea, con forme morbide design minimale e human-technology, ambienti dall’alto tasso di benessere abitativo introducendo anche il “design sentimentale” che attinge ai ricordi familiari sviluppando innovazione. Troveremo il designer ungherese Gaspar Bonta, dalla Polonia i salotti rassicuranti di Sits, dal Giappone il soggiorno essenziale e tecnologico di mui Lab, da Singapore i complementi passpartout di Objkt Studio. Senza dimenticare la semisfera che purifica l’aria del salotto di My Air Pure con il progetto Space di Giorgio d’Alessandro e le soluzioni domotiche di Black Nova. Dalla Croazia la collezione di arredi dalle forme arrotondate di Metoda, dall'Olanda Satelliet Originals con una intera collezione di pezzi inconfondibili. Sorprendente l’installazione di LFM dove il grande divano del designer Alessio Salvo esprime la sua comodità a forma di parola.

ART INTERACTION -  Il design in una interpretazione che si spinge oltre l’oggetto e si racconta con l’arte basata su concetti innovativi e tecnologie avanzate. All’ingresso l’opera di una grande scultrice, Maria Cristina Carlini, dove un imponente bosco pietrificato ci ricorda che la natura vive in uno stato di imminente pericolo. All’interno Habits Design Studio con “Sincronia”, installazione di interaction design che indaga la relazione tra movimento, luce e suono all’interno di un cerchio interagendo con l’energia scaturita dai Kataklò, gli Athletic Dancer di Giulia Staccioli o del pubblico stesso.
Si continua a riflettere sull’impatto delle grandi criticità di questo decennio con le dolls in carbonio della giapponese The MOT Company ispirate dalle opere di Flavio Lucchini. Carla Tolomeo, famosa per le sue sensuali sculture morbide che richiamano alla natura, con un’installazione site specific presentata da Formitalia. Tra arte e design Sara Ricciardi per gloTM presenta HyperNova, installazione dai diversi percorsi nella sala Lounge. Sul Roof TOILETPAPER magazine che cura un giardino urbano connesso agli artwork della Radical Pop collection gloTM sempre firmata da TOILETPAPER.

MATERIALS METAMORPHOSIS - “Urban Matter(s)-Material Reduction for a Lighter City” collettiva a cura di Materially propone soluzioni e orientamenti alle problematiche e ai grandi temi legati al vivere urbano, a partire dalla riduzione dell’impatto delle emissioni, dell’energia o dei materiali stessi. 

DONNE&DESIGN - Torna il tema della creatività femminile, attraverso la presentazione di alcune designer e delle loro creazioni. Nomi affermati o designer chiaramente talentuose, ciascuna si presenta attraverso un solo recente prodotto, un allestimento o una installazione, una sorta di “autoritratto creativo”. A partire dall’archistar Paola Navone alla designer Ilaria Marelli al collettivo di artiste e artigiane di FoodDesignStories. Un interessante contributo al design industriale e artigianale femminile.

ITALIAN MASTERS - Designer e artigiani saranno presenti con partecipazioni singole e in piccole collettive. Da scoprire la loro visione del design e le scelte dei più interessanti maestri del saper-fare del nostro paese. Con il progetto “Fingerprint Südtirol”, dieci aziende artigiane dell’Alto Adige presentano alta maestria, artigianato artistico e design contemporaneo, organizzato da lvh.apa Confartigianato Imprese, IDM Alto Adige, e Studio Oberhauser. La collettiva “Fuoriserie-Unicità per il domani” organizzata dal CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) mette in scena sette interessanti e selezionate realtà artigiane provenienti da tutta Italia e la loro idea di unicità attraverso pezzi tra arte e design.

FUTURE NOW - La presentazione del primo catamarano completamente elettrico grazie a pannelli fotovoltaici a emissioni 0 per il 90% del tempo, proposto da Rossinavi in collaborazione con lo Studio Zaha Hadid, invita con il progetto “Blu-E, The Underwater Experience” ad entrare in una grande “scatola” esperienziale che simula la vita subacquea e scoprire l’importante ruolo del fitoplancton nella nostra esistenza. Lexus presenta “Lexus–Sparks of Tomorrow”, una visione elettrizzante per il futuro del design automotive, con ON/, installazione dell'architetto e designer Germane Barnes. Poi svela i prototipi dei finalisti del Lexus Design Award 2022 e mostra il concept per la mobilità nel 2040 degli studenti del Royal College of Art di Londra.

THIRD DIMENSION - L’israeliana Stratasys con la collezione “Reflections” applica a tessuti, abiti, accessori, packaging, cosmetici e molto altro la pratica della terza dimensione, producendo rilievi ed effetti stupefacenti. La giapponese Forum8 con il tema "Beyond reality and design” ci dimostra come l’ultima tecnologia di visualizzazione in 3D permetta di entrare in una realtà virtuale architettonica dove collocare e vivere l’oggetto in ogni suo minimo dettaglio con una precisione estrema. E aggiunge altre esperienze di realtà virtuale che ci portano in un mondo intangibile ma con il quale possiamo interagire senza limiti fisici.

DREAMERS - Qui l’attenzione va alle giovani leve e ai talenti di domani. Tra questi molto interessante l’esperimento dell’Università di Malta SACES, Alka, il tessuto ricavato dalle alghe, frutto di una ricerca degli studenti. Da Hong Kong arriva “Project HK-UK: Design, Artistry and Craftsmanship” progetto di HKF&DA (Hong Kong Furniture and Decoration Trade Association), curato da Amy Chow, per valorizzare i nuovi talenti del design e per promuovere connessioni industriali e multiculturali. 18 mobili unici e immaginativi di 6 designer di Hong Kong di discipline diverse che hanno collaborato con 6 designer inglesi, mentre 40 giovani designer di Hong Kong hanno lavorato con i loro tutor sugli stessi temi. Piccole storie di individuale libera creatività con i MiniVasi realizzati da oltre cento maker di tutto il mondo, altezza massima 20 cm. A ciò si aggiunge l’installazione della scuola di design Marangoni, dove i giovani dreamers diventano professionisti del bello.

ARCHITECT-TOUR - Una riflessione sul mondo dell’architettura è proposta attraverso video e talk in un ambiente dedicato: Magnetti Building presenta in video l’importante restauro del teatro Donizetti a Bergamo ottenuta con tecniche e prefabbricati d’avanguardia che non ne hanno intaccato il sapore originale. Matrix4Design con la giornalista Laura Ragazzola invita tutti i giorni a seguire “Un architetto italiano a…”, i suoi reportage video negli studi d’architettura più famosi del mondo capitanati da un italiano.