UPDATE:
Tornano le Arena Opera Festival Experience, emozioni esclusive per le aziende. Il progetto, esclusiva di Fondazione Arena, è realizzato in collaborazione con il Gruppo Noahlity“Portiamo la Street Art nello spazio”: Star Bottle lancia un museo virtuale nel Deep SpaceSigep World approda a Singapore. Al via la prima edizione di Sigep Asia. Presenti oltre 300 Brand del Food&Beverage da 31 PaesiIPG Mediabrands. UEFA EURO 2024. Per Italia - Spagna 12,3 mln di spettatori e share del 57,9%. Di Rocco (UM Italy): “Un pubblico importante incollato alla tv. Un'audience eterogenea e rilevante, una grande opportunità per aziende e brand"Chi “Al Chiaro di Luna”: l’esclusivo summer party di “Chi” illumina quest’anno il Palace Hotel di Milano Marittima che firma l’allestimento insieme all’agenzia Left&RightRadio Norba Cornetto Battiti Live: per il quarto anno consecutivo Cornetto Algida è al fianco del festival musicale più atteso dell’estateFrancesco Poletti (Publicis Italy/Le Pub): "Cannes Lions 2024 conferma che la creatività che arriva all’audience si distingue per innovazione, impatto ed efficacia"illycaffè presenta “6 minuti per farla innamorare", il cortometraggio che celebra il caffè come gesto d’amorePeroni Nastro Azzurro torna a essere protagonista dell’estate italiana con Stile Capri Wave on Tour. Roadshow a cura di TrampCannes Lions 2024. Con 2 bronzi a Small NY/Indiana per Coordown (Film) e a Michele Mari per Amnesty International (Sustainable Development Goals) il medagliere italiano tocca quota 26 Leoni, 21 dei quali targati LePub Milan
Roadshow

Un convegno conclude il Grande Viaggio Alpino della Coppa delle Alpi by 1000 Miglia 2024. 1600 km percorsi in nome della sostenibilità ambientale

Alberto Piantoni, CEO di 1000 Miglia Srl: “Con questo progetto abbiamo voluto creare una rete fra le comunità alpine, che hanno una riserva di valori importante che abbiamo voluto raccontare con l’aiuto di queste vetture, capolavori di tecnica e design".

Si è concluso il Grande Viaggio Alpino della Coppa delle Alpi by 1000  Miglia 2024. Al termine di questo Grand Tour di 1600 chilometri lungo la dorsale alpina, che ha toccato  tutte e 7 le nazioni della macroregione, lungo il quale i 30 equipaggi in gara si sono sfidati in 90 Prove  Cronometrate e 18 Prove di Media, è arrivato il momento di tirare le fila. 

La mattinata si è aperta alle 9:30 con le premiazioni: vincenti Stefano Ginesi e Susanna Rohr con una Fiat  508 S Balilla del 1934; al secondo posto l’equipaggio belga Decremer-Mertens con la loro Aston Martin  Db2 del 1951 e, sul terzo gradino del podio, sono saliti Carrara e Consoli con una Jaguar XK 120 Ots del  1953. Dopodiché, ha avuto inizio il Convegno Finale che ha restituito il senso dell’itinerario tematico delle  tappe sede dei talk, in occasione delle quali, una squadra di esperti scelta da 1000 Miglia che ha viaggiato a  bordo di 8 auto storiche a seguito del convoglio, ha incontrato le istituzioni e i rappresentanti di buone  pratiche locali. Alberto Piantoni, CEO di 1000 Miglia Srl, ha presentato così il progetto: “Portare le  macchine d’epoca sulle Alpi per parlare di sostenibilità di primo acchito sembrava da pazzi. Ma l’audacia di 1000  Miglia oggi non riguarda più la velocità, è audacia di pensiero: con questo progetto abbiamo voluto creare una  rete fra le comunità alpine, che hanno una riserva di valori importante che abbiamo voluto raccontare con l’aiuto  di queste vetture, capolavori di tecnica e design. Le località hanno risposto con entusiasmo e ci hanno aperto  anche le porte dei loro centri pedonali”. Due le macroaree tematiche che sono state approfondite dai numerosi ospiti intervenuti sul palco: “Tracce di coscienza di luogo e buone pratiche nella piattaforma  alpina” e a seguire “Gli scenari e le grandi sfide della piattaforma alpina”.  

Questa edizione della Coppa delle Alpi resterà un unicum e nel 2025 la gara tornerà ad essere disputata in  inverno. La parte di Think Tank prenderà una strada indipendente, memore di quello che questo viaggio ha  lasciato. Paesaggi, voci, valori, la coscienza di un cambiamento urgente racchiuso in un’immagine rimasta  impressa negli occhi dei partecipanti: quella della mer de glace dal Rifugio Montenvers o, meglio, quello che  ne resta.