Integrated

Armando Testa ancora a fianco del FAI per 'aprire le porte dell'incredibile'

Il nuovo progetto di comunicazione, che parte da una multisoggetto di inedite immagini guida, ha l'obiettivo di consolidare il DNA della Fondazione, di sostenere la raccolta fondi, ma soprattutto di raccontare visivamente l'experience che il FAI regala a ogni stagione: la possibilità di scoprire luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente visitabili. La campagna si inserisce nella cornice delle Giornate Fai di Primavera 2019, in programma sabato 23 e domenica 24 marzo, quando più di mille siti di interesse culturale saranno visitabili in tutto lo Stivale. L'iniziativa è stata presentata questa mattina a Roma, con la partecipazione del ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli e del presidente Fai Andrea Carandini.

In occasione della 27ª edizione delle Giornate FAI di Primavera, si rinnova la collaborazione tra l'Armando Testa e il FAI - Fondo Ambiente Italiano. 
Il nuovo progetto di comunicazione, che parte da una multisoggetto di inedite immagini guida, ha l'obiettivo di consolidare il DNA della Fondazione, di sostenere la raccolta fondi, ma soprattutto di raccontare visivamente l'experience che il FAI  regala a ogni stagione: la possibilità di visitare luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente visitabili.

Il tutto attraverso una pluralità di sguardi e punti di vista, in modo che ognuno possa godere a pieno lo spettacolo delle tante meraviglie italiane.

Alla campagna, sviluppata su tutte le piattaforme, hanno lavorato sotto la Direzione Creativa Esecutiva di Michele Mariani l'art Tommaso Casarini e il copy Stefano Arrigoni, insieme al fotografo Marco Pignatelli  e all'Account Senior Carola Sessa.

La campagna si inserisce nella cornice delle Giornate Fai di Primavera 2019, in programma  sabato 23 e domenica 24 marzo, quando più di mille siti di interesse culturale saranno visitabili in tutto lo Stivale. L'iniziativa è stata presentata questa mattina a Roma, con la partecipazione del ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli e del presidente Fai Andrea Carandini.